Dacia Duster GPL: a tutto gas

DaciaMotoriTest

Negli ultimi tempi, le motorizzazioni diesel sono sotto attacco per quanto riguarda il problema legato alle emissioni e l’attenzione si sta sempre più spostando verso propulsioni alternative: benzina, ibrido, metano, gpl e, in misura minore, l’elettrico.

Con il nuovo Duster GPL, Dacia irrompe in questo scenario con la solita determinazione che l’ha sempre contraddistinta. In Europa, nuovo Duster continua ad esser il SUV più venduto a privati, oltrepassando dal 2010 ad oggi il milione di unità vendute (1.048 mila unità).In Italia, Dacia oltrepassa per la prima volta la soglia del 3% di market share segnando al 30 settembre il 3,06%, con volumi in crescita del 2% in un mercato che presenta invece, una leggera flessione. Con 8 anni di successo alle spalle, Duster supera le 152.000 vendite dalla data del suo primo lancio.

Esteticamente presenta interni completamente nuovi che assicurano comfort ed ergonomia, grazie ai numerosi dispositivi di assistenza alla guida e al ricco equipaggiamento in termini di tecnologia utile, che assicura alti livelli di qualità percepita.

Il piccolo SUV romeno è declinato sui livelli Access, Essential, Confort e Prestige (protagonista del nostro test), che rappresenta il suo top di gamma. Questo allestimento propone una dotazione completa che comprende: 2 tweeters, 4 alzacristalli elettrici, bracciolo centrale anteriore, cerchi in lega da 17”, climatizzatore automatico, cruise control, fendinebbia, Media Nav Evolution (navigatore e radio Aux-in Bluetooth con comandi al volante), retrocamera, sedile guidatore regolabile in altezza, sedili con supporto e regolazione lombare, sensori di parcheggio posteriori e vetri posteriori e lunotto scuri.

Notevole anche la dotazione di sicurezza (per una SUV lunga quasi 4,40 metri offerta a un prezzo simile a quello di una citycar a GPL): airbag frontali, laterali e a tendina, assistente alle partenze in salita, attacchi Isofix, controlli di stabilità e trazione, frenata automatica e monitoraggio angolo cieco.

La vera novità sta nella propulsione. Duster GPL monta un impianto Landi Renzo montato in fabbrica e costa solo 500 euro più della corrispondente versione a benzina.

Il serbatoio (posizionato al posto della ruota di scorta) di 33,6 litri garantisce un’autonomia dichiarata di 436 km che diventano 1.269 tenendo conto anche dei 50 litri di benzina a disposizione. Il motore 1.6 aspirato da 115 CV (109 CV a gas) del Duster GPL, il primo propulsore a gas del Gruppo Renault in grado di rispettare le normative Euro6DTemp, non brilla tanto per le prestazioni (un pò troppo compassate) ma si fa apprezzare per il comportamento stradale, agile e rassicurante.

Il listino del Duster GPL parte da 13.350 euro per la versione di partenza Essential.

Le migliori offerte

hiddenCountTag: 3|||hiddenCountRequest: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *