Dead Space 2, la nuova frontiera del fanta-horror

PCSony PlayStationXBox

E’ in uscita a gennaio 2011, dopo tre anni di lavorazione, Dead Space 2, secondo capitolo della serie considerata dagli appassionati alla stregua dell’equivalente video ludico di 2001 Odissea nello Spazio, nonchè titolo di sci-fiction più terrificante degli ultimi anni. Più spaventoso di Alien, al tempo stesso epico e claustrofobico, Dead Space 2 è un’opera che unisce horror e fantascienza in un perfetto mix di azione, inquadrature cinematografiche e una trama quanto mai articolata, ricca di citazioni celebri e dettagli che fanno letteralmente impazzire i fan del genere.
Dead Space 2
Un videogioco unico, complesso e raffinato, cha ha dato vita a un vero e proprio universo attraverso una serie di opere che ne hanno in questi anni alimentato il mito e allargato la fama tra gli appassionati: un film di animazione già diventato di culto con un sequel in arrivo, una graphic novel d’autore, un linguaggio originale con tanto di alfabeto, un romanzo che fa da prequel agli eventi narrati nel primo episodio e, prossimamente, una versione cinematografica prodotta dalla Universal.

“È davvero entusiasmante vedere il continuo ampliamento di Dead Space verso nuovi media. È sempre stato nostro obiettivo quello di poter godere di questo universo attraverso diverse prospettive ed ora la nostra visione si è realizzata. Il mondo di Dead Space 2 vive, respira e terrorizza. Non potremmo essere più eccitati di fronte a a tutte queste novità,” ha dichiarato Steve Papoutsis, Executive Producer del franchise di Dead Space.

Il protagonista di Dead Space 2 è ancora una volta l’ingegnere Isaac Clarke, il cui nome rende omaggio a due dei più grandi autori di sci-fiction di sempre: Isaac Asimov e Arthur C. Clarke. Dopo essere miracolosamente sopravvissuto agli orrori della nave spaziale Ishimura, diventata per gli appassionati un’icona al pari dell’Enterprise e del Millennium Falcon, Isaac si imbarca in un viaggio nello spazio che dura tre anni.

Una volta arrivato a destinazione, la sua mente sconvolta è ossessionata dalle visioni degli abomini coi quali ha dovuto combattere, fino a quando il Marchio, ovvero il monolite del primo episodio capace di trasformare i morti creature da incubo, diventerà nuovamente preda del Governo della Terra e della misteriosa Chiesa di Unitology, che richiama nemmeno troppo velatamente la famosa e controversa setta di Scientology. Questa è solo la premessa di un mistero che si dipanerà attraverso intrighi governativi, culti sinistri, creature da far impallidire Lovecraft e tanta azione.

Tra il primo e il secondo capitolo l’attesa è salita alle stelle: anticipato da un film d’animazione, Dead Space Aftermath, e da una graphic novel (Dead Space Salvage) presentati al Comic-Con 2010 di San Diego, e introdotto da Dead Space: Martyr, il romanzo di B.K. Evenson che spiega le origini arcane dell’intera vicenda, Dead Space 2 farà il suo esordio il 28 gennaio 2011. Ma per gli appassionati già è possibile scaricare un minigame che collega i due episodi della saga. Incoronato da GameSpot come “Best Action/Adventure Game” all’E3, Electronic Entertainment Expo 2010, il successo e, è il caso di dirlo, il culto generato da questo videogame ha convinto la Universal a trasformarlo in un kolossal cinematografico, che vedrà la luce nel 2013.

