A Daimler il Materialica Award 2012 nella categoria “Best of CO₂ Efficience”

DaimlerMotori

Tecnici ed ingegneri prendono spesso esempio dalla natura, la struttura dei favi degli alveari è l’ultima ispirazione di Daimler. Le api utilizzano i favi non soltanto per immagazzinare il tanto ambito miele, ma anche per proteggere il loro alveare dagli insetti. Grazie alla sua elevata stabilità, il principio costruttivo trova applicazione anche in ambito tecnico. Gli ingegneri di Daimler, infatti, hanno sfruttato questa idea di origine biologica per creare una struttura a nido d’ape di nuova concezione che, grazie ad un innovativo processo di produzione, consente di realizzare componenti in materiale leggero a costi competitivi.

Il progetto “Papierwabenkern im Sandwichverbund” (celle a nido d’ape in carta con struttura a sandwich) è valso a Daimler il MATERIALICA Award 2012 nella categoria “Best of CO₂ Efficience”. Il prestigioso riconoscimento nell’ambito del “MATERIALICA – Lightweight Design for New Mobility”, giunto alla quindicesima edizione ed andato per la decima volta a Daimler, viene assegnato ad innovazioni tecnologiche e di design creative oltre che funzionali.

Nel 2013 Mercedes-Benz avvierà la produzione in serie di una cappelliera il cui modulo costruttivo si basa su questo principio: si tratta del primo esperimento di componente funzionale in materiale leggero destinato all’abitacolo di una vettura. Il core della struttura è costituito da celle a nido d’ape in carta riciclata. Ciò consente di dimezzare il peso della cappelliera rispetto a quelle tradizionali conferendole, inoltre, proprietà nettamente superiori a quelle realizzate con materiali convenzionali.

Grazie all’ottimizzazione del processo di produzione, le emissioni di CO₂ si riducono del 50%. Il componente, infatti, viene realizzato mediante un procedimento denominato “One shot”, ossia in un’unica fase produttiva. Anche l’impiego di carta riciclata contribuisce ad una produzione sostenibile, mentre il core a nido d’ape può essere riutilizzato come granulato per lo stampaggio a iniezione.

Al momento, sono allo studio dei progettisti della divisione Research and Development di Mercedes-Benz nuovi componenti in materiale leggero per l’impiego di serie quali, ad esempio, rivestimenti per porte e bagagliaio o l’intero rivestimento del padiglione. Grazie alle proprietà isolanti delle celle a nido d’ape riempite con aria, il modello costruttivo risulta particolarmente adatto anche per garantire l’efficienza energetica delle vetture a trazione elettrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *