Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Test

Land Rover: al volante della Defender 90

Dopo avervi parlato del Defender 110 PHEV, ossia la versione della gamma Land Rover che è dotata di ricarica alla spina, è il momento di dedicare le nostre attenzioni al Defender 90 MHEV e cioè la versione tre porte dell’iconica fuoristrada britannica.

Se si parla di nuovo Defender, l’estetica è certamente uno degli aspetti più interessanti. L’aspetto è sempre squadrato, ma meno che in passato. Le linee adesso sono più morbide e pur mantenendo l’ iconico aspetto, rinnovano quasi totalmente lo stile di Defender. Le forme geometriche del frontale e i gruppi ottici con tecnologia LED adattiva le donano una grande personalità e una grinta da vera off-road.

Salendo a bordo troviamo un abitacolo da “first-class” grazie alla precisione delle finiture e una qualità dei materiali davvero molto alta che però non le fanno perdere quell’anima “selvaggia” che storicamente si addice al Defender. Forme squadrate e viti a vista, infatti, contribuiscono a mantenere quell’aspetto country. Tanta la tecnologia a bordo, soprattutto grazie al touchscreen Pivi Pro da 11,4 pollici che consente un maggiore controllo delle funzioni principali del veicolo tramite un display nitido e intuitivo. L’interfaccia in vetro curvato, offre funzionalità rapide e all’avanguardia ed è reattiva non appena il veicolo viene avviato, vanta una semplice struttura del menu ed aggiornamenti Software Over The Air. Con le tre porte, l’accesso alla zona posteriore non è tra i più agevoli, ma una volta entrati lo spazio e tanto. Il bagagliaio si riduce a 397 litri di capacità di carico.

Alla prova su strada, il Defender 90 stupisce soprattutto dal punto di vista dinamico soprattutto grazie al telaio monoscocca che ingloba i longheroni e un comparto sospensioni assolutamente impeccabile. Il motore 3.0 litri accoppiato ad un sistema Mild Hybrid, eroga 400 CV e 550 Nm di coppia massima e, in sinergia con la trazione integrale permanente, il cambio automatico ad 8 rapporti, ed il passo corto, offre un’agilità inaspettata. Non mancano nanche le prestazioni se consideriamo che lo 0-100 viene coperto in circa 6 secondi. Niente male! Quando si abbandona l’asfalto, si hanno a disposizione disposizione, le marce ridotte, le modalità offroad dedicate a terreni differenti del Terrain Response, un’altezza massima da terra con le sospensioni pneumatiche in posizione offroad di 291 mm (quella stradale è di 216 mm), l’Hill Descent Control (che regola la velocità in discesa) e, a seconda dell’allestimento, il differenziale attivo a controllo elettronico e l’All Terrain Progress Control.

La variante mild hibrid da 400 CV ha un prezzo di partenza di 67.800 euro per la versione base fino a 105.400 per la versione X.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Ti potrebbe interessare

Motori

La Volkswagen presenterà la nuova ID.3 al pubblico la prossima primavera. La seconda generazione della ID.3 aprirà un nuovo capitolo nella storia di successo...

Motori

La Lamborghini Huracán Sterrato, prima supersportiva all terrain e ultima arrivata della linea Huracán, ha fatto ieri la sua prima apparizione in Nord America nella Lamborghini...

Motori

FIAT Metaverse Store è il primo showroom interattivo al mondo alimentato dal metaverso, che rende il Marchio un vero e proprio leader nell’offerta di...

Motori

Honda svela la nuova Civic Type R in occasione del suo 25° anniversario e del 50° di Civic. La nuova Type R è stata...