Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Sport

WRC: il Rally Monza chiude la stagione 2020

Il Rally Monza, in programma ad inizio dicembre, sarà valido come prova conclusiva del Campionato del Mondo Rally. Si è infatti conclusa in maniera positiva la trattativa che ha visto protagonisti Automobile Club d’Italia, FIA, Federazione Internazionale dell’Automobilismo Sportivo, e WRC Promoter, la società che promuove la serie iridata rally.

È stato così colto l’obiettivo di dare una chiusura di assoluto rilievo alla serie WRC 2020, particolarmente colpita dalla pandemia, con un evento importante che unisse al fatto agonistico anche una ampia visibilità. Caratteristiche, entrambe, garantite dal prestigio e dalla storia dell’Autodromo Nazionale Monza, tempio del motorismo mondiale. Il Circuito brianzolo sarà il cuore pulsante dell’evento ospitando il Quartier Generale e il Parco Assistenza, nonché una parte importante della gara. I particolari sul percorso di gara saranno messi a punto e comunicati nei prossimi giorni.

“Abbiamo accettato con spirito di servizio nei confronti della FIA e nell’interesse dell’automobilismo internazionale di organizzare la prova conclusiva del Campionato del Mondo Rally – ha affermato Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’ACI. Per noi, come Automobile Club d’Italia, sarà l’ennesimo impegno di una stagione che ci ha visti protagonisti in tutte le maggiori serie dell’automobilismo sportivo. Abbiamo proposto ed ottenuto che l’accordo si estendesse anche al 2021 ed è proprio in questa ottica che abbiamo deciso di aderire. Sarà un grande evento che chiuderà in maniera assolutamente degna la massima serie del rallismo internazionale, serie che avrà nel Circuito di Monza, Tempio della Velocità, la sua degna conclusione. […] Con la decisione odierna il 2020 di Automobile Club d’Italia entra di diritto nella storia del motorismo sportivo internazionale, con cinque eventi mondiali, tre Gran Premi di F1 e due Rally del WRC, svolti nel nostro Paese”.

Uno spettacolo e un palcoscenico unico per costruttori, team, piloti, produttori degli pneumatici, che nella prossima stagione si arricchirà anche della presenza del grande pubblico degli appassionati. Con la decisione odierna il 2020 di Automobile Club d’Italia entra di diritto nella storia del motorismo sportivo internazionale, con cinque eventi mondiali, tre Gran Premi di F1 e due Rally del WRC, svolti nel nostro Paese”.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Ti potrebbe interessare

Motori

Dalle immagini presentate lo scorso anno per il 50° anniversario della partecipazione di Nissan all’East African Rally, JUKE Hybrid Rally Tribute si è trasformato...

Sport

Da 45 anni, Sparco veste piloti e equipaggia le migliori auto da competizione sportiva nelle maggiori serie mondiali dalla F1 al WRC passando per...

Sport

La storia di Toyota è stata da sempre legata a doppio filo al motorsport. Dalla prima vittoria nel Rally di Giappone nel 1958, ai...

Motori

Ritorna sotto nuove vesti e sulle strade di tutto il mondo l’auto che fece sognare un’intera generazione di appassionati: l’Abarth 131 Rally. Nel quarantesimo...