Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Motori

Mercedes: su Classe S debutta la seconda generazione del sistema MBUX

La settima generazione di Mercedes Classe S, il cui debutto è previsto a settembre, porterà con se anche la seconda generazione del sistema multimediale MBUX. Un significativo passo avanti è stato compiuto sia nell’hardware che nel software per rendere l’abitacolo ancora più digitale e intelligente.

MBUX mette la persona al centro: le possibilità di personalizzazione sono state notevolmente ampliate e l’intuitività dei comandi ulteriormente perfezionata. Ciò vale per il vano posteriore, ma anche per il posto guida: con la semplice pressione di un tasto, il nuovo display 3D per il conducente permette ad esempio di vedere per la prima volta una scena tridimensionale, ottenendo un autentico effetto di profondità senza bisogno di indossare gli speciali occhiali 3D.

L’assistente vocale “Hey Mercedes” è stato ulteriormente migliorato per offrire un’esperienza ancora più immersiva: su Classe S il sistema riconosce la voce anche dei passeggeri posteriori, i quali hanno a disposizione due schermi fissi con cui è possibile controllare multimedialità e intrattenimento. Grazie a dei microfoni posizionati all’interno della tappezzeria il sistema capisce da quale poltrona arriva la voce e regola automaticamente il clima se il passeggero dice “ho freddo” o “ho caldo”. In più, la frase “Hey Mecedes” adesso non è indispensabile per attivare comandi semplici: una telefonata, ad esempio, può dunque essere accettata direttamente con “Accetta la chiamata”.

Il nuovo MBUX è poi dotato della inedita funzionalità Interior Assist, che sfrutta le telecamere nel soffitto dell’abitacolo e l’intelligenza artificiale per assistere il guidatore. Se il conducente lancia uno sguardo dietro le sue spalle in direzione del lunotto, il sistema di assistenza per gli interni apre automaticamente, ad esempio, la tendina avvolgibile parasole. Se il conducente cerca qualcosa al buio sul sedile del passeggero anteriore, l’assistente accende automaticamente la luce. Uno sguardo a un retrovisore esterno è sufficiente per consentire di regolarlo direttamente senza specificare lo specchio da manovrare.

Due diversi display head-up (HUD) sono disponibili a richiesta, tra cui un’innovativa versione dall’immagine particolarmente grande. L’angolo di apertura del display è pari a 10° in orizzontale e 5° in verticale; l’immagine si trova virtualmente a una distanza di 10 metri. L’area di visualizzazione corrisponde a quella di un monitor con diagonale di 77 pollici. Sul display AR-HUD vengono proposti molti contenuti in Realtà Aumentata relativi ai sistemi di assistenza alla guida e informazioni relative alla navigazione, che si fondono con l’ambiente antistante la vettura contribuendo ulteriormente a ridurre il potenziale di distrazione del conducente.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

Beauty

Chi si allena con dedizione lo sa: la cura della propria alimentazione è importante tanto nella preparazione del corpo all’allenamento, quanto per ottenere una...

Turismo

Archiviato anche il mese di luglio, ormai possiamo affermarlo con certezza. Il turismo estivo del 2020 in Italia è caratterizzato dalla cautela, e ci...

Spettacolo

Focus, la rete tematica Mediaset dedicata alla divulgazione, diretta da Marco Costa, al canale 35 del telecomando – presenta la seconda edizione di «Universo...

Test

E’ la “cugina” crossover della Golf e, come la Golf, nasce con il compito di fare grandi numeri sul mercato. Parliamo della Volkswagen T-ROC,...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi