La mobilità del futuro secondo BMW

BMWFocusMotoriTecnologia

Il settore automotive è in una fase di grandi cambiamenti. L’arrivo di nuove e sempre più sofisticate tecnologie sta modificando la mobilità e migliorando la sicurezza stradale. Questi temi vengono definiti ACES (Autonomous, Connected, Electrified and Services) e riassumono l’identità che BMW Group, come i suoi diretti competitors, vuole assumere per il futuro, come i vertici del brand hanno spiegato in occasione del Technology Workshop 2018 tenutosi a Milano.

Guida autonoma
Per lo sviluppo della guida autonoma, Bmw ha inaugurato nei pressi della città di Monaco di Baviera il campus Unterschleißheim. Il campus si sviluppa su ben 23.000 metri quadrati, popolati di uffici in grado di ospitare fino a 1.800 dipendenti. Questo “New working environment”” è costituito da una struttura open space che ospita specialisti di ogni settore, dagli sviluppatori di software ai tecnici e permette loro di collaborare confrontando conoscenze e metodologie di lavoro.

Attualmente le vetture del Gruppo tedesco sfruttano sistemi di guida autonoma di livello 2 che assistono il conducente che comunque rimane ancora l’unico responsabile di quello che accade e ha l’obbligo di tenere sempre le mani sul volante. A partire dal 2021 verranno utilizzati i sistemi di livello 3 che permetteranno al conducente di rilassarsi e fare altro durante la guida, rimanendo però sempre seduto al posto guida per prendere il controllo completo del veicolo quando necessario. Il livello 4 vedrà invece la totale guida autonoma sia nel traffico urbano che durante i tragitti extraurbani.

Con questo tipo di tecnologia, il conducente potrà anche dormire durante i viaggi più lunghi, ma avrà sempre la possibilità di prendere il controllo dell’auto in qualsiasi momento. Con il livello 5 via pedali e volante, e nemmeno obbligo di patente, perché la guida sarà affidata completamente all’automobile.

Connettività
Il 2018 segna il ventesimo anniversario dell’offerta commerciale di servizi digitali per le vetture BMW. Un’avventura che nacque nel 1998 con l’optional BMW Assist che comprendeva i servizi telematici disponibili all’epoca. Servizi digitali che oggi troviamo anche sulle due ruote BMW, grazie al BMW Motorrad Connected Ride, una piattaforma connettiva che include la chiamata di emergenza intelligente ECall e il servizio Connectivity che mette a disposizione del centauro informazioni utili alla guida, servizi di intrattenimento e connettività per smartphone.

Elettrificazione
Un altro punto fermo su cui si basa il presente e il futuro di Bmw è l’elettrificazione della propria gamma.I veicoli elettrificati ad oggi consegnati ai clienti BMW sono stati 100.000 solamente nel 2017, oltre 200.000 dal 2013. Bmw si aspetta che nel 2025 dal 15 al 25% delle vendite globali sia rappresentato da auto completamente elettriche e da ibride plug-in: circa mezzo milione di unità l’anno.

Per riuscirci è prevista la nascita di dodici modelli elettrici e di tredici con propulsione termico-elettrica, costruiti sulla nuova piattaforma modulare che consentirà di costruire rapidamente veicoli con qualsiasi propulsione. L’elettrificazione è così importante per BMW che ha investito 200 milioni di euro nel nuovo “Battery Cell Competence Centre” che verrà inaugurato a inizio 2019 e che è finalizzato ad ottenere la conoscenza tecnologica nello sviluppo e produzione di batterie ad uso automobilistico.

Servizi
Un altro dei pilastri fondamentali della strategia del BMW Group è basato sui servizi al Cliente. BMW Bank Italia compie 40 anni e lo fa nel segno della continua innovazione. La società captive del gruppo infatti è focalizzata a fornire al cliente BMW strumenti ad alto contenuto di innovazione, flessibilità e facilità d’uso.

Tutti concetti che hanno visto la loro massima espressione durante il recente lancio di WHY BUY che racchiude nel suo nome la promessa di poter rimandare l’eventuale scelta di acquisto a fine contratto. L’attenzione al cliente è quindi il nostro principale obiettivo e per questo investiamo in innovazione per offrire un’esperienza “zero pensieri” che premi la sua fiducia nei nostri confronti.

Oggi infatti più di 6 clienti finali su 10 scelgono un veicolo nuovo del gruppo BMW attraverso le nostre proposte. Ma l’attenzione non si ferma qui perché in un epoca di attenzione alla “Customer Journey”, di sfide tecnologiche, di digitalizzazione e di multicanalità, diventa sempre più importante essere presenti dove e quando il nostro cliente ne ha necessità, fornendo molteplici scelte di contatto senza mai essere invasivi, attraverso strumenti digitali quali:
– Area web cliente: lanciata già nel 2004 e in costante evoluzione dove il cliente può gestire gran parte delle operazioni in modalità Self Service.
– Live Chat: introdotta nel 2014 con la finalità di interagire velocemente con un volto “umano” ma attraverso un nuovo canale digitale.
– Paperless: dal 2017, sollevando il cliente dalla firma fisica della documentazione contrattuale finanziaria. Ad oggi più del 90% dei nuovi clienti usa questo strumento per gestire da remoto le formalità burocratiche, permettendoci di fare la nostra parte nella tutela dell’ambiente, risparmiando il rilascio di circa 2 tonnellate di CO2 in un anno.
– Digital dox: rendendo facile e immediato l’invio della documentazione personale necessaria per la concessione del credito, che già da questo mese può avvenire in modalità completamente Self Service attraverso il proprio Smartphone in qualunque luogo.
– Video Advisor: entro fine anno, il lancio di questo strumento permetterà di gestire da remoto il percorso completo di finalizzazione della pratica finanziaria partendo dalla quotazione, passando per la proposta fino a consentire il riconoscimento del cliente a distanza (sfruttando l’acquisizione di immagini tramite web cam, funzionalità di screen sharing e coediting).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Come prescritto dai decreti legislativi 69/2012 e 70/2012 e dal comma 2 dell’art. 122 del Codice della Privacy, ovvero il recepimento italiano della cosiddetta Legge Europea 'Cookie Law', in questa pagina si spiegano le modalità con le quali questo sito utilizza i cookies.
Per ogni informazione sui cookies e il loro funzionamento si veda: www.allaboutcookies.org

Questo sito utilizza alcuni cookies per il funzionamento del sito stesso (cookies del tipo cosiddetto 'tecnico') e per migliorare la navigazione.
Noi non raccogliamo alcuna informazione personale con questo tipo di funzionalità e l'utilizzo dei cookies in questi casi è semplicemente necessario per il funzionamento del sito stesso.
Qualora non si sia d'accordo con l'utlizzo di questi cookies vi invitiamo a lasciare la navigazione su questo sito. Viceversa, il proseguimento della navigazione sul nostro sito è considerata alla stregua di un assenso. In alternativa, per limitare il ricevimento di cookie tramite il browser visita i seguenti siti per comprendere come impedire al tuo dispositivo di ricevere i cookie (a seconda del browser che adoperi): FirefoxInternet ExplorerGoogle Chrome e Safari. Naturalmente, in questo secondo caso non garantiamo il corretto funzionamento di tutte le parti del sito.

Interazione con piattaforme esterne
Questi servizi permettono di effettuare interazioni con i social network, o con altre piattaforme esterne, direttamente dalle pagine di questa Applicazione. Le interazioni e le informazioni acquisite da questa Applicazione sono in ogni caso soggette alle impostazioni privacy dell’Utente relative ad ogni social network e/o piattaforma esterna. Nel caso in cui sia installato un servizio di interazione con i social network e/o piattaforma esterna è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.

Chiudi