Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Motori

Mini Strip: design sostenibile con il tocco di Paul Smith

La MINI STRIP (co)creata da Paul Smith ha festeggiato la sua prima mondiale a Londra . Questo esemplare unico customizzato è il prodotto della collaborazione tra MINI e Paul Smith annunciata a novembre 2020, che ha visto i due marchi iconici britannici condividere idee creative sul design sostenibile negli ultimi mesi. La MINI STRIP mette in luce un approccio innovativo al tema della sostenibilità nella produzione automobilistica. Seguendo il filo conduttore “Semplicità, trasparenza, sostenibilità”, l’auto presenta idee ispiratrici per una progettazione automobilistica più sostenibile. Come suggerito dal nome, il processo è iniziato smontando completamente una MINI Cooper SE, riducendola alla sua essenza strutturale. Solo gli elementi che il designer riteneva assolutamente necessari sono stati poi definiti, implementati e assemblati – mettendo la sostenibilità in primo piano.

“Per me, la MINI STRIP dimostra straordinariamente che MINI e Paul Smith condividono la stessa audacia di pensiero rivolta al futuro in termini di innovazione e design – e insieme creiamo di più. Paul ha posto domande essenziali proprio all’inizio del processo di sviluppo dalla sua prospettiva non automobilistica e quindi nuova. Siamo orgogliosi di aver sviluppato insieme una dichiarazione di carattere così forte”, spiega Oliver Heilmer, Head of MINI Design.

Il design – la perfetta imperfezione

Il processo guidato congiuntamente ha seguito il principio della massima riduzione per generare un design minimalista e di alta classe con un appeal fresco e non convenzionale. Numerosi dettagli intelligenti donano agli esterni della MINI Cooper SE un’estetica assolutamente unica. I materiali grezzi costituiscono una scelta volontaria del design esterno. La carrozzeria, infatti, è stata lasciata allo stato grezzo, senza applicazione di vernice colorata, ma solo di una sottile pellicola di vernice trasparente per proteggere l’auto dalla corrosione. I segni delle finiture di fabbricazione sono stati consapevolmente lasciati intatti sui pannelli di acciaio zincato per identificare chiaramente l’auto come un oggetto funzionale e un compagno robusto per la vita quotidiana. Questo effetto intenzionalmente ruvido è stato anche definito da Paul Smith “la perfetta imperfezione”.

L’espressività inalterata dei materiali

Le sezioni della familiare banda nera di MINI sono stampate in 3D a partire da plastica riciclata e le loro qualità materiali di base sono state lasciate a vista, come i pannelli di metallo. Smith, appassionato di biciclette – che di tanto in tanto ama rimboccarsi le maniche e sostituire o modificare personalmente le singole parti delle sue biciclette da corsa – ha fornito l’ispirazione per le viti a vista nelle parti aggiuntive, che mostrano quanto sarebbe semplice lo smontaggio e quanto facilmente il veicolo potrebbe essere reincorporato nel ciclo delle materie prime al termine del suo utilizzo. Anche gli inserti funzionali e distintivi della grembialatura anteriore e posteriore sono stati prodotti con un processo di stampa 3D, che ha dato vita alla loro sorprendente struttura.

La griglia del radiatore della MINI STRIP e i copriruota contribuiscono a ridurre la resistenza aerodinamica nel modo tipico delle auto elettriche, incrementando così l’autonomia teorica. Il rivestimento della griglia e le coperture aerodinamiche delle ruote sono realizzati in Perspex riciclato, risparmiando sia peso che risorse. Il Perspex riciclato è stato utilizzato anche per il grande tetto panoramico che permette ai curiosi di intravedere la struttura in gran parte nuda della scocca all’interno.

Amore per i dettagli

MINI la chiama “twinkle in the eye”, Paul Smith “classic with a twist” – entrambi si riferiscono a dettagli inaspettati come gli accenti cromatici ad alto contrasto che si svelano, grazie al lavoro dei designer, solo alla seconda o terza occhiata, tradendo la loro passione per i dettagli. Lo stesso vale per la MINI STRIP: aprendo le portiere si scoprono le caratteristiche strisce di Paul Smith in una vivace composizione a cinque colori. Lo sportello di ricarica aggiunge un tocco verde neon quando viene aperto, mentre il disegno di una spina elettrica inciso sullo sportello è opera di Paul Smith.

Riduzione radicale per gli interni

La MINI STRIP è fedele al motto “semplicità e trasparenza” anche all’interno, grazie a una radicale riduzione. Tutte le rifiniture sono state volutamente omesse (con l’eccezione del cruscotto, del topper pad e del ripiano portapacchi), trasformando la scocca nella caratteristica visiva dominante dell’abitacolo. È stata colorata di blu su richiesta esplicita di Paul Smith, producendo un effetto particolarmente accattivante. Il materiale di base a vista e l’intensa tonalità di blu conferiscono all’interno un fascino estetico tutto suo; è spoglio ma allo stesso tempo “vestito”.

Invece del solito design a più parti, il cruscotto è costituito da un’unica grande sezione semi-trasparente con una finitura in vetro fumé. Prendendo spunto dal tradizionale uso di elementi circolari del design MINI, la geometria è stata notevolmente semplificata con un’interpretazione molto più grafica. Non troviamo il classico strumento centrale, lasciando lo smartphone del guidatore al centro della scena. È posizionato dove normalmente sarebbe il display centrale, si connette automaticamente all’auto e, così facendo, diventa il centro di controllo dei media. Gli unici comandi fisici nell’abitacolo sono più in basso nella pila centrale, dove si trovano gli interruttori a levetta per gli alzacristalli elettrici e la funzione start/stop.

I materiali innovativi preservano le risorse

Oltre al design geometrico minimalista all’interno della MINI STRIP, l’uso di materiali riciclati ed ecologici sottolinea le credenziali di sostenibilità della vettura. L’interno è completamente privo di pelle e cromo, con sedili rivestiti in un tessuto a maglia. Il design completamente monomateriale per i rivestimenti dei sedili implica la completa riciclabilità, compresi i bordi, permettendo la circolarità dei materiali. I tappetini sono fatti di gomma riciclata. Il loro motivo simile alla pavimentazione di un terrazzo è un sottoprodotto del processo di riciclo e di produzione e dimostra positivamente come gli elementi costitutivi multicolori godano di una seconda vita come parte di questo materiale.

Anche il cuscinetto del cruscotto, l’interno delle portiere e il ripiano del portapacchi mostrano una geometria molto semplificata e sono fatti di sughero riciclato. Il tipo di sughero utilizzato non contiene leganti sintetici ed è completamente riciclabile. Con la sua piacevole fermezza combinata con una sensazione di morbidezza, il sughero potrebbe diventare in futuro un sostituto della plastica espansa. Grazie alla riciclabilità e al suo status di materia prima rinnovabile che “trattiene” effettivamente l’anidride carbonica durante la produzione, possiede il potenziale per ridurre i gas serra. Un altro effetto collaterale positivo del tessuto a maglia e del sughero è che sono entrambi materiali a poro aperto e migliorano l’acustica interna.

Minimalisti e funzionali – i dettagli

Il volante, anch’esso un punto focale dell’interno, è stato ridotto alle funzioni più essenziali. Il suo cerchio è stato avvolto da un nastro da manubrio in puro stile ciclistico da corsa. Tre razze di alluminio collegano la corona all’ammortizzatore del volante, il cui rivestimento in rete permette di vedere l’airbag dietro. Come all’esterno dell’auto, anche qui ci sono delle viti a vista che mostrano come sarebbe facile smontare il volante in un secondo momento e riutilizzare l’alluminio. Una piccola etichetta Paul Smith in tessuto posizionata lateralmente rappresenta uno degli indicatori della collaborazione riscontrabili all’interno.

I pannelli delle portiere sono fatti dello stesso materiale a rete che copre l’airbag. La struttura della portiera è chiaramente visibile dietro i pannelli a rete, che sono tenuti all’interno di un telaio. La trasparenza della maglia cambia a seconda dell’angolo di osservazione, aggiungendo un’ulteriore dimensione all’aspetto dell’interno. Le maniglie nelle portiere sono fatte di corda da arrampicata avvolta e, insieme alle cinture di sicurezza abbinate, ravvivano l’interno con la loro finitura arancione brillante. Come le maniglie, gli apriporta in alluminio fresato sono alloggiati nella parte interna delle portiere in sughero e forniscono un tocco finale d’alta classe in quest’area. Rivolgendo lo sguardo più in alto, troviamo l’unità airbag esposta nel montante del tetto. Questo ha lo stesso effetto del passaggio visibile dei cavi nell’interno, attirando deliberatamente l’attenzione su funzioni che vengono normalmente nascoste durante la produzione ma che qui vengono utilizzate per ottenere un effetto estetico piacevole.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

Moda

Nove25 e Vision of Super, due brand Made in Italy noti per la dirompente creatività, uniscono le loro reciproche esperienze in una capsule collection...

Moda

Dandy senza cadere nel cliché, come un contemporary gentleman, in grado di alternare con nonchalance business suit e completi sportivi in pieno stile campagna...

Motori

Dalla fine di quest’anno verrà commercializzata in Europa la versione aggiornata della CX-5, il SUV elegante, spazioso e dinamico di Mazda. La Mazda CX-5...

Moda

YATAY, brand di premium sneaker etiche e sostenibili Made in Italy, innovazione carbon-zero e 100% cruelty free, da uno spunto stilistico della nuova Irori...