Alfa Romeo Quadrifoglio: ecco le nuove Giulia e Stelvio

Alfa RomeoMotori

Nel 110° anniversario dalla sua nascita Alfa Romeo ha presentato le rinnovate Giulia e Stelvio in versione Quadrifoglio, top di gamma della berlina e del SUV del Biscione.

Nel pensare alla nuova Giulia Quadrifoglio i tecnici della Casa milanese non hanno voluto stravolgere il progetto e si sono concentrati su piccoli dettagli per renderla più attuale e sicura. La novità è, innanzitutto, legata alle esclusive tinte che permettono di esaltare ancora di più l’anima sportiva dei modelli Quadrifoglio. I designer Alfa Romeo hanno, infatti, optato per un approccio decisamente emozionale, raggruppando le livree per “classe” e non semplicemente per tecnologie. Le categorie sono quattro: Competizione, che fa riferimento alla tradizione sportiva del Brand; Metal, che enfatizza l’anima dinamica; Solid, dedicata a chi cerca grande concretezza; Oldtimer, che richiama e reintepreta l’heritage Alfa Romeo.
I nuovi colori Oldtimer sono il raffinato Rosso 6C Villa d’Este, l’emozionante Ocra GT Junior, e il nuovo colore esterno Verde Montreal, che esordisce sulle Quadrifoglio MY20. Questo colore è un omaggio a una delle icone del Marchio, quell’Alfa Romeo Montreal che debuttò cinquant’anni fa.

Poche le novità anche all’interno dove però si rinnovano con nuovo infotainment touchscreen, la cui interfaccia è stata ridisegnata per ospitare schermate dedicate alla performance, insieme a un nuovo volante e una nuova leva del cambio. I sedili ad alto contenimento, invece, possono essere rivestiti in pelle traforata a richiesta (in sostituzione al rivestimento in alcantara) e se si vuole esagerare, come optional, ci sono quelli sportivi in carbonio “griffati” Sparco.

Parlando di prestazioni, rimangono quelle della versione precedente, con il propulsore 2.9 V6 biturbo di derivazione Ferrari capace di erogare 510 CV di potenza e 600 Nm di coppia massima scaricati sull’asse posteriore per la Giulia, mentre la Stelvio è dotata della trazione integrale Q4, che migliora anche i valori di accelerazione.

Il cambio automatico ad 8 rapporti è calibrato per ottimizzare fluidità, comfort e facilità di guida in tutti gli ambiti di utilizzo, ma è in modalità RACE che esprime tutto il suo potenziale, con cambiate di soli 150 millisecondi. La colonna sonora che accompagna l’esperienza di guida del cliente Quadrifoglio è garantita da un sistema di scarico Dual mode a quattro uscite che nella modalità Race diventa più aggressivo e coinvolgente. E a partire dal model year 20, il cliente avrà la possibilità di equipaggiare Giulia e Stelvio Quadrifoglio di un nuovo sistema di scarico Akrapovič, sempre dual mode, realizzato in titanio con codini in carbonio e caratterizzato da un timbrica ancora più “cattiva”.

Passi avanti, poi, per quanto riguarda la sicurezza. La nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio guadagna sistemi ADAS per la guida autonomia livello 2. Sistemi che, però come ci tengono a dottolineare in casa Alfa, non pregiudicano in nessun modo lìhandling e il carattere “race”della vettura.

Prezzi e disponibilità non sono ancora stati dichiarati da Alfa Romeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *