Opel Insignia Country Tourer: carattere country, anima premium

MotoriOpelTest

È uno dei tre modelli di vertice della gamma delle ammiraglie Opel e va ad affiancare le versioni Grand Sport e Sports Tourer. La Opel Insignia Country Tourer strizza l’occhio agli amanti dell’avventura proponendo un aspetto “avventuriero” con caratteristiche premium, una trazione integrale con torque vectoring e un’altezza dal suolo aumentata di 25 mm. La Tourer tedesca punta forte sulla tecnologia e su un prezzo accessibile per ritagliarsi uno spazio in un segmento affollato da rivali di tutto rispetto (Volvo V60 Cross Country, Mercedes Classe E All-Terrain e Audi A4 Allroad). Noi l’abbiamo provata con propulsore a gasolio biturbo da 210 CV, associato al cambio automatico ad otto rapporti.

La calandra della nuova Insignia Country Tourer risulta ancora più grintosa di quella della Sports Tourer. La griglia, larga e in grande evidenza, e i sottili gruppi ottici danno l’impressione di larghezza e orizzontalità, mentre la protezione sottoscocca di colore silver sottolinea robustezza e presenza su strada. I rivestimenti protettivi neri sagomati nella parte inferiore, sui passaruota e lungo la fiancata, evidenziano ulteriormente il carattere avventuriero della vettura. Tra i punti di forza, si fa notare la seconda generazione degli innovativi fari attivi a led IntelliLux di Opel, con i loro 32 elementi led integrati nei sottili gruppi ottici anteriori (16 su ogni lato) con illuminazione attiva delle curve una portata di 400 metri.

Il passo è stato allungato di 92 mm, l’abitacolo risulta pertanto molto più spazioso, soprattutto a vantaggio dei passeggeri seduti sui sedili posteriori. Con una lunghezza di cinque metri e una larghezza di circa 2 metri, le dimensioni sono generose e offrono una capacità del bagagliaio di 560 litri estendibile fino a 1.665 litri abbassando il divanetto posteriore, quest’ultimo frazionabile in 40/20/40.

Gli interni sono funzionali e ben rifiniti. Al centro della plancia è presente il display touch da 8 pollici del sistema del sistema di infotainment IntelliLink Navi Multimedia Pro 900 con connettività ad Android Auto e Apple Car Play in grado di integrare Google Maps e Waze. I tasti fisici per i comandi principali, presenti al di sotto, sono ben posizionati in modo da non dover distogliere l’attenzione dalla guida. La comodità dei sedili anteriori è certificata AGR, ovvero dall’Ente Nazionale Medici Posturali tedeschi, grazie alla ampia possibilità di regolazioni. Anche dietro si viaggia decisamente comodi, specialmente sulle poltrone esterne che sono riscaldabili. Quelle davanti sono anche ventilate.

Su strada, il 2 litri Bi-Turbo riesce a muovere senza alcuna esitazione la massa della Opel Insignia Country Tourer. Lo spunto è deciso per merito di una coppia di 480 Nm che si fa sentire già a 1500 giri, grazie al decisivo contributo della turbina più piccola a geometria variabile che interviene ai bassi regimi. La spinta non è mai violenta ma è sempre lineare e dolce nell’erogazione della potenza. Lavorano bene le sospensioni che assorbono in maniera ottimale le asperità del manto. Nel misto si avverte il peso con un rollio comunque minimo e con l’avantreno che risponde bene alle sollecitazioni dello uno sterzo. Lavora molto bene l’innovativa trazione integrale con torque vectoring e l’altrettanto nuova sospensione posteriore a cinque bracci. Invece del tradizionale differenziale posteriore, che trasmette la coppia alle ruote posteriori, Opel Insignia Country Tourer vanta due frizioni a dischi multipli a controllo elettronico che consentono di trasferire la potenza individualmente e in modo preciso a ciascuna ruota, indipendentemente dalle condizioni meteorologiche.

I consumi riscontrati nel misto sono di 8,6l/100km. Il prezzo di listino parte da 46mila euro.

hiddenCountTag: 1|||hiddenCountRequest: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *