Cagiva Mito SP525, la moto da corsa

CagivaFoto GalleryMotori

Cagiva Mito è la voce delle corse e vuole continuare a farsi sentire a distanza di anni. Era il 1991 quando quel logo compariva per la prima volta sulla tuta di un pilota.
Cagiva Mito SP525
Era quella di Eddie Lawson che guidava sì una Cagiva, ma la 500, la moto dei sogni, la massima espressione tecnologica della categoria. “Cagiva Mito” aveva scritto sul petto: si rifaceva alla 125 stradale, nata nel 1989 come sportiva senza carena, guadagnata però un anno più tardi.

Una 125 che, oltre a raccogliere consensi dal giovane mercato a cui era destinata, collezionava vittorie nel campionato nazionale della classe Sport Production. Persino Valentino Rossi, nel 1994, vinse il suo primo titolo con la Mito 125.

Cagiva Mito SP525

Una moto che cambiò per la prima volta dalla sua nascita, nel ’95, con l’introduzione del modello EV, totalmente rivoluzionato a livello estetico. In parallelo alla moto stradale, nasceva sempre una versione racing, modello SP (Sport Production, per l’appunto), con kit e prestazioni non lontane da quelle di una moto da gran premio. E con cui, naturalmente, si vincevano gare e campionati nella ottavo di litro.

Cagiva Mito SP525

La Mito oggi è conservatrice, di princìpi e di concetti. Rappresenta il piacere di guidare un motore a 2 tempi, di sentirlo fischiare come la gloriosa Cagiva 500, anche se con tre cilindri in meno: una moto, quella da corsa, che quando trionfava, l’Italia era in festa, specie in quel 1994 quando John Kocinsky finì terzo nella classifica mondiale.

Cagiva Mito SP525

Proprio a quella sfida, a quei ricordi di moto inferocite, difficili da domare come nessun’altra oggi, si rifà il nuovo nome della piccola Mito: SP525, col numero uno di “125” sostituito dal cinque nel segno della cara, vecchia, adorata Cagiva “5-cento”.

Cagiva Mito SP525

Ma gli anni passano e la tecnologia avanza alla ricerca di un adeguamento sempre più difficile da trovare col rispetto di norme e ambiente. Ecco quindi la più grande soddisfazione, raggiunta insieme alla sportiva più feroce di casa: l’omologazione Euro 3. Forse il lavoro più duro svolto in 18 anni di onorata carriera della Mito. Ma che per Cagiva rappresenta, dal punto di vista della ricerca, l’ennesimo successo.

Cagiva Mito SP525

L’ ESTETICA
Se al posto del faro avesse la targa portanumero, sarebbe difficile distinguere la 125 dalla mitica 500 da corsa. La sagoma arrotondata e compressa del muso, la doppia presa dinamica, il cupolino basso: tutto riconduce alla fortissima somiglianza con la Cagiva 4 cilindri. Anche perché le dimensioni non sono poi così lontane, specie per quanto riguarda l’ottima abitabilità della piccola.

Cagiva Mito SP525

Il design della moto è infatti ritoccato per una buona parte. Nella zona anteriore, al nuovo gruppo ottico sdoppiato si abbinano nuovi specchietti (calotta fissa e specchio regolabile) che compensano, con una conformazione diversa, le dimensioni più compatte del cupolino. Il serbatoio mantiene uguale profilo, squadrato, piatto nella parte superiore e scavato ai fianchi, efficiente dal punto di vista ergonomico/anatomico per il pilota e intonato col nuovo gioco di linee della moto. E’ l’unico elemento estetico conservato dalla precedente Cagiva Mito.

Cagiva Mito SP525

Cambiano i fianchetti neri che si prolungano tra il serbatoio stesso e il nuovo codone, più affusolato e soprattutto chiuso nella parte sotto, verniciato proprio come si usa fare sulle moto da competizione. I due lati della carena mostrano con orgoglio le scritte Cagiva SP525, oltre alla bandiera italiana disegnata sul cupolino.
Saranno cinque le livree disponibili: in monocolore rosso Cagiva, in bianco e in nero, oppure negli abbinamenti argento e nero o rosso e argento.

Cagiva Mito SP525

LA DOTAZIONE
Le novità si intrecciano fra look e motore, e riguardano i seguenti componenti:
– motore rivisto ed EURO 3;
– cupolino, supporto specchi e specchi; – commutatori al manubrio;
– strumentazione;
– gruppi ottici;
– indicatori di direzione;
– colori e grafiche;
– telaietto di sostegno cupolino e codone; – codone, fianchetti e sella.

Cagiva Mito SP525

Il nuovo cruscotto, con spugna antivibrazioni, offre in primo piano il contagiri elettronico, volutamente separato dagli altri elementi (tachimetro e termometro dell’acqua) quale segno di sportività estrema. Il blocchetto spie guadagna un elemento: la spia MIL (Malfunction Injection Lamp), una piccola luce di emergenza che si accende qualora la pompa elettrica, il carburatore o la centralina segnalassero un inconveniente o il malfunzionamento.

Cagiva Mito SP525

Cambiano profilo gli indicatori direzionali, per allinearsi con il nuovo stampo di entrambi i gruppi ottici, sdoppiato quello davanti, singolo e più affusolato del precedente (a 8 led) quello posteriore.
Delle invisibili operazioni di contorno al progetto Mito SP525, fa parte anche la ricerca di un nuovo posizionamento nella parte posteriore, degli apparati elettrici, così da fissare in posizione ottimale la centralina elettronica che gestisce il sistema Euro 3. In questo modo si è potuto dedicare un piccolo, ma pratico vano portaoggetti a disposizione dell’utente sotto alla coda.

Cagiva Mito SP525

IL PRIMO 2 TEMPI EURO 3
Il più grande vanto di oggi per Cagiva è quello di essere riuscita a modificare la maniera di intendere un “motore 2 tempi”. Non è più l’era soltanto di grandi prestazioni, ma anche di ecologia, che per l’azienda italiana ha significato ricerca e investimenti. Il sistema ECS a carburazione elettronica, è un sistema integrato, a controllo elettronico, della dosatura della miscela (sia rapporto aria/benzina che olio), sviluppato in collaborazione con Dell’Orto. L’unità di controllo presiede simultaneamente anche al funzionamento del sistema di accensione. Questo permette l’adeguamento del motore 125 alle normative europee Euro 3, senza ostacolare la competitività commerciale e il contenimento dei costi, mantenendo di conseguenza i consueti vantaggi del motore a 2 tempi: leggerezza, prestazioni e costi ridotti.

Cagiva Mito SP525

Il controllo elettronico della miscela è gestito da una centralina che interviene su:
– una valvola PWM montata sul circuito dell’aria del carburatore per regolare il rapporto aria/benzina, ottimizzando l’incrocio fra le prestazioni del motore e la quantità di emissioni inquinanti;
– una pompa elettronica dell’olio che garantisce la durata nel tempo del catalizzatore insieme a una ridotta fumosità e i bassi consumi;
– il sistema di accensione del motore.

Cagiva Mito SP525

La centralina è predisposta con ingressi e uscite per sensori e attuatori, per ottimizzare il funzionamento del motore a tutte le condizioni: freddo e caldo, fase di avviamento, transitori di accelerazione e decelerazione.
Nello specifico sono presenti:
– sensore giri motore;
– sensore posizione del comando del gas (TPS Sensor, su carburatore); – sensore temperatura del liquido di raffreddamento;
– sensore temperatura di aria e ambiente;
– comando valvola di scarico;
– pilotaggio indicatore contagiri e temperatura acqua su quadro strumenti; – sistema autodiagnosi con spia lampeggiante.

Cagiva Mito SP525

Due catalizzatori trivalenti, che riducono i gas inquinanti HC, CO, NOX, sono posti all’interno dell’ impianto di scarico; il primo si trova a 70 mm dal cilindro mentre il secondo a 70 mm dal primo. Tra i due è inserito l’impianto di aria secondaria, che agisce con una ulteriore post-combustione al fine di aiutare i catalizzatori a ridurre i valori degli idrocarburi incombusti.
La nuova configurazione del motore ha richiesto un settaggio della carburazione (getti e spillo) che, pur mantenendo il livello delle prestazioni agli 1 1 Kw di potenza, ne migliora la fluidità e l’accelerazione ai bassi giri.

TELAIO CHE VINCE NON SI CAMBIA
Un telaio come quello della Mito 125 non deve cambiare. Quando il regolamento era più permissivo e i motori da corsa erano in grado di superare i 200 all’ora di velocità con quasi 40 cv di potenza, il bitrave in alluminio Cagiva non ha mai mostrato punti vulnerabili, anzi, sembrava poter ospitare la potenza di una cilindrata oltre 500 cc senza smorfie di dolore. Ed è il motivo per cui oggi su tante monocilindriche artigianali quattro tempi di 600 cc che corrono nel campionato Supermono viene utilizzato il telaio della Mito. Oggi le 125 hanno per legge 1 1 Kw (15 cv): ecco la ragione per cui telaio e ciclistica rimangono lì, perfettamente bilanciati tra loro, con una messa a punto che oramai non ha più niente da rifinire, dati gli

anni e i numerosi collaudi a cui sono stati sottoposti. Per motivi fisici, quindi di adattamento al nuovo cupolino e al nuovo codone, soltanto i telaietti sostenitori delle relative parti sono stati sostituiti con elementi totalmente rifatti. Non si tratta più di tubi quadri, ma tondi, in acciaio ad alto resistenziale. Il resto non si tocca: moto che vince, non si cambia.

Le migliori offerte

hiddenCountTag: 0|||hiddenCountRequest: 0

62 Commenti

  1. pao ha detto:

    è bella peccato i fari (una non riuscita imitazione)

  2. paraculonrg ha detto:

    è vero…concordo con quello ke dice pao.. xò c’è dA ammettere ke questa mito ha il suo stile e di certo non passi inosservato….a mio parere è un ottima moto a livello di estetica e a livello di prestazioni….OTTIMA!

  3. caio ha detto:

    è bella ma rispetto alla vecchia mito quella ispirata alla 998, 996 ecc nn c’è paragone. anche le prestazioni saranno calate, io possiedo una mito euro 2 e è un bel viaggiare pero’ da quanto ho capito con le nuove norme per gli euro 3 le moto tendono a eassere sempre peggio…quando la proverò scriverò un nuovo commento, per ora mi limito ad apprezzare la moto che ho, un vwero spettacolo, non più un giocattolo come un 50cc

  4. antonio ha detto:

    Secondo me è veramente bella come moto. Meglio certo di una RS 2007 che sembra un giocattolino per bambini con quelle aereografie col leone oppure quella spains. Almeno questa cagiva ha un suo stile raffinato e CONSUMA POCO cosa importantissima essendo euro 3. Per rispondere a “caio” se questi quì dei giornali ti dicono che le prestazioni sn le stesse fidati sn le stesse. Penso abbiamo molta più esperienza di te e stai certo che la vecchia mito l’hanno provata.Secondo me è un’ottima moto anche come estetica molto più bella della vecchia.ps penso che me la prenderò

  5. kevin ha detto:

    secondo me è una mot stupenda e ;visto ke ho 15 anni;tra un anno sarebbe la mot ke sognerei!!! comunque se qualcuno sa dirmi il prezzo lo rigrazierei infinitamente!!! fatemi sapere!!

  6. Jo ha detto:

    oltre al prezzo sapreste dirmi anche a che età la si può guidare grazie

  7. kevin ha detto:

    il prezzo lo ho appena letto ed è di 4961 euro!!!!!! e si guida a 16 anni !! secondo me è stupenda!! ciao

  8. Alessio ha detto:

    ciao vorrei sapere se uscira il kit di potenziamento

  9. klà ha detto:

    MINKIA TRPP BELLA!!!!!

  10. Sphydu ha detto:

    Czz…. Strabella!! Sto convincendo mio papa x faremela prendere!! Poi c caccio su di tutto!!

  11. osmar ha detto:

    è veramente strafiera in ogni dettaglio

  12. Ciccio ha detto:

    Ma è trp bella; siccome ho 15 anni e volevo comprarmi un 50cc appena l’ho vista ho deciso di aspettare un altro anno!!!!!

  13. ke ha detto:

    troppo bella poi il kit c’è per sbloccarla.

  14. pafff ha detto:

    TRpp bedda la voglio kissa quantò farà
    kazzo la voglio subito!!!!

  15. gigi ha detto:

    è veramente bella e anche se è depotenziata basta seguire delle istruzioni x ripotenziarla e diventa un missile

  16. massimiliano ha detto:

    si è bella ma x il rispetto della mmia rs 125 modello 2007 nn c’è paragone

  17. kevin ha detto:

    si hai ragione la mito è molto meglio!! altro ke l’ rs ………..

  18. peppe ha detto:

    io sn appena tornato dal concessionario dve ho ordinato la mito…di qsta nn me ne ha assolutamente parlato…ma siamo sicuri che è andata a sostituire la vecchia? cmq secondo me è meglio la evo..il dietro di qsta fa schifo…

  19. Carlo ha detto:

    ragazzi sapreste dirmi quanto costa farla ripotenziare da un concessionario cagiva?? grazie…P.S. che velocità può raggiungere ripotenziata??

  20. r125 4ever!!!!!!!!!1 ha detto:

    a me fa c**** veramente andatevi a comprare la r125 della yamaha!!!! e un 4 t non un 2t di merda!!!!!!!!!!!!!!!!11

  21. Alex ha detto:

    magariii vuoi dire che il 4 t e meglio del 2 t ma vaaa!!!!!
    sarà più pulita meno costosa ma non andra maiiiiiii come una 2 t!!!

  22. Niky93.....wooow ha detto:

    SENTI….LA MITO CAGIVA NUOVA è UNA BOMBA…….CMQ SAPRESTE DIRMI QUANTO COSTA NUOVA? RISPOPNDETEMI GRAZIE

  23. Mit_ 4ever ha detto:

    ciao ragazzi io ho comprato questa moto e ne sono veramente fiero
    io l’ho pagata 5250€ compreso il kit di ripotenziamento la moto mi fa ben si i 180 km/h un mostro!!!!!!!!!!!

  24. ivan ha detto:

    ho 23 anni ma la grande cagiva 500 me la ricordo.. questa nuova 525 è davvero bella… che mezzo della madonna … cagiva is magic

  25. andrea ha detto:

    ottima moto, anche se il codino e il porta targa lascia a desiderare. come motore ottimo, anche se monta un carburatore elettronico per essere un euro 3. con il kit di ripo della cagiva non fa 180, magari segnati. con una bella arrow e moto sbloccata, arriva a 165 e anche di più effettivi.

  26. cagiva sempre ha detto:

    ragazzi ma da originale senza fermi quanto fa???

  27. Cagiva 4ever ha detto:

    ma la r125 della yamaha è tnt peggio della cagiva e della rs125? io devo prendere la mototra poco e non so cosa prendere ank xk nel 2010 non gira più il 2T…risp

  28. creno ha detto:

    è sicuramente la + bella di tt le nuove 125!!!infatti la prendo!!ihih

  29. Gigi 78 ha detto:

    Ho avuto Mito di ogni età,per potenziare i modelli successivi alla stupida legge degli 11 kw è sufficiente ruotare il gruppo bobbine sottostante al volano,essendo esso ritardato rispetto ai modelli da 17,5 kw,poi riportare uno scarico più libero tipo vecchio,Arrow o Leovince.

  30. alex ha detto:

    ciao, vorei sapere se questa moto si puo portate a 16 anni, e se si puo sbloccare x raggiungere la massima velocita??? risp!!! ma sbloccata quale e la velocita massima della sp525??? risp!!!

  31. Gian Marco ha detto:

    davvero stupenda!!! a marzo finalmete avrò 16 anni e farò di tutto x farmi comprare questa moto da favola!!!
    kmq x alex ; si la moto si può guidare a 16 anni si può sbloccare e farà sui 140-145 km/h

  32. alex92 ha detto:

    troppo bella è la migliore moto da 125cc in circolazionee( alla pari con la rs) io me la compro alla promozione
    non vedo l’ ora

  33. alex92 ha detto:

    cmq ce l’ ha un mio amico e fa i 180!!! l’ unica moto che riesce a competere con questa e la rs! tutte le altre arrivano a 150 + o –
    ma come stile la rs non puo competere con questa

  34. peppe ha detto:

    ma state skerzando la rs è molto più bella rispetto a questa,questa a confronto della rs è uno scarabbokkio.
    ciaooo

  35. alex92 ha detto:

    senti peppino stai zitto se non sai le cose
    sara anche bella la rs quanto vuoi ma…. la mito è 20 volte meglio!!
    ha uno stile inimitabile!!!
    la aprilia poi se la tira troppo…
    questa è la miglior 125 da strada!!!

  36. alex92 ha detto:

    l’ unica cosa ke ha l’ rs + bella della mito è la coda.. solo e soltanto questo
    ma la coda dell rs è veramente fantastica

  37. gialloSbrillo92ct ha detto:

    è un orgasmo qst moto….xo è solo un sogno.. costa davvero trpp.. se la pox xmettere solo i ricconi c voi.. ciaoooooo

  38. pode ha detto:

    Secondo me a differenza dell’ rs che ormai ha scocciato tutti questa è bella e innovativa, speriamo solo per il carburatore elettronico e speriamo che vada come la vecchia

  39. fabio ha detto:

    SONO INDECISO TRA QUESTA E L’RS.. QUESTA COME STILE LA TROVO MIGLIORE MA COME PRESTAZIONI COSA CONSIGLIATE?? HO SENTITO KE L’RS PESANDO DI MENO TIRA DI PIù.. VERO???????? RISP PLEASE!!!!

  40. ste ha detto:

    sapete dirmi in che colori è disponibile

  41. PODE ha detto:

    Allora ti rispondo subito…secodno me la mito va + o – come l’rs l’unica cosa in cui si differenzia è che l’sp525 è esclusiva l’rs detto fra noi ci ha un po scocciati o meglio è sempre lei…

  42. fabio ha detto:

    x ste:
    i colori disponibili sono nero/grigio metallizzato, rosso/grigio metallizzato tutta rossa o tutta bianca (ke secondo me è la migliore..)

    x pode:
    grazie mille.. e sapresti dirmi se la mito sp ha tanta ripresa o no??

  43. PODE ha detto:

    è disponibile in bianco nero rosso e rosse/grigio

  44. PODE ha detto:

    x fabio

    si l’sp ha abbastanza ripresa come tutti i 2t bisogna ancore vedere un attimo il carburatore elettronico

  45. fabio ha detto:

    ah già, ma se uno volesse può cambiare il carburatore elettronico per uno normale? e cosa cambia tra quello elettronico e quello normale ke hanno tutti??

  46. maurizio ha detto:

    lasciate perdere io la possiedo e gia cn il potenziamento base è una strafigata… e l’euro 3 nn toglie niente…cmq rispondendo a fabio se sostituisci il carburatore elettronico dovrebbe consumare di + e nn penso si possa fare… w la mito e il 2 tempi!!

  47. samuel ha detto:

    non mi piace e meglio il 250 rs a due tempi bicilindrico

  48. samuel ha detto:

    a me non mi piace prorpio e meglio un 250 rs a 2t bicilindrico o un 125 sempre rs no cagiva che schifo

  49. fabio ha detto:

    grazie mille maurizio.. VOLEVO CHIEDERVI L’ULTIMA COSA: LA SI PUò ORDINARE DA QUALCHE CONCESSIONARIA GIA POTENZIATA A 30CV??? RISPONDETE AL PIù PRESTO PER FAVORE..

  50. mirco ha detto:

    ciao a tutti
    1 domanda
    ma il kit per la mito cosa conprende ?

  51. kiko ha detto:

    sec me l rs d estetika è piu fika ma questa corre d piu ……
    mi sapete dire qnt fanno tt e 2 originali ??????? please

  52. kiko27 ha detto:

    ragazzi sec me come linea è piu bella l r 125 yamaha e come velocita la mito mi sapete dare un consiglioooo ????

  53. STE ha detto:

    IO SONO UN FORTUNATO PROPIETARIO DI 1 SP525… VIAGGIA DA PAURA (170 EFFETTIVI) MONTATO IL KIT (140 EURO)…. E VI CONSIGLIO DI FARLO SUBITO AVENDO MANDATO A P*****E 2 MARMITTE ORIGINALI IN 6000 KM… PRIMA DI MONTARE IL KIT…

  54. michael ha detto:

    bella davvero.. io ce lo ma nn va un c++++o.. dove lo compro il kit? risp vi prego..

  55. dime85 ha detto:

    Sono un appassionato e forte sostenitore dei 2 tempi. Ho avuto un RS125 nel 2003. Una moto eccellente 180Km/h e una manegevolezza incredibile.I consumi reali 25 km/l. Quest’anno mi sono tolto la voglia ed ho acquistato una rs 250 seminuova che non venderò mai più. 215 Km/h e con consumi che vanno da 14 km/l a 18km/l. Chi non la possiede non pùò sapere quali emozioni può regalare questa moto. Non voglio dire che MITo 525SP e altre a 4t siano m***a…quasi comunque. Le nuove generazioni purtroppo non potranno assaporare quello che abbiamo assaporato noi. Mi dispiace per voi. Se avete l’opportunità di comperarvi solo una delle due moto che possiedo, ragazzi fatelo!! Quando dovrete metterci dentro benzina e olio, lo farete volentieri e con leggerezza, senza pensare al costo. Pensateci bene!!

  56. STE ha detto:

    Dime85… leggi bene l’articolo… la mito sp525 è 2 TEMPI… e nn 4… inoltre io ho avuto occasione di provare molte aprilia rs, e soprattutto il modello nuovo è fatto di m***a… ogni piega avevo paura che mi rimanesse in mano qualche pezzo… nn ti da l’idea di sicurezza e stabilita, è tt plastica!!! la mito invece, già dalla prima volta che sali rende l’idea di 1 pezzo unico, di essere sicura, stabile e nn fà rumori strani come l’aprilia…. provala e cambierai idea… in oltre il motore cagiva è molto miliore dell aprilia… 12000km in 1 anno sempre a chiodo e lui è ancora li!!! a spingere… l’aprilia.. be 4000km e il motore è fuso… senza contare le carene, la mito in plastica ad alta resistenza o vetroresina… l’aprilia… forse di carta igienica indurita ma scadente… e ci sarebbero mille altre cose… ma nn voglio immaginarmi la tua faccia quando scenderai da una sp525 e guarderai la tua aprilia con disgusto e rimpiangerai di aver buttato i tuoi soldi nel c***o e tirato l’acqua invece di usarli x comprare 1 mito… qualsiasi modello… in oltre il vero divertimento sta nel piegare… e superare moto di cilindrata molto piu grande in curva… arrivare a sfiorare con il ginocchio l’asfalto… e nn lanciarsi ai 200 in tangenziale… in piega si distingue 1 vero motociclista da 1 scadente… uno che la moto la sa usare e portare da 1 che la sa solo guidare xchè ha la patente…

  57. Alessio ha detto:

    chi parla male della cagiva mito è un gran figlio di….

  58. andrea ha detto:

    sono tt fissati con l’aprilia sembra ke sl quella corra da ripotenizate vanno quasi uguale anche perchè l’euro 3 da ripo diventa euro 2 basta cambiare la marmitta un mio amiko ha l’rs del 2004 replica m.poggiali e stiamo quasi uguali sl un pò di accellerazione perdo perchè ho il carb elettronico ma sennò fino a 145-150 lo brucio e ripeto BRUCIOOOOOO poi di estetica fanno schifo quelle vekkie..

  59. luca ha detto:

    allora io ho la mito sp525 vi posso dire che la velocità massima incarenato eè 145/150 km/h e ke come moto è molto buona ha un po poca ripresa da originale xo secondo me una volta ripotenziata è una bomba!! ma un po come tutte le moto 2 tempi cmq da la merda a tutte le 125 2t originali!!!!! fidatevi e nn voglio pensare una volta che è ripotenziata!!!! MADOOOOO!!! ciao a tutti 😉

  60. fausto ha detto:

    sono un appassionato del 2 tempi, possiedo una YAMAHA RD 350 F2, oggi per la prima volta ho incontrato una cagiva mito sp 525,eravamo su un misto…sono rimasto sbalordito, è un vero missiletto!!!! veramente bella!!!

  61. sebo ha detto:

    ciao carusi mi chiamo sebo io ho una cagiva mito sp525 l ho presa di seconda mano da un concessionario il contachilometri indicava 1700km ma nn credo che erano quelli …cmq a breve li vorrei montare lo scarico arrow “mini thunder “prezzo tipo 250 euro mi pare ma nn ho capito 1 cosa il ripotenziamento consiste solo nel cambiare la marmitta ho bisogna cambiare pure la centralina???? Se si cambiano tutte e 2 quanto costa la centralina??? X favore datemi 1 risposta che mi sono rotto il cazzo a camminare cn 1 mito 2t a soli 130 km….assurdo!

  62. marzo scutellà ha detto:

    non devi cambiare marmitta ma anche il carburatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *