Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Moda

Il jeans Levi’s 501 celebra il 150° Anniversario

Nato nel 1873 con un brevetto per rivetti in rame su pantaloni da lavoro, il Levi’s 501 nel corso di questi 150 anni è diventato il capo d’abbigliamento più iconico e influente mai creato. Tela perfetta per uno stile che infrange le regole e per esprimere se stessi, questo capo ha oltrepassato i confini del tempo e della cultura divenendo un true original amato e indossato da diverse generazioni.

La storia del 501 Original ha inizio con il sarto Jacob Davis e la sua storica invenzione dei rivetti in rame sui pantaloni da lavoro in tela. Un successo immediato che spinge Davis a presentare la sua “waist overall” rivettata al fornitore di tessuti Levi Strauss. I due lavorano insieme a un capo in denim e tela d’anatra che brevettano nel 1873 lanciando ufficialmente quelli che sarebbero diventati noti come i jeans 501.

Dopo un periodo di popolarità all’inizio del XX secolo, nel 1918 i profitti di Levi Strauss & Co. toccano i minimi storici. I fratelli Stern — nipoti di Levi Strauss che rilevano l’azienda alla sua morte — e il nuovo responsabile di produzione Milton Grunbaum, si concentrano allora a migliorare la durevolezza del jeans 501 seguendo i feedback dei clienti. Per esempio, vengono aggiunti i passanti per cintura in risposta ai cambiamenti della moda maschile e alle richieste dei consumatori. Nel 1925, i 501 Original così “migliorati” fanno salire le vendite alle stelle.

Negli anni ’30, Levi’s si impone come caposaldo dell’abbigliamento da lavoro maschile western. Già amato dai cowboys e dai riders dei rodei, Levi’s inizia a richiamare il romanticismo del West nelle sue pubblicità. Vogue pubblica persino un articolo che consiglia i 501 alle donne che trascorrono le vacanze nei dude ranch, nuovo trend dell’epoca. Nel 1939, John Wayne indossa un paio di 501 Original risvoltati nel film Ombre Rosse, inaugurando un lungo rapporto tra Levi’s e Hollywood.

È dopo la seconda guerra mondiale che i jeans si affermano realmente. Non più semplice abbigliamento da lavoro, questi pantaloni con gamba più slim e senza cinturino posteriore né bottoni per agganciare le bretelle, iniziano a essere indossati come capo casual. Motociclisti, artisti, musicisti e sopratutto teenagers accolgono e apprezzano i 501 Original per il loro stile durevole e utility. Inoltre, i jeans diventano il simbolo cool della controcultura grazie a Marlon Brando che li indossa nel film del 1953 Il Selvaggio.

Negli anni ’60, i 501 sono ovunque sinonimo delle controculture, indossati dal pubblico di Woodstock, dagli esponenti del movimento dei diritti civili e nelle proteste per la guerra del Vietnam, nonché dagli esponenti delle subculture mods & rockers nel Regno Unito. Ma la storia non si ferma qui: appaiono in film cult e, come nel caso di Bob Dylan, anche sulle cover dei dischi. Diventano emblema e sinonimo di gioventù e controcultura tanto da essere talvolta banditi nelle scuole, cosa che li fa amare ancora di più dai teenagers.

Nel corso degli anni ’70 e ’80, i jeans 501 si diffondono in tutto il mondo, dall’alta moda allo street style e sono ricercati persino nei black markets dell’ex Unione Sovietica. In Giappone, con l’esplosione di popolarità del vintage, i 501 Original diventano un vero e proprio oggetto del desiderio. Rock stars come Kate Bush e Kim Gordon li indossano strappati, mentre idoli dell’hip-hop come Run D.M.C. e N.W.A li preferiscono ruvidi e scuri. Li indossano anche magnati della tecnologia come Steve Jobs, così come i motociclisti di Oakland, i chicanos di Los Angeles e i bobos di Parigi.

Proclamato “capo d’abbigliamento del XX secolo” dalla rivista Time nel 1999, il 501 continua anche nel XXI secolo il suo successo di icona globale senza rivali, e nella stagione Sping Summer 2023 questo jeans torna in due nuove versioni: 501 ’54 da uomo e 501 ’81 da donna. E, a partire dai nuovi stili in arrivo quest’anno, anche per i prossimi 150 anni il 501 promette di riconfermarsi il più durevole, d’avanguardia e stylish capo d’abbigliamento mai creato.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Ti potrebbe interessare

Spettacolo

“Si-può-fare!”, “Rimetta a posto la candela”, “Potrebbe essere peggio… potrebbe piovere”, ”Se-da-ta-vo??”: sono solo alcune delle esilaranti battute entrate nella memoria dei fan di Frankenstein Junior....

Motori

E’ iniziato l’anno delle celebrazioni per i 120 anni di storia ed eccellenza Harley-Davidson, sancito dalla presentazione della prima serie dei nuovi modelli Harley-Davidson...

Motori

L’inizio di un nuovo anno lunare porta con sé non solo l’entusiasmo della rinascita e la gioia della primavera alle porte, ma anche l’iconografia...

Moda

La storia del TAG Heuer Aquaracer è iniziata nel 1978, quando Jack Heuer ha lanciato il modello Heuer Reference 844, già destinato agli appassionati...