Maria Lapi, 29 settembre esce il nuovo album “Tra me e il mare”

Musica

“Il mare c’è sempre, in ogni mio giorno. Anche nella quotidianità più intensa di Nuoro dove vivo ora; anche nella Milano più indaffarata dove torno spesso, nei passi più svelti e nervosi. Mi basta fermarmi un istante, imbracciare una chitarra, lasciar volare le note: eccolo, il mio mare, il mio altrove più bello.”

Un altrove all’insegna di un cantautorato pop lontano dalle malinconie autunnali quello di Maria Lapi e del suo nuovo disco “Tra me e il mare”, in uscita il 29 settembre, a sette anni dal debutto con “Ignote melodie”. “Mediterraneo” lo si potrebbe definire, sui rivoli di un suono acustico che evita qualsiasi deviazione etnica e si concentra sulla semplicità di un songwriting leggero, pensoso e incantato, “un planare sulle cose dall’alto, senza macigni sul cuore”, come lo descrive lei citando Italo Calvino. Senza arrendersi al disincanto o rinunciare al sorriso, cercando invece negli angoli più attesi un frammento di magia.

“Tra me e il mare” si avvale degli arrangiamenti semplici ed essenziali, senza particolari invenzioni o sofisticherie, di Samuele Rampani, fra acustiche a dettare melodie e ritmi, lievi quadrature di batteria, violoncelli in ruvidi volteggi e una tromba che diffonde melodie evocative. E’ lui, insieme ad Antonio “Cooper” Cupertino, ad avere curato anche la produzione artistica di un disco volutamente corto (meno di mezz’ora), nove brani in punta di piedi, che vogliono sfiorare, sussurrare, regalare pensieri morbidi adagiati sulla quotidianità. Canzoni distillate come se l’intento fosse quello di consegnare a chi ascolta il proprio tempo migliore.

Maria Lapi insegue l’incontro fra parole e musica che nasce “da un equivoco, da un disegno, dalla riconoscenza che puoi provare nei confronti di un libro, dall’emozione regalata dalla bellezza, dalla magia di alcuni incontri. Da un dolore che finalmente, in modo inatteso, trova la strada per esprimersi.” E ogni stato d’animo ha una sua solarità che rapisce lentamente, sensuale o giocosa, mai meno che intensa, eppure ammiccante, senza però essere ruffiana. La voce che segue melodie increspate e cangianti come le onde di un bacino un poco mosso, qualche eco di swing mascherato e di bossa nova, come nella rilettura di “Conversazione” scritta da Antonio Amurri e dal maestro Bruno Canfora per Mina.

I testi tratteggiano immagini fatte di colori che svelano le origini pugliesi di Maria: il giallo dei limoni, l’azzurro del mare, l’argento della luna, espressioni del suo Sud interiore, nel passo veloce e un po’ nervoso di una cittadina metropolitana. E’ un canto innamorato quello di “Tra me e il mare”: della musica e della libertà che la musica sa regalare. Un canto che danza tra le note, con facilità, nella dimensione più naturale di una donna che non può vivere senza cantare. C’è forse un dettaglio in alcuni dei brani che rappresenta al meglio un lavoro come questo. Ed è la semplicità naturale ed ammaliante con cui la voce appoggia l’ultima sillaba, l’ultima nota. Un qualcosa che ha a che fare con una dimensione di bellezza e serenità imperdibili, quel qualcosa a cui bisogna sempre tendere, ciascuno a proprio modo, magari con una canzone. Nonostante tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Come prescritto dai decreti legislativi 69/2012 e 70/2012 e dal comma 2 dell’art. 122 del Codice della Privacy, ovvero il recepimento italiano della cosiddetta Legge Europea 'Cookie Law', in questa pagina si spiegano le modalità con le quali questo sito utilizza i cookies.
Per ogni informazione sui cookies e il loro funzionamento si veda: www.allaboutcookies.org

Questo sito utilizza alcuni cookies per il funzionamento del sito stesso (cookies del tipo cosiddetto 'tecnico') e per migliorare la navigazione.
Noi non raccogliamo alcuna informazione personale con questo tipo di funzionalità e l'utilizzo dei cookies in questi casi è semplicemente necessario per il funzionamento del sito stesso.
Qualora non si sia d'accordo con l'utlizzo di questi cookies vi invitiamo a lasciare la navigazione su questo sito. Viceversa, il proseguimento della navigazione sul nostro sito è considerata alla stregua di un assenso. In alternativa, per limitare il ricevimento di cookie tramite il browser visita i seguenti siti per comprendere come impedire al tuo dispositivo di ricevere i cookie (a seconda del browser che adoperi): FirefoxInternet ExplorerGoogle Chrome e Safari. Naturalmente, in questo secondo caso non garantiamo il corretto funzionamento di tutte le parti del sito.

Interazione con piattaforme esterne
Questi servizi permettono di effettuare interazioni con i social network, o con altre piattaforme esterne, direttamente dalle pagine di questa Applicazione. Le interazioni e le informazioni acquisite da questa Applicazione sono in ogni caso soggette alle impostazioni privacy dell’Utente relative ad ogni social network e/o piattaforma esterna. Nel caso in cui sia installato un servizio di interazione con i social network e/o piattaforma esterna è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.

Chiudi