Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Test

Hyundai Kona Electric MY2020: design, tecnologia e zero emissioni

Dal lancio nel 2018, la domanda per Hyundai Kona Electric ha superato ogni aspettativa in Europa, grazie al suo powertrain elettrico, alla notevole autonomia e al look con stile da B-SUV. In soli due anni, sono state oltre 120.000 le unità vendute a livello mondiale, delle quali più di 53.000 in Europa.

Con il lancio della Model Year 2020, la casa coreana ha introdotto alcune piccole novità che permettono di migliorare ulteriormente la piacevolezza di utilizzo di questo crossover elettrico.

Esteticamente, la linea non ha subito stravolgimenti ma sono stati introdotti piccoli accorgimenti per migliorare il coefficiente di aerodinamica, come la calandra chiusa e le ruote con meno spazio tra le razze dei cerchi. La presa d’aria nel paraurti inferiore sembra essere più pronunciata e viene valorizzata dai dettagli satinati con design a linee orizzontali. Il paraurti posteriore mantiene i dettagli a linee orizzontali per aggiungere valore al look della vettura, mentre i nuovi fari LED posteriori allungati richiamano l’aspetto del frontale.

All’interno, l’abitacolo presenta un nuovo sistema di navigazione con schermo touch da 10.25 pollici caratterizzato da un’interfaccia grafica con funzione split-screen. Sparisce la leva del cambio che viene rimpiazzata da 4 pulsanti, mentre la strumentazione digitale da 8 pollici cambia grafica e colori in funzione della modalità di guida prescelta. Disponibili, ovviamente, le integrazioni con gli smartphone tramite Apple CarPlay o Android Auto.

I clienti di Nuova Kona Electric, possono anche contare sul nuovo aggiornamento Bluelink, che permette di controllare l’auto attraverso il proprio smartphone o la propria voce. L’applicazione mostra l’autonomia e lo stato di carica della batteria, oltre ai tempi di ricarica quando il veicolo è collegato a colonnine pubbliche o private. Gli utenti possono inoltre accedere a un avanzato sistema di gestione della batteria, così da poter selezionare i tempi di ricarica che meglio si adattano ai loro impegni o al loro budget, ad esempio sfruttando al massimo i prezzi dell’elettricità fuori dagli orari di punta.

Grazie alla funzione Remote Charging, è possibile far partire o interrompere la ricarica tramite l’app Bluelink, semplicemente premendo un bottone sui loro smartphone. Il controllo remoto della climatizzazione (Remote Climate Control) permette agli utenti di programmare l’orario in cui vorrebbero preriscaldare la loro vettura, quando è connessa a una fonte di alimentazione esterna. Oltre a offrire un comfort aggiuntivo ai passeggeri, tutto questo permette di risparmiare carica della batteria che sarebbe altrimenti utilizzata per riscaldare il veicolo durante la marcia.

Durante il nostro test, abbiamo guidato Hyundai Kona nella versione con motore da 204 cavalli, accoppiata con la batteria da 64 kWh, cioè quella più prestazionale (l’altra disponibile è da 39 kWh). Una volta in movimento i 204 CV si sentono tutti appena si spinge sull’acceleratore e si sfrutta molto bene l’energia del pacco batterie. Le 3 modalità di guida tra cui scegliere, Eco, Normal e Sport cambiano un po’ la risposta dell’acceleratore, rendendola ancora più o meno brillante. In ogni caso il motore elettrico è sempre pronta e più che soddisfacente, soprattutto nella guida in città. La Kona si guida molto bene anche se bisogna fare l’abitudine ad una frenata che appare più lunga di quella di un modello convenzionale. L’autonomia dichiarata è di 449 chilometri (ciclo WLTP) ma in realtà è un dato non troppo vicino alla realtà perchè, in un percorso urbano dove la frenata rigenerativa consente di aumentare l’autonomia, non siamo riusciti a percorrere più di 300 chilometri.

In autostrada il risultato è un po’ meno incoraggiante visto che, con un andatura limite di 130 chilometri orari, l’autonomia scende attorno ai 240 chilometri. Naturalmente dipende anche dal tipo di guida. Bene i tempi di ricarica tramite colonnina rapida a corrente continua da 100 kW: poco più di 50 minuti per avere l’80% dell’energia. Mentre con il caricatore di bordo da 10,5 kW (optional) il tempo per una ricarica completa è di 7 ore e 30 minuti, e con quello standard da 7,2 kW arriva a 9 ore e 35 minuti.

Con il pacco batterie da 64 kWh, la Kona Electric ha un prezzo che parte dai 43.300 euro della variante XPrime, ed arriva ai 49.100 euro della versione Excellence.

 

1 Comment

1 Comment

  1. Pingback: Hyundai Kona Electric MY2020: design, tecnologia e zero emissioni - Megamodo - Ultime Notizie Italiane

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

Motori

Hyundai ed Eni gas e luce hanno sottoscritto un accordo per lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia con l’obiettivo di ampliare la gamma...

Motori

La nuova generazione di Honda HR-V, il rinomato SUV compatto della Casa di Tokyo, è stata progettata con l’attenzione rivolta al massimo piacere e...

Motori

ŠKODA ENYAQ iV, il primo SUV 100% elettrico della Casa boema e unico modello in gamma a ricevere la certificazione della neutralità sulle emissioni...

Motori

Dalla fine di quest’anno verrà commercializzata in Europa la versione aggiornata della CX-5, il SUV elegante, spazioso e dinamico di Mazda. La Mazda CX-5...