Il parto in casa, istruzioni per l’uso

Società

«Il parto in casa rappresenta la forma post moderna dell’assistenza ostetrica, quindi il suo futuro». E’ il pensiero di Verena Schmid che ben illustra il nuovo lavoro di Elisabetta Malvagna, “Il parto in casa – Istruzioni per l’uso”. Malvagna, giornalista dell’agenzia Ansa, scrittrice e blogger, studia da anni il tema della nascita raccogliendo dati, ricerche e testimonianze in Italia e all’estero. A firmare l’introduzione è la cantante Giorgia, che ha voluto dare il suo contributo al libro di Elisabetta dopo aver partorito in casa il piccolo Samuel. Verena Schmid, che ha curato la prefazione, è ostetrica conosciuta a livello internazionale, autrice di numerosi libri e direttrice della Scuola Elementale di Arte Ostetrica di Firenze.
Cover Libro
Oggi la quasi totalità dei parti avviene in ospedale e il 40% di questi termina con un taglio cesareo. Negli ultimi tempi, però, sempre più donne vorrebbero vivere il parto da protagoniste, in un’atmosfera di intimità e fiducia.

Dopo “Partorire senza paura”, giunto alla seconda edizione, Elisabetta Malvagna nel suo nuovo libro Il parto in casa – Istruzioni per l’uso – in libreria dal 29 aprile (red!, 14,00 euro) – con l’occhio della giornalista indaga su questo tema senza prevenzione ideologica o intellettuale e sostiene, documentandola con un’ampia letteratura scientifica, la sicurezza di questa opzione che in Italia è ancora oggetto di resistenze, pregiudizi e tabù.

Partendo dalla propria esperienza di mamma di due bambini nati in casa, l’autrice riporta dati, statistiche e numerose testimonianze di personalità del settore, operatori e mamme che hanno partorito tra le mura domestiche. Ma Elisabetta Malvagna va oltre: non si tratta infatti solo di un libro sul parto in casa. L’autrice propone anche una riflessione sulla condizione della donna moderna e la nascita. Il libro fornisce anche numerosi e utili consigli pratici per prepararsi ad affrontare al meglio questo straordinario momento nella vita di una donna. Non mancano un ‘decalogo’ sull’allattamento e un ‘manuale di sopravvivenza’ per gravidanza, parto e post-parto, oltre a capitoli sulle Case di maternità, sul parto in casa sul web e sulle mamme-vip che hanno scelto questa alternativa al parto hi tech.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Come prescritto dai decreti legislativi 69/2012 e 70/2012 e dal comma 2 dell’art. 122 del Codice della Privacy, ovvero il recepimento italiano della cosiddetta Legge Europea 'Cookie Law', in questa pagina si spiegano le modalità con le quali questo sito utilizza i cookies.
Per ogni informazione sui cookies e il loro funzionamento si veda: www.allaboutcookies.org

Questo sito utilizza alcuni cookies per il funzionamento del sito stesso (cookies del tipo cosiddetto 'tecnico') e per migliorare la navigazione.
Noi non raccogliamo alcuna informazione personale con questo tipo di funzionalità e l'utilizzo dei cookies in questi casi è semplicemente necessario per il funzionamento del sito stesso.
Qualora non si sia d'accordo con l'utlizzo di questi cookies vi invitiamo a lasciare la navigazione su questo sito. Viceversa, il proseguimento della navigazione sul nostro sito è considerata alla stregua di un assenso. In alternativa, per limitare il ricevimento di cookie tramite il browser visita i seguenti siti per comprendere come impedire al tuo dispositivo di ricevere i cookie (a seconda del browser che adoperi): FirefoxInternet ExplorerGoogle Chrome e Safari. Naturalmente, in questo secondo caso non garantiamo il corretto funzionamento di tutte le parti del sito.

Interazione con piattaforme esterne
Questi servizi permettono di effettuare interazioni con i social network, o con altre piattaforme esterne, direttamente dalle pagine di questa Applicazione. Le interazioni e le informazioni acquisite da questa Applicazione sono in ogni caso soggette alle impostazioni privacy dell’Utente relative ad ogni social network e/o piattaforma esterna. Nel caso in cui sia installato un servizio di interazione con i social network e/o piattaforma esterna è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.

Chiudi