Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Motori

Porsche: la nuova Macan al banco di prova

A dieci anni dal suo lancio, la Macan si accinge a passare alla seconda generazione del modello, ora in versione completamente elettrica. Essendo il primo modello Porsche basato sulla nuova Premium Platform Electric (PPE), il SUV si presenta come qualcosa di completamente nuovo. Porsche è riuscita a coniugare il suo DNA stilistico con un’aerodinamica ottimizzata per la gamma. Questo risultato è stato ottenuto non solo proponendo una silhouette accattivante, ma anche grazie ai componenti del sistema Porsche Active Aerodynamics (PAA) e ad altre misure specifiche.

Ci sono anche elementi variabili nel sottoscocca. Il pavimento della vettura è piatto e chiuso come quello di un’auto da corsa, anche nella zona dell’asse posteriore. Le carenature sono flessibili e assicurano una bassa resistenza all’aria in fase di estensione: una soluzione innovativa che si abbina alle ruote aerodinamiche, prevalentemente chiuse, e a profili degli pneumatici ottimizzati dal punto di vista aerodinamico. Durante la guida normale su una strada extraurbana, la Macan assume automaticamente la sua configurazione aerodinamica ideale. Lo spoiler posteriore si sposta in posizione “eco”, gli air flap si chiudono e il telaio si abbassa. In tale situazione, è stato rilevato un coefficiente di resistenza aerodinamica di 0,25 (in precedenza 0,35). Questo fa della nuova Macan uno dei SUV più aerodinamici, con un notevole impatto sull’efficienza. L’autonomia secondo lo standard WLTP sarà di oltre 500 km per tutte le varianti.

I motori elettrici della nuova Macan attingono energia da una batteria agli ioni di litio, posta nel sottoscocca, con una capacità lorda di 100 kWh, di cui si possono utilizzare attivamente fino a 95 kWh. Per la nuova Macan, la capacità di ricarica in corrente continua presso le stazioni di ricarica a 800 Volt raggiunge i 270 kW. Il livello di carica può essere portato dal 10 all’80% in meno di 22 minuti presso le stazioni di ricarica a 400 Volt; un interruttore ad alta tensione presente nella batteria consente di effettuare la ricarica in modalità “bank charging”, ovvero dividendo di fatto la batteria a 800 Volt in due batterie, ciascuna con una tensione nominale di 400 Volt. Ciò consente una ricarica particolarmente efficiente, senza dover ricorrere a un booster ad alta tensione aggiuntivo, fino a 150 kW. La carica in corrente alternata è possibile fino a 11 kW.

Porsche ha sviluppato la nuova Macan concentrandosi in modo particolare sulla dinamica di guida tipica del Marchio e sulla sensazione di familiarità con lo sterzo. Questi aspetti fondamentali per la Casa automobilistica sportiva sono oggetto di particolare attenzione durante le prove. Nelle varie fasi di prova, l’obiettivo è quello di coordinare i componenti e i sistemi di nuova concezione e di garantire la continuità operativa e la fluidità della loro interazione. Nei test di durata, la vita di un veicolo viene simulata nelle condizioni di funzionamento più impegnative che i clienti potrebbero trovarsi ad affrontare successivamente soltanto in situazioni limite. Ad oggi, i prototipi mimetizzati della Macan completamente elettrica hanno percorso più di tre milioni e mezzo di chilometri di prova su circuiti di prova e strade pubbliche.

Per verificare l’interazione di tutti i componenti di guida attivi in condizioni climatiche e in situazioni estreme, le vetture di prova vengono testate in tutto il mondo.

La trazione integrale focalizzata sul posteriore dei modelli Macan completamente elettrici garantisce sempre ottime prestazioni. Porsche utilizza esclusivamente l’ultima generazione di motori PSM ad eccitazione permanente sull’asse anteriore e posteriore. Questi motori forniscono una potenza di overboost superiore a 450 kW, sono estremamente efficienti e garantiscono una riproducibilità ottimale della potenza erogata. Il Porsche Traction Management a comando elettronico gestisce quasi in tempo reale la distribuzione degli oltre 1.000 Nm di coppia di cui dispone il modello di punta con dispositivo Launch Control. Per garantire un’ampia gamma di elevate caratteristiche dinamiche e il comfort per cui la Macan è nota, gli ingegneri hanno utilizzato un sistema PASM con ammortizzatori con tecnologia a doppia valvola, sospensioni pneumatiche, differenziale posteriore con bloccaggio elettronico e, per la prima volta, un asse posteriore sterzante con angolo di sterzata fino a cinque gradi.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Notice: Undefined variable: paged in /var/www/vhosts/kind-greider.95-110-134-48.plesk.page/megamodo.com/wp-content/plugins/zoxpress-plugin/widgets/widget-side-tab.php on line 161
Advertisement

Ti potrebbe interessare

Motori

Automobili Lamborghini presta alla Fondazione IEO-MONZINO una Lamborghini Urus S per tutta la durata della “1000 Miglia Charity per la Ricerca”, l’iniziativa organizzata per...

Motori

Con il lancio di A290, Alpine entra in una nuova era. Con un design accattivante, caratteristiche tecniche di prim’ordine, connettività super completa e tante...

Motori

Volkswagen annuncia un ampliamento significativo della sua gamma elettrica con l’introduzione di nuove versioni della ID.7. La casa automobilistica tedesca lancia le nuove ID.7...

Motori

Maserati Grecale è l’auto ufficiale del 50° G7 che si svolge, sotto la Presidenza italiana, presso Borgo Egnazia, nel comune di Fasano di Puglia,...