La storia

Le vicende di Dead Space si svolgono durante il XXVI secolo. Il protagonista è Isaac Clarke, un ingegnere minerario che lavora per una compagnia che manda enormi astronavi attraverso la galassia alla ricerca di nuove miniere. Una delle tante astronavi, la Ishimura, ha bisogno di aiuto ed Isaac insieme a quattro colleghi accorre per risolvere il problema. Ma subito dopo l’atterraggio Isaac e l’intero equipaggio vengono attaccati da delle strane creature antropomorfe: i due piloti rimarranno successivamente uccisi, mentre Isaac fuggirà attraverso un montacarichi, rimanendo separato dal resto della squadra. Durante l’esplorazione della nave, tramite diversi messaggi audio e video, Isaac scoprirà che cosa è successo prima del suo arrivo. Verrà a conoscenza che il capitano della nave era un membro della “Chiesa di Unitology” ed aveva l’obiettivo di recuperare “Il Marchio”, un misterioso manufatto alieno estremamente importante per questo diffuso e influente culto religioso.
Dopo che la reliquia è stata estratta e portata a bordo della Ishimura, i membri della colonia hanno cominciato a soffrire di attacchi isterici ed allucinazioni, che hanno portato ad una lunga sequela di omicidi senza motivo. Le creature che infestano la nave, chiamate necromorfi, sono il frutto di un organismo alieno che ha infestato i cadaveri e che li ha resuscitati. Isaac incontrerà, anche se non direttamente, la fidanzata Nicole, medico che lavorava a bordo della Ishimura e che è apparentemente rimasta in buona salute. Intanto, lo scienziato capo della Ishimura, il Dr. Kyne, anch’esso sopravvissuto, contatta Isaac e lo convince a riportare il Marchio al suo posto, in modo da calmare “l’Unica Mente”, una enorme creatura che controlla i necromorfi. E così è, ma mentre Isaac configura il computer di bordo per impostare la rotta verso quella che sembra una fuga sicura, all’improvviso viene attaccato qualcosa di molto simile a un necromorfo con l’aspetto di Nicole…

Nonostante l’enigmatico finale del primo episodio, Isaac è ancora vivo, ma il suo incubo non è finito. Infatti la minaccia dei necromorfi si riaffaccia in tutto il suo orrore in Dead Space 2. Isaac approderà in una stazione spaziale chiamata Sprawl, dove sarà nuovamente costretto ad affrontare le mostruose creature. Col tempo inoltre, si accorgerà che dovrà contrastare con tutte le sue forze un pericoloso piano governativo che ruota intorno al manufatto alieno definito il Marchio. Come se ciò non bastasse, gli effetti sulla mente umana prodotti proprio dal Marchio, a cui Isaac è rimasto esposto durante gli avvenimenti accaduti sulla Ishimura, hanno compromesso il suo stato psicologico. Ormai sull’orlo della follia, e ancora una volta contro tutto e tutti, il malcapitato ingegnere minerario si lancerà in una disperata corsa per salvare sé stesso e arginare la minaccia necromorfa.

Dead Space 2 verrà lanciato il 28 gennaio 2011 su Play Station 3, Xbox 360 e PC.

4 Commenti

  1. Luigi scrive:

    Egregio Direttore,

    ho letto l’interessante articolo ma devo dire che un commento sula frase relativa a Scientology è d’obbligo.

    Scientology è controversa solo per i detrattori della stessa e per coloro che non si vogliono documentare.

    Per gli scientologist non è controversa, per i sociologi e gli esperti di religione che l’hanno esaminata non lo è.

    In Italia ci sono 12 chiese, 35 missioni e svariati gruppi che si occupano della crescita spirituale di diverse migliaia di cittadini di ogni età, ceto sociale e professione.

    La Chiesa di Scientology è stata ufficialmente riconosciuta come ente religioso dai governi dei seguenti paesi (in ordine alfabetico): Albania, Argentina, Australia, Brasile, Costa Rica, Croazia, Repubblica Dominicana, Ecuador, Ungheria, India, Kazakistan, Kenya, Kirghizistan, Nepal, Nuova Zelanda, Nicaragua, Filippine, Portogallo, Scozia, Slovenia, Spagna, Sud Africa, Sri Lanka, Svezia, Taiwan, Tanzania, Stati Uniti d’America, Venezuela e Zimbabwe.

    Inoltre ha ottenuto centinaia di riconoscimenti religiosi da tribunali ed enti pubblici amministrativi in altri paesi, Italia inclusa. .

    Il termine “setta” è quindi inopportuno e anacronistico: non solo denota la volontà di offendere e discriminare, ma anche l’ignoranza di coloro che ancora lo usano per creare biasimo, poiché mostrano di non conoscere la storia di qualsiasi grande religione del nostro tempo.

    Concludo dicendo che a fronte di pochi che stanno cercando di minare diritti fondamentali, quale quello di professare la propria religione, ce ne sono migliaia in Italia, e milioni nel mondo, che sono fieri di essere fedeli della Chiesa di Scientology.

    Alcune delle loro testimonianze sono disponibili sul sito scientology.it, nella sezione “Incontra uno scientologo”.

    Grazie per l’attenzione e cordali saluti.

  2. Rolando Vissani scrive:

    Concordo e aggiungo: Scientology è la più grande scoperta di tutti i tempi nel campo della mente, dello spirito e della vita.
    Buon Natale.
    Rolando

  3. Ivan scrive:

    Consiglio, visto che qui qualcuno cerca di fare proseliti:
    http://xenu.com-it.net

  4. Informatore scrive:

    Credo che ognuno possa farsi un’idea leggendo le notizie riguardanti i casi di ricatto e dossieraggio venuti alla luce in tutto il mondo e persino in Italia a Torino. Trovo assurdo credere a qualcuno che dopo aver fallito la carriera di scrittore di fantascienza si inventi di sana pianta una pseudoreligione, finalizzata all’estorsione di danaro in maniera continua attraverso una “conoscenza a puntate” resa nota a pagamento frequentando i vari corsi. Il punto è che i segreti dello scrittore non sono altro che squallide e mal scritte storie di fantascienza, tanto vale credere nella Federazione Unita dei Pianeti, il capitano Kirk ed i Klingoniani. Leggete e rileggete le varie opinioni a riguardo e l’assurdità di queste storie sarà lampante!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Come prescritto dai decreti legislativi 69/2012 e 70/2012 e dal comma 2 dell’art. 122 del Codice della Privacy, ovvero il recepimento italiano della cosiddetta Legge Europea 'Cookie Law', in questa pagina si spiegano le modalità con le quali questo sito utilizza i cookies.
Per ogni informazione sui cookies e il loro funzionamento si veda: www.allaboutcookies.org

Questo sito utilizza alcuni cookies per il funzionamento del sito stesso (cookies del tipo cosiddetto 'tecnico') e per migliorare la navigazione.
Noi non raccogliamo alcuna informazione personale con questo tipo di funzionalità e l'utilizzo dei cookies in questi casi è semplicemente necessario per il funzionamento del sito stesso.
Qualora non si sia d'accordo con l'utlizzo di questi cookies vi invitiamo a lasciare la navigazione su questo sito. Viceversa, il proseguimento della navigazione sul nostro sito è considerata alla stregua di un assenso. In alternativa, per limitare il ricevimento di cookie tramite il browser visita i seguenti siti per comprendere come impedire al tuo dispositivo di ricevere i cookie (a seconda del browser che adoperi): FirefoxInternet ExplorerGoogle Chrome e Safari. Naturalmente, in questo secondo caso non garantiamo il corretto funzionamento di tutte le parti del sito.

Interazione con piattaforme esterne
Questi servizi permettono di effettuare interazioni con i social network, o con altre piattaforme esterne, direttamente dalle pagine di questa Applicazione. Le interazioni e le informazioni acquisite da questa Applicazione sono in ogni caso soggette alle impostazioni privacy dell’Utente relative ad ogni social network e/o piattaforma esterna. Nel caso in cui sia installato un servizio di interazione con i social network e/o piattaforma esterna è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.

Chiudi