Italian Screenings 2020, la manifestazione si terrà on line

Cinema

L’ Istituto Luce-Cinecittà vuole dare un segnale di ripresa, continuità e vitalità del cinema italiano, e conferma le date degli Italian Screenings 2020: l’unico mercato annuale interamente dedicato al cinema italiano, uno degli appuntamenti più importanti per l’internazionalizzazione dei nostri film. Gli Italian Screenings 2020 si terranno dal 21 al 24 luglio.

La manifestazione si è sempre contraddistinta anche per le location, di volta in volta in diverse città d’Italia, a segnalare il legame con i territori. Il particolare momento storico di grave incertezza e di difficoltà nel programmare le attività, però, ha stravolto i piani: gli Italian Screenings per la prima volta si terranno interamente on line. Questo grazie a Festival Scope, la piattaforma nota ai maggiori Festival del mondo, che garantisce la visione dei film con i più alti standard di sicurezza e qualità. Uno strumento abituale e indispensabile per gli operatori del mercato, che lo utilizzano anche per la visione di promo, trailer, e networking.

Grazie all’utilizzo del virtuale, gli Screenings daranno così visibilità all’ intero arco della produzione italiana, segnalandone ancora la ricchezza di storie, stili, emozioni, e dicendo al mondo quanto il cinema italiano non si fermi. Tanto più in un momento in cui la fame di contenuti audiovisivi sta generando una fortissima richiesta da parte della platea globale. Ospiteranno quindi produzioni recentissime del cinema italiano a una platea di buyers da tutto il mondo, e ‘world sales’ – le società di vendita internazionali. Si prevede un programma di circa 40 film, per la maggior parte anteprime mondiali. Tra questi, produzioni particolarmente attese dal box office – tra commedie, film di genere e di registi molto amati dal grande pubblico – insieme a titoli maggiormente indipendenti e autoriali.

Sul fronte delle presenze gli Screenings 2020 prevedono un raddoppio delle presenze degli operatori di mercato, provenienti da Europa, Americhe, Asia, estesi anche alla nuova importante platea di broadcaster e piattaforme on line. Quindi un flusso di circa 200 buyers e decine di world sales.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *