BMW Group Italia e i concessionari della rete insieme contro il Covid-19

BMWMotoriSocietà

Nell’ottica di offrire un contributo all’emergenza COVID-19 attualmente in corso nel nostro Paese, BMW Group Italia (che comprende BMW Italia S.p.A., BMW Bank, Alphabet Italia e BMW Italia Retail), all’interno del programma di Responsabilità Sociale d’Impresa SpecialMente, ha deciso, insieme a 12 Concessionari della Rete ufficiale di vendita, di donare circa 50mila mascherine ad alcune strutture ospedaliere impegnate in prima linea con il proprio personale medico e paramedico.

Questi Concessionari hanno deciso di devolvere interamente l’importo derivante da un contest interno (che li aveva visti aggiudicarsi un riconoscimento per le performance conseguite nel 2019) a questa iniziativa per offrire una testimonianza concreta del proprio impegno nel loro territorio.

“BMW Group Italia – ha dichiarato Massimiliano Di Silvestre, Presidente e A.D. di BMW Italia S.p.A. – è da sempre impegnata in attività di responsabilità sociale d’impresa con un programma ricco e articolato che abbiamo confermato interamente anche per il 2020 perché crediamo che questi valori siano ancora più importanti ed essenziali sia nell’emergenza che stiamo vivendo in questo periodo che nella fase successiva. E per dare un ulteriore segno in questa direzione, abbiamo deciso, insieme a tutte le società del Gruppo e ad alcuni concessionari della nostra rete, di portare un contributo al personale medico e paramedico che in queste settimane sta facendo un lavoro straordinario in difesa delle vite umane, spesso mettendo a repentaglio la propria”.

“Per questo motivo – ha proseguito Di Silvestre – distribuiremo oltre 50 mila mascherine in 16 strutture ospedaliere presenti sia nelle aree più fortemente colpite dal COVID-19, in primis la Lombardia, sia in quelle zone di pertinenza dei nostri concessionari che hanno accolto con entusiasmo l’idea di convertire un programma incentive legato alle performance del 2019 in un gesto di attenzione nei confronti di chi è in prima linea ad affrontare l’emergenza”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *