BMW Serie 3 Touring: la wagon tutta grinta e tecnologia

BMWMotoriTest

32 anni fa la BMW Serie 3 Touring aprì la strada a una nuova generazione di automobili. Ora, alla sua sesta generazione, stabilisce il benchmark per le capacità sportive e la versatilità all’avanguardia nella classe premium di medie dimensioni.  La nuova generazione della “3” è stata aggiornata nella tecnica, negli optional e nei motori, mantenendo però tutte quelle caratteristiche che l’hanno resa, negli anni, una wagon di successo.

Esteticamente, pur essendo leggermente più grande della precedente (+76 mm in lunghezza, +16 mm in larghezza e +8 mm di altezza), appare sensibilmente più filante e dinamica. Al frontale è stato aggiornato l’ormai iconico doppio rene che mantiene dimensioni abbastanza contenute, così come sono stati aggiornati i gruppi ottici, sia anteriori che posteriori, che adesso possono contare di serie sulle luci a LED. Gli anteriori, però, come optional potranno montare anche i più potenti e  precisi LaserLight, basati sulla tecnologia laser, che illuminano fino a 500 metri.

Al posteriore,  l’utile lunotto apribile separatamente dal portellone, è stato mantenuto. Il portellone si apre elettricamente sia premendo l’apposito tasto sulla chiave  sia agendo direttamente sul pulsante posto sopra la targa. Gli interni della nuova BMW Serie 3 Touring 2019 sono, naturalmente, quasi identici a quelli della rinnovata Serie 3 quindi non ci dilungheremo in una dettagliata descrizione. Quello su cui vale la pena porre l’accento è sicuramente la tecnologia di bordo, a cominciare dal sistema di infotainment con display da ben 10,25 pollici. Il nuovo BMW Operating System 7.0 svolge un ruolo di primaria importanza nell’ottimizzazione del sistema di controllo con funzioni digitali moderne, adattate esattamente alle esigenze del conducente. Il navigatore GPS, inoltre, si interfaccia con l’Head-up Display, sempre molto chiaro e ben visibile anche con tanta luce. Anche il quadro strumenti è ora completamente digitale, e può contare su un display da ben 12,3 pollici. Altra “chicca” è sicuramente BMW Intelligent Personal Assistant, un assistente digitale intelligente che risponde al saluto “Ciao BMW”. L’arrivo del BMW Intelligent Personal Assistant assicura la presenza costante di un vero professionista BMW a bordo. È in grado di spiegare tutti i tipi di funzioni diverse (“Come funziona l’High Beam Assistant?”), fornire informazioni sullo stato della vettura (“Il livello dell’olio è a posto?”) e aiutare a rispondere alle domande (“Ci sono notifiche?”).

Il bagagliaio cresce di poco: il volume di carico è di 500 litri (+5) in configurazione a cinque posti e arriva fino a 1.510 litri abbattendo il divanetto posteriore, proposto di serie con configurazione 40:20:40. Disponibile però un pacchetto optional che include i binari antiscivolo attivi: in configurazione base sono in metallo per far scorrere il carico ma appena si chiude il portellone un piccolo riempimento di plastica viene spinto verso l’alto, offrendo così un maggior grip al carico e impedendo che possa muoversi troppo durante la marcia.

Il primo contatto con la nuova Serie 3 Touring lo abbiamo avuto con la versione 330i, un quattro cilindri 2.0 da 258 CV e 400 Nm. Su strada la vettura rimane comunque un punto di riferimento nel panorama delle station wagon. Lo sterzo è leggero ma molto preciso e veloce, le sospensioni si adattano perfettamente alla situazione di guida (ci sono i selettori che consentono di selezionare il Drive Mode desiderato, ovviamente) grazie alla presenza di ammortizzatori a smorzamento progressivo che garantiscono un perfetto equilibrio tra sportività e comfort. Nonostante l’aumento della rigidità del 25%, non si ha mai a che fare con una vettura , e la distribuzione del peso 50:50 aumenta ancora di più la sensazione di stabilità. L’abitacolo è ultra rilassante, sia dal punto di vista fisico che da quello acustico. Alle velocità più alte i fruscii aerodinamici sono ridotti al minimo grazie al cx di 0,27, valore al vertice segmento.

Per quanto riguarda le motorizzazioni  la gamma si completa con altri due benzina e tre diesel. Nel primo caso, oltre alla “nostra” 330i, (disponibile anche con trazione integrale xDrive) troviamo la 320i da 184 CV, e la M340i xDrive da 374 CV. Sul fronte dei diesel troviamo la 318d da 150 CV, la 320d da 190 CV la 330d da 265 CV (le ultime due disponibili sia a due che a quattro ruote motrici). Infine, da circa metà 2020, sarà la volta dell’ibrido, con il debutto del 330e da 292 Cv di potenza e autonomia solo elettrica da 63 km.

Sei gli allestimenti disponibili, due dei quali sono però riservati al mercato delle flotte aziendali (Business Advantage e Business Advantage Automatico). Per la clientela consumer troviamo l’allestimento base, già piuttosto ricco di optional, lo Sport, l’M Sport e la Luxury.

Il listino della BMW Serie 3 Touring parte da 41.600 euro per la 318d. La più costosa è la M340i xDrive da 71.500 euro.

hiddenCountTag: 1|||hiddenCountRequest: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *