Bosch perl progetto Bikers Academy

BoschMotori

Bosch è main partner del progetto “Bikers Academy”, nato per formare e sensibilizzare i giovani dai 14 ai 17 anni a una guida sulle due ruote sicura e responsabile. Integrato alle lezioni delle autoscuole aderenti al progetto per conseguire il patentino e la patente A1, il corso approfondisce temi legati al corretto comportamento di guida e alle tecnologie oggi disponibili per ridurre gli incidenti.

“La partecipazione di Bosch a questa iniziativa conferma il nostro impegno nella diffusione della cultura della sicurezza alla guida” ha dichiarato Gabriele Allievi Amministratore Delegato Bosch Italia “A parità di distanza percorsa, per un motociclista il rischio di morire in un incidente stradale è 18 volte superiore a quello di un automobilista” continua Allievi “Per contrastare questa tendenza, il contributo della tecnologia è determinante, come nel caso dell’ABS per moto”.

L’ABS Bosch di generazione 9 è attualmente il più piccolo e compatto in commercio, ideale per applicazioni su moto e scooter. Questa tecnologia evita il bloccaggio delle ruote, assistendo il motociclista nella riduzione della velocità e nell’arresto del veicolo in condizioni di guida critiche. Anche un motociclista inesperto può applicare una frenata completa, riducendo il rischio di caduta e la distanza di arresto del veicolo in modo significativo.

Gli studi condotti da Bosch utilizzando i dati del GIDAS (German Database of Accident Statistics) evidenziano questo fenomeno: il 47% degli incidenti che vedono coinvolte le moto sono causati da un’errata azione frenante. Il sistema ABS permette di evitare tali situazioni potenzialmente pericolose garantendo frenate in tutta sicurezza e una riduzione dello spazio di frenata. Mentre il sistema ABS per le auto in Europa è ormai un equipaggiamento standard dal 2004, in campo motociclistico tale tecnologia è ancora poco utilizzata. Nel 2010 il tasso di installazione è stato pari al 16% del nuovo immatricolato.

Uno studio, condotto dall’Unione Europea, legato ai benefici dell’ABS, dimostra che si potrebbero salvare oltre 5.000 vite nei prossimi dieci anni rendendo obbligatorio l’ABS.

hiddenCountTag: 1|||hiddenCountRequest: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *