Domotica e Interactive TV: così gli alberghi possono gestire la fase 2

TecnologiaTurismo

La Fase 2 è appena iniziata e gli operatori del settore del turismo, si stanno preparando ad affrontare la stagione estiva convivendo con l’emergenza sanitaria. Secondo le stime del CNA, il settore del turismo italiano subirà una contrazione del 73% con un calo del fatturato rispetto al 2019, del 44,1%. Queste previsioni hanno indotto molti albergatori a ricercare rapidamente soluzioni e molti spunti sono arrivati proprio dalla Tecnologia.

In un momento storico in cui l’uomo è costretto al distanziamento sociale, l’automazione e l’IOT si rivelano importanti alleati perché consentono agli albergatori di accogliere gli ospiti in sicurezza. In questo contesto, VDA Group, società italiana leader nel settore della domotica per Hotel con sedi in Europa, Medio Oriente e Asia Pacific, ha raccolto le molteplici richieste arrivate dagli albergatori e ha così raggruppato le principali aree di intervento: ridurre le superfici ad alto contatto (telecomando, telefono, termostato, interruttori, chiavi), evitare assembramenti in Reception durante le fasi di Check-in e di Check-out, incentivare il Servizio in camera e gestire il Controllo accessi.

“Siamo consapevoli che la riapertura delle strutture ricettive rappresenta un momento molto delicato”, dice Piercarlo Gramaglia, CEO di VDA. “Da un lato il timore dell’ospite che una volta varcata la soglia di ingresso non sa bene cosa aspettarsi e teme di non essere al sicuro, dall’altra le difficoltà dell’albergatore nel riorganizzare rapidamente la struttura nel rispetto delle nuove misure di sicurezza. Mai come in questo momento, la tecnologia e l’automazione sono al servizio delle persone, per agevolare l’operatività dei lavoratori e incontrare il gradimento degli ospiti”.

Una delle prime aree di intervento per evitare l’assembramento è gestire al meglio il momento del Check-in e del Check-out. All’esterno sarà possibile l’utilizzo di Termo-telecamere per rilevare la temperatura corporea che non dovrà superare i parametri di sicurezza e all’ingresso si dovrà evitare il classico assembramento alla reception. La soluzione migliore viene dalle App che, previa registrazione, consentono l’accesso in camera tramite il proprio dispositivo mobile. In alternativa c’è il Self Check-in (Totem), dove l’ospite può registrarsi e ritirare la chiave RFID per accedere alla camera, evitando code alla reception.

Una volta entrati in camera, la domotica può essere di supporto per limitare il contatto con quei dispositivi e interruttori considerati “a rischio” ma necessari per la gestione della camera. Un sensore di movimento infatti, può rilevare la presenza/assenza dell’ospite all’interno della stanza e abilitare/disabilitare i servizi in camera. In alternativa al sensore volumetrico è possibile simulare la presenza dell’ospite in maniera definitiva così da abilitare tutti i servizi in camera fino al check-out.

Anche il sistema di interazione tra albergatore e ospite dovrà cambiare, trovando delle alternative innovative a quelle tradizionali: contatto diretto (reception) o telefonico. Adottare un sistema di Interactive TV, consente all’albergatore di comunicare con l’ospite in maniera diretta e di condividere informazioni riguardo ciò che viene fatto in termini di sanificazione e, a sua volta, consente all’ospite di prenotare i servizi offerti dall’Hotel, compreso il Check-out.

Altrettanto importante è individuare tutti quei punti definiti “superfici ad alto contatto” che devono essere messi in sicurezza ogni volta che arriva un ospite nuovo. Le soluzioni proposte per minimizzare i rischi sono basate su pellicole monouso per telecomandi, interruttori e per dispositivi di controllo in generale. Anche l’interazione con l’Assistente vocale può essere una soluzione per evitare il contatto con dispositivi ad alto rischio.

“L’obiettivo è trovare misure che aiutino gli Hotel a ripartire, fornendo soluzioni tecnologiche che diano risposte adeguate in tempi brevissimi. Noi come VDA avvertiamo il peso della responsabilità in un momento come questo e facciamo come sempre del nostro meglio per supportare il settore alberghiero”  – ha concluso Gramaglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *