Ford, tecnologie di nuova generazione per assistenza alla guida

FocusFordMotoriTecnologia

Parcheggiare, quale incubo peggiore per un automobilista! Ed attenzione perché non siamo qui a parlarvi della mancanza di posti auto, ma della manovra. Guardarsi continuamente intorno in fase di manovra, con l’ansia di poter scheggiare la propria carrozzeria o investire il solito “genio” che decide di passare alle vostre spalle proprio in quel momento e, dopo tanti sforzi, constatare che – maledizione! – in quello spazio proprio non riuscite ad entrare! Per non parlare delle volte che le auto che ci ritroviamo davanti frenano senza alcun motivo apparente o, peggio ancora, che ci ritroviamo frontalmente in una strada a senso unico…

Ford vuole porre rimedio a tutto questo, a partire dal sistema di monitoraggio con funzione di frenata denominato ‘Cross Traffic Alert with Braking’ per la rilevazione di posizione, distanza e direzione del genio di cui dicevamo prima che, proprio mentre siete concentrati nel portare a termine con successo il vostro parcheggio, decide di passare dietro l’auto!

Una telecamera posteriore con visuale a 180 gradi ‘Rear Wide-View Camera’ garantirà una visuale a 180 gradi dell’area retrostante la nostra auto. E come non parlare del sistema di parcheggio automatico ‘Enhanced Active Park Assist’ che, tramite la semplice pressione di un tasto, permetterà un parcheggio in parallelo o in perpendicolare totalmente automatico!

“Ormai siamo tutti abituati alle sfide alla guida, ma parcheggiare rimane uno dei compiti più impegnativi per la maggior parte delle persone da affrontare giorno dopo giorno”, ha dichiarato Torsten Wey, Manager, Chassis & Safety Electronics, di Ford Europa.

“La tecnologia sta già dimostrando il suo potenziale per contribuire a rendere la guida meno stressante e gli investimenti di Ford in ricerca e sviluppo sono diretti ad accelerare l’innovazione per ampliare la nostra gamma di tecnologie di assistenza alla guida in grado di offrire funzionalità e prestazioni che i clienti apprezzeranno”.

In fase di sviluppo presso il Ford European Research e Innovation Center di Aachen, in Germania, le nuove tecnologie che Ford sta mettendo a punto riguardando anche un sistema avanzato di rilevazione dei pericoli per evitare auto in forte rallentamento, o del tutto fermi e, come detto, per segnalare al conducente l’ingresso in autostrada… nella corsia opposta! Queste nuove tecnologie saranno implementate dall’Ovale Blu nel corso dei prossimi due anni.
Come la stessa Ford tiene a sottolineare, la larghezza media delle auto è aumentata di circa il 16% negli ultimi venti anni, mentre i posti auto sono rimasti delle stesse dimensioni di due decadi fa: “Il parcheggio è una delle esperienze più stressanti al volante, e il gran numero di automobilisti costantemente alla ricerca di spazi di parcheggio nelle aree urbane può avere un effetto a catena per il flusso del traffico così come per livelli di stress”, ha dichiarato Dirk Gunia, supervisor, Driver Assist Electronics, di Ford Europa. “Tecnologie come l’Enhanced Active Park Assist aiuterà i conducenti a sentirsi sicuri di poter parcheggiare in spazi che altrimenti non sarebbero stati presi in considerazione”.
Il già citato Enhanced Active Park Assist riesce, con la pressione di un solo tasto, a gestire volante, marce e spostamento del veicolo in avanti o indietro, a seconda della situazione. Dei sensori appositi permetteranno all’auto di individuare con estrema precisione spazi auto che all’occhio umano potrebbero sembrare impossibili da occupare, riuscendo a far entrare un veicolo sia in manovra parallela che perpendicolare.

I sensori radar del Cross Traffic Alert with Breaking, invece, sono in grado di monitorare tutto ciò che accade sul retro dell’auto. Se il primo segnale acustico di avviso al conducente non dovesse portare ai risultati sperati, l’auto frenerà automaticamente. I sensori sono stati studiati per rilevare non solo altre auto o passanti distratti ma anche moto e biciclette.
Il sistema ‘Evasive Steering Assist, per scansare veicoli in forte rallentamento è studiato per gestire manovra a velocità urbane ed autostradali. Il tutto viene gestito da un radar ed una telecamera in grado di calcolare quale, tra i veicoli che ci precedono, quali sono quelli che si muovono più lentamente (o che si fermano del tutto).

Il sistema si attiva in caso di spazio non sufficiente per evitare una collisione in fase di frenata ma, sottolinea Ford, sarà il conducente a decidere se eseguire o meno una manovra di scarto del veicolo: “Non appena il conducente tenta di evitare una vettura che avanza più lentamente in caso di emergenza, l’Evasive Steering Assist si attiva per aiutare a eseguire la manovra di scarto, rendendo più agevole eseguire cambiamenti rapidi dello sterzo”, ha dichiarato Peter Zegelaar, Technical Expert Brake Controls, Automated Driving, di Ford Europa.

La tecnologia ‘Wrong Way Alert”, invece, fa uso di una telecamera (installata sul parabrezza) in grado di rilevare i segnali di senso vietato su una rampa autostradale, avvisando istantaneamente il conducente, invitandolo a fermarsi immediatamente ed invertire il senso di marcia.

Il ‘Traffic Jam Assistant’ è una tecnologia, invece, pensata per aiutare il conducente a tenere il veicolo al centro esatto della corsia (cosa di particolare importanza soprattutto nelle autostrade), gestendo inoltre frenata ed accelerazione in modo tale da tenere il passo e non creare inutili rallentamenti.
Ma non è tutto: Ford sta sviluppando un sistema di illuminazione intelligente chiamato ‘Camera-Based Advanced Front Lightning System’, in grado di allargare automaticamente il fascio luminoso dei fari in prossimità di incroci e rotatorie per favore una perfetta visibilità.

Tra le tecnologie già in uso, progettate da Ford, ricordiamo:
– Pre-Collision Assist with Pedestrian Detecion, in grado di riconoscere e rilevare pedoni di fronte all’auto o ai bordi della strada, calcolando posizione, distanza e direzione, precaricando i freni (riducendo la distanza tra pasticche e dischi). In caso il conducente non riesca a reagire in tempo, il sistema bloccherà automaticamente l’auto.
– Intelligent Speed Limiter: rileva i segnali stradali e regola la velocità dell’auto in base ai limiti in vigore su quel tratto di strada.
– Il Glare-Free Highbeam è invece capace di identificare fari e luci posteriori di biciclette fino ad una distanza pari a 100 metri, di motocicli fino a 400 metri e 800 metri, invece, per le auto, per attivare automaticamente gli anabbaglianti, quando necessario, per evitare di accecare i guidatori che vengono nel senso opposto.
– La Dynamic Headlights è invece una tecnologia studiata per regolare automaticamente direzione e profondità del fascio luminoso per adattarsi nel miglior modo possibile alla quantità di luce dell’ambiente che ci circonda (particolarmente utile in caso di pioggia).

Tra le tecnologie per l’assistenza al parcheggio che Ford utilizza già sulle proprie vetture troviamo:

– L’Active Park Assist: dotato di sensori ad ultrasuoni, questo sistema identifica spazi idonei al parcheggio, lasciando però il guidatore libero di gestire acceleratore e freno. Totalmente automatica è, invece, la manovra di uscita dal parcheggio, grazie alla tecnologia ‘Park-Out Assist’.
– Il Cross Traffic Alert avvisa il conducente dell’avvicinamento di altre veicoli in fase di uscita da un parcheggio in retromarcia.
– Il Side Parking Aid, invece, attiva su schermo allarmi ed indicatori di distanza nel caso in cui ci siano degli ostacoli.

Infine, la tecnologia di assistenza ‘Blind Spot Information System’ monitora la cosiddetta “zona d’ombra”, il ‘Driver Alert’ tiene costantemente sotto osservazione il guidatore, per stabilirne il livello di attenzione, il ‘Lane Keeping Alert’ ed il ‘Lane Keeping Aid’ facilitano il mantenimento della corsia di marcia ed il ‘Traffic Sign Recognition’ è in grado di riconoscere i segnali stradali.

Il futuro delle auto porta il nome di Ford.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Come prescritto dai decreti legislativi 69/2012 e 70/2012 e dal comma 2 dell’art. 122 del Codice della Privacy, ovvero il recepimento italiano della cosiddetta Legge Europea 'Cookie Law', in questa pagina si spiegano le modalità con le quali questo sito utilizza i cookies.
Per ogni informazione sui cookies e il loro funzionamento si veda: www.allaboutcookies.org

Questo sito utilizza alcuni cookies per il funzionamento del sito stesso (cookies del tipo cosiddetto 'tecnico') e per migliorare la navigazione.
Noi non raccogliamo alcuna informazione personale con questo tipo di funzionalità e l'utilizzo dei cookies in questi casi è semplicemente necessario per il funzionamento del sito stesso.
Qualora non si sia d'accordo con l'utlizzo di questi cookies vi invitiamo a lasciare la navigazione su questo sito. Viceversa, il proseguimento della navigazione sul nostro sito è considerata alla stregua di un assenso. In alternativa, per limitare il ricevimento di cookie tramite il browser visita i seguenti siti per comprendere come impedire al tuo dispositivo di ricevere i cookie (a seconda del browser che adoperi): FirefoxInternet ExplorerGoogle Chrome e Safari. Naturalmente, in questo secondo caso non garantiamo il corretto funzionamento di tutte le parti del sito.

Interazione con piattaforme esterne
Questi servizi permettono di effettuare interazioni con i social network, o con altre piattaforme esterne, direttamente dalle pagine di questa Applicazione. Le interazioni e le informazioni acquisite da questa Applicazione sono in ogni caso soggette alle impostazioni privacy dell’Utente relative ad ogni social network e/o piattaforma esterna. Nel caso in cui sia installato un servizio di interazione con i social network e/o piattaforma esterna è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.

Chiudi