Gabriele Ciampi, Concerto di Capodanno nella giornata della Pace

Musica

Il compositore e direttore d’orchestra Gabriele Ciampi – dopo il successo di pubblico e di critica ottenuto lo scorso anno – torna a grande richiesta all’Auditorium Parco della Musica di Roma (ore 18:00, Sala Petrassi) a Capodanno, dove dirigerà l’ensemble di 40 giovani musicisti della sua CentOrchestra.

Per il Maestro Ciampi è un ritorno a casa e un motivo di grande orgoglio suonare per 4 anni consecutivi all’Auditorium Parco della Musica, a Roma, sua città natale, la gratificazione più grande per un artista italiano tanto amato in America: “Inizierò il Nuovo Anno con un momento di grande gioia da condividere con gli amici e con il pubblico che da sempre mi segue e mi sostiene. Sarà il Concerto di Capodanno per le famiglie, un modo di ritrovarsi in un giorno tanto speciale: non solo il Primo dell’anno ma, soprattutto, la Giornata mondiale della Pace”.

Ha avuto l’onore di incontrare i grandi della Terra, da Obama al Santo Padre: Gabriele Ciampi è stato, infatti, il primo compositore italiano ad eseguire la propria musica alla Casa Bianca, su invito dalla First Lady Michelle Obama per il “White House for Holidays”, l’8 dicembre 2015.

Doppio primato per il giovane Maestro, se si unisce a quello di essere il solo compositore contemporaneo, con meno di 40 anni, a suonare le proprie partiture stravolgendo il protocollo che prevede solo esecuzioni di repertorio.

Anche il 2016 è stato un anno incredibile. Dopo l’incontro nel 2015 con gli Obama, è stato ricevuto in Vaticano da Papa Francesco, ad un mese dal suo nuovo album, uscito in tutto il mondo, “In Dreams Awake” (Universal Music): “Incontrare Papa Francesco è stata un’esperienza umana e spirituale senza precedenti, che mi ha arricchito profondamente e ha contribuito ad accrescere quella fede, già fervida, che metto dentro ad ogni cosa che faccio, dalla vita quotidiana alla mia professione di musicista: il Concerto di Capodanno cadrà, non a caso, nella Giornata mondiale della pace”.

E’ cresciuto con la musica lavorando in famiglia, un’azienda di costruttori e fornitori di pianoforti, poi il Conservatorio di Santa Cecilia; gli studi all’università La Sapienza (specializzazione in “Letteratura Italiana e Cinema”); fino a quando viene selezionato dalla prestigiosa Ucla (L’Università della California, Los Angeles). Era il 2012. Trasferitosi in California grazie alla “Green Card” ottenuta per “Extraordinary Ability” nel campo musicale, viene invitato ai “Los Angeles Music Awards”, dove ottiene un enorme successo, e, alla fine, arriva anche l’invito ad esibirsi alla “Casa Bianca” (evento unico e straordinario per un compositore italiano).

Il concerto di Capodanno all’Auditorium Parco della Musica di Roma – patrocinato dal Giubileo della Misericordia – unirà nuove sonorità contemporanee al rigore della forma classica del passato, brani inediti e i brani più famosi del suo repertorio: si partirà con due brani in prima esecuzione assoluta, la Variazione in SI bemolle minore per pianoforte (la cui struttura riprende la tecnica della Variazione classica) e il Quartetto in MI minore per due violini, viola e pianoforte. Questi brani rappresentano e uniscono la parte cameristica dello spettacolo a quella più sinfonica.

Protagonista assoluta sarà l’Orchestra (ensemble di 40 giovanissimi musicisti della sua CentOrchestra) che eseguirà, tra le altre, la Suite per chitarre e orchestra, e i principali brani tratti dagli ultimi due album dell’artista (“The Minimalist Evolutione” e “A dreams Awake). La parte finale del concerto vedrà dialogare il pianoforte con l’orchestra a partire dall’esecuzione di “Snowfall”, brano dal sapore “orientale” – la cui particolarità consiste nell’utilizzo esclusivo dei tasti neri del pianoforte. Il programma si concluderà con i tre movimenti del concerto per Pianoforte e Orchestra in LA Maggiore, dedicato alla First Lady Michelle Obama.

Ad impreziosire la scaletta, in prima esecuzione assoluta, il Maestro Ciampi eseguirà – alla fine del concerto il Preludio per due Violoncelli dedicato a Papa Francesco, una risposta al suo messaggio di Misericordia.

Nel suo percorso di formazione, il Maestro ha unito gli studi classici ad un più moderno approccio alla musica “Tutta la mia musica – spiega il compositore – parte sempre con un omaggio al classicismo” ma, ancora oggi – fuggendo dal freddo “modus operandi” del mondo digitale – scrive musica affidandosi ad un metodo compositivo tradizionale fatto di pianoforte, carta e matita.

Al termine del concerto Gabriele Ciampi incontrerà il suo pubblico presso la libreria dell’Auditorium.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Come prescritto dai decreti legislativi 69/2012 e 70/2012 e dal comma 2 dell’art. 122 del Codice della Privacy, ovvero il recepimento italiano della cosiddetta Legge Europea 'Cookie Law', in questa pagina si spiegano le modalità con le quali questo sito utilizza i cookies.
Per ogni informazione sui cookies e il loro funzionamento si veda: www.allaboutcookies.org

Questo sito utilizza alcuni cookies per il funzionamento del sito stesso (cookies del tipo cosiddetto 'tecnico') e per migliorare la navigazione.
Noi non raccogliamo alcuna informazione personale con questo tipo di funzionalità e l'utilizzo dei cookies in questi casi è semplicemente necessario per il funzionamento del sito stesso.
Qualora non si sia d'accordo con l'utlizzo di questi cookies vi invitiamo a lasciare la navigazione su questo sito. Viceversa, il proseguimento della navigazione sul nostro sito è considerata alla stregua di un assenso. In alternativa, per limitare il ricevimento di cookie tramite il browser visita i seguenti siti per comprendere come impedire al tuo dispositivo di ricevere i cookie (a seconda del browser che adoperi): FirefoxInternet ExplorerGoogle Chrome e Safari. Naturalmente, in questo secondo caso non garantiamo il corretto funzionamento di tutte le parti del sito.

Interazione con piattaforme esterne
Questi servizi permettono di effettuare interazioni con i social network, o con altre piattaforme esterne, direttamente dalle pagine di questa Applicazione. Le interazioni e le informazioni acquisite da questa Applicazione sono in ogni caso soggette alle impostazioni privacy dell’Utente relative ad ogni social network e/o piattaforma esterna. Nel caso in cui sia installato un servizio di interazione con i social network e/o piattaforma esterna è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.

Chiudi