Mazda CX-30: crossover tecnologico ed elegante

MazdaMotoriTest

E’ un crossover come ormai ne vediamo sempre più spesso ma, ha qualcosa in più. Soprattutto in termini di stile ed eleganza. La Nuova Mazda CX-30 è il secondo dei modelli della gamma di nuova generazione del marchio dopo il lancio della Nuova Mazda3. Lunga 4.395 mm, larga 1.795 mm, alta 1.540 mm e con un passo di 2.655 mm, la Nuova Mazda CX-30 si posiziona tra la city crossover CX-3 e la CX-5, il SUV di casa Mazda presentato nel 2012, e soddisfa le esigenze dei clienti che vogliono unire dimensioni compatte e funzionali in città della prima con lo spazio e la praticità dell’altra.

La linea segue il nuovo linguaggio stilistico “Charge and Release”. Questo deriva dalla pennellata utilizzata nella calligrafia giapponese ed è stato sviluppato per integrare i tre fattori chiave del design Kodo evoluto: Yohaku, la bellezza dello spazio vuoto, Sori, curve risolute e equilibrate, e Utsuroi, il gioco di luce e ombra.

Il design dell’abitacolo della Mazda CX-30 è basato sulla filosofia progettuale Mazda che pone l’uomo al centro. La configurazione di base unisce il posto di guida comodo e raccolto con uno spazio arioso e ordinato attorno al passeggero anteriore. Il posto di guida è il fulcro verso il quale convergono il quadro e l’unico schermo centrale dell’abitacolo da 8,8 pollici. La tecnologia a bordo è soddisfacente grazie anche ad un buon sistema di navigazione integrato e all’implementazione di Android Auto e Apple CarPlay, anche se lo schermo centrale non è touch screen. Lo spazio a bordo è tanto, il bagagliaio ha una capacità di ben 430L, sufficiente per ospitare contemporaneamente una tipica carrozzina grande per bambini e un bagaglio a mano. La larghezza del vano del portellone è di 1.030mm, mentre l’altezza della soglia di carico è di soli 731mm, per facilitare le operazioni di carico e scarico dei bagagli pesanti o ingombranti.

Per gli interni sono disponibili due distinte combinazioni cromatiche: Rich Brown per gusti più ricercati e raffinati oppure blu Navy Blue per chi ha una sensibilità più intellettuale e moderna. La vettura, inoltre, disponibile con due impianti audio a scelta: l’impianto di serie Mazda Harmonic Acoustics con 8 altoparlanti e un impianto Bose a 12 altoparlanti ottimizzato per fornire bassi più potenti e una qualità audio superiore.

Per quanto riguarda l’esperienza di guida, diciamo subito che la Mazda CX-30 non ha deluso le nostre aspettative, soprattutto dal punto di vista del confort a bordo e della tecnologia. Per il nostro test abbiamo provato la versione con allestimento top di gamma Exclusive, e un propulsore 1.8 litri diesel da 116 CV con cambio automatico a sei marce. Su strada, la CX-30 si comporta bene, sia in città che fuori. L’abitacolo è molto ben insonorizzato e le sospensioni reagiscono in maniera ottimale alle imperfezioni dell’asfalto, regalando una guida rilassata. Buona la visibilità della strada dall’interno dell’abitacolo, grazie all’ausilio dei sensori e della visione a 360° attivabile sia in manovra che durante la guida. Per la CX-30 Mazda propone i più recenti motori Skyactiv-D Euro 6d-TEMP diesel e i benzina Euro 6d Skyactiv-G, lo Skyactiv-X a benzina: tutti quanti sono disponibili con trazione anteriore o a 4 ruote motrici (AWD) e possono essere abbinati al cambio manuale a sei marce Skyactiv-MT o al cambio automatico a sei rapporti Skyactiv-Drive. Il prezzo di partenza della Mazda CX-30 benzina è di € 24.750 per l’allestimento Ecvolve, mentre il diesel, nello stesso allestimento, parte da € 26.950. Per la versione che monta il nuovo motore Skyactive-X, disponibile a partire dal secondo step di allestimento (Executive) si parte invece da € 29.350.

hiddenCountTag: 1|||hiddenCountRequest: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *