Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Società

PepsiCo Europe, bevande e snack più salutari

PepsiCo Europe ha annunciato un nuovo ambizioso piano per aggiungere più scelta al proprio portfolio di snack e bevande negli Stati membri dell’Unione Europea. Il piano prevede una serie di impegni fondati su rigorose linee guida nutrizionali basate sulla scienza. Questo impegno volontario sarà presentato alla Commissione europea come parte del proprio Codice di Condotta per un Business responsabile e pratiche di marketing e si basa sui progressi che PepsiCo ha già compiuto a livello globale nell’ultimo decennio per ridurre gli zuccheri aggiunti nelle bevande, sodio e grassi saturi negli snack,
introducendo porzioni più contenute e per creare alternative di marchi esistenti con migliori profili nutrizionali, come Pepsi MAX, 7UP Free e Lay’s Oven Baked.

Per il proprio portfolio di bevande in Europa – che comprende Pepsi-Cola, Lipton Ice Tea e 7UP – il nuovo impegno di PepsiCo sarà quello di ridurre il livello medio di zuccheri aggiunti in tutta la gamma di bevande analcoliche del 25% entro il 2025 e del 50% entro il 2030.

In tutta Europa, PepsiCo ha già creato un forte portfolio di bevande senza zucchero, tra cui Pepsi MAX e 7UP Free. La riduzione dello zucchero ha anche un impatto positivo sul clima. L’azienda stima che il passaggio da formulazioni zuccherate a formulazioni senza zucchero riduce fino a un quarto le emissioni di gas serra di una bevanda.

PepsiCo Europe intende anche proseguire il percorso di diversificazione del portfolio di snack per includere opzioni più salutari, imparando dal proprio successo ottenuto con le bevande senza zucchero. Lo scopo è infatti di aumentare di oltre 10 volte entro il 2025 le vendite di snack salutari rendendola la categoria alimentare in più rapida crescita di PepsiCo nei prossimi quattro anni con l’ambizione di espanderlo in un portfolio di 1 miliardo di dollari entro il 2030.

Silviu Popovici, Chief Executive Officer di PepsiCo Europe, ha dichiarato: “I consumatori vogliono marchi più salutari e sostenibili e vogliono prodotti che abbiano un ottimo sapore. Nell’ultimo decennio, abbiamo riformulato e lanciato nuovi prodotti per offrire più opzioni ai consumatori. Di conseguenza, oggi in Europa quasi una bevanda su tre che vendiamo è priva di zucchero e crediamo che questo trend continuerà a crescere nel tempo. Con questo impegno, possiamo utilizzare la nostra esperienza nella riduzione dello zucchero per accelerare il nostro passaggio a un portfolio di snack più sano”.

PepsiCo comprende che è fondamentale commercializzare i propri prodotti in modo responsabile.

L’azienda si è inoltre allineata agli impegni dell’UNESDA (l’associazione europea del settore delle bevande analcoliche) e della World Federation of Advertisers (EU Pledge) relativi al divieto di marketing o pubblicità rivolti ai minori di 13 anni. Dal 2006, PepsiCo non pubblicizza le proprie bevande analcoliche ai minori di 12 anni in tutta Europa e ha applicato criteri nutrizionali scientifici per determinare quali prodotti alimentari possono essere pubblicizzati nei confronti degli under 12.

Questo nuovo piano rientra nell’impegno di PepsiCo per creare un sistema alimentare più sostenibile e per supportare l’ambizioso Green Deal dell’UE. Alla fine del 2020, l’azienda ha annunciato i piani per ridurre l’uso di plastica vergine, passando a bottiglie di plastica riciclate al 100% per il marchio Pepsi in nove mercati dell’UE entro il 2022. PepsiCo ha anche intensificato i propri obiettivi per affrontare il cambiamento climatico, impegnandosi a raggiungere le zero emissioni nette entro il 2040 e riducendo del 40% le emissioni di gas serra entro il 2030, così come l’agricoltura rigenerativa su tutte le attività agricole, con una diminuzione dei gas effetto serra di 3 milioni di tonnellate entro il 2030.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

Motori

Mentre il nuovo Qashqai si appresta ad arrivare nelle concessionarie Nissan, in Europa gli ordini dei clienti hanno già superato quota 10.000. Presentata a...

Motori

Dopo una prima metà del 2020 caratterizzata dalle estreme difficoltà dovute alla diffusione della pandemia da coronavirus, in Europa le vendite della Golf hanno...

Società

Il mese di dicembre conferma per il mercato Europa (UE+UK+EFTA) le fosche previsioni dei mesi scorsi: le immatricolazioni di autovetture, 11.961.182 nell’intero 2020, segnano...

Società

Torna di nuovo in negativo il mercato dell’auto in Europa nel mese di ottobre, dopo il timido segnale di ripresa registrato a settembre, che...