Nuovo format e location per la Laureus F1 Charity Night

MotoriSocietà

La Laureus F1 Charity Night, l’annuale evento di fundraising a sostegno delle attività della Fondazione Laureus Italia Onlus, che si terrà a Milano, presso il suggestivo Spazio Antologico di via Mecenate, giovedì 5 settembre, giunge alla sesta edizione, ma si rinnova completamente nel format. Merito di Feelrouge Worldwide Shows, l’agenzia specializzata nella realizzazione di grandi eventi, che proporrà un vero e proprio show, basato sui concetti di tempo e velocità.

Così come nello sport il risultato di una competizione è espressione di ciò che un atleta riesce a raggiungere nel tempo che gli è stato concesso, allo stesso modo per Laureus il tempo è una discriminante fondamentale, il momento di crescita dei ragazzi, in cui è necessario agire tempestivamente. Questo è il concept portante su cui si snoda la Laureus F1 Charity Night, impreziosita dalla presenza di Ambassadors, Academy Member e testimonial, tra cui Marvin Hagler, Giacomo Agostini, Leonardo Fioravanti, Sean Fitzpatrick, David Coulthard e Maria Riesch. A illuminare la scena ci saranno anche Serena Autieri, che delizierà la platea con un’emozionante esibizione canora, Michelle Hunziker, Filippa Lagerback e Paolo Scaroni.

Per garantire la partecipazione del pubblico lo spazio è articolato in un continuum condue palchi, uniti da una passerella, circondati da quattro megaschermi. Ad animare la serata sarà una competizione virtuosa ed emozionante di testimonianze e progetti. Il mondo Laureus, come il circus della Formula 1, è composto da team e proprio quattro squadre saranno protagoniste della serata, con il compito di suscitare interesse e adesione ai loro progetti.

Le quattro squadre sosterranno altrettanti progetti della Fondazione Laureus Italia Onlus: Vela & Surf, promosso a Napoli e Roma con l’obiettivo di promuovere l’inserimento professionale e l’istruzione, Softball, a Milano, che sensibilizza sull’equità di genere, Tukiki & Calcio sociale, a Milano e Roma, che pone l’accento sull’inclusione, e il Basket, a Milano e Napoli, che punta sempre sull’istruzione. Come in un talent show, ogni team, composto da un capo squadra, un tutor e un performer, avrà a disposizione 8 minuti per raccontare la sua storia, avvalendosi divideo e testimonianze, utili a creare consenso per ottenere donazioni con l’acquisto dei memorabilia all’asta. Su ogni tavolo saranno posizionati tre tablet che mostreranno in diretta l’andamento della raccolta fondi e attraverso i quali sarà possibile rilanciare la propria offerta.

Tra gli oggetti all’asta ci saranno le maglie Laureus autografate da Roger Federer, in occasione dell’ultima edizione di Wimbledon, e dai giocatori della nazionale italiana di rugby, in procinto di partire per il Giappone per la Coppa del Mondo. E ancora, la maglia della Juventus di Cristiano Ronaldo, il pallone da basket firmato da Danilo Gallinari, i guanti da gara di Nico Rosberg, e un giro in barca a vela con Furio Benussi.

Dallo scorso primo di agosto e fino al 4 settembre (chiusura alle ore 22.00) è attiva la pre-asta della Fondazione Laureus sulla piattaforma benefica di CharityStars (http://www.charitystars.com/ laureus2019), cui è possibile partecipare facendo offerte per aggiudicarsi i lotti proposti. Il valore raggiunto online su Charity Stars costituirà poi la base d’asta per la Laureus F1 Charity Night.

La serata sarà condotta da Federica Masolin, apprezzata giornalista e volto di Sky Sport della Formula 1, e Rudy Zerbi, conduttore radiofonico di Radio Deejay e produttore discografico italiano, oltre ad essere un noto personaggio televisivo. Al menù stellato della serata ci penseranno invece Davide Oldani, ambasciatore Laureus Italia, e Andrea Berton.

Oltre ai memorabilia dei campioni dello sport, protagonisti dell’asta saranno pezzi unici ed esclusivi donati da rinomati luxury brand: IWC Schaffhausen, Smart (con Garage Italia), Piaggio & C., Jaeger-LeCoultre, Baume&Mercier, Mercedes-Benz, Chloé, Caruso, Tod’s, Roger Vivier, Moncler, Montblanc, Christofle Paris, Lancel, Edhèn, Adidas, Ferrari Trento e vari oggetti personali donati negli anni dagli Ambassador Laureus.

Tutti i proventi verranno destinati a sostegno dei progetti della Fondazione Laureus Italia Onlus attivi nelle periferie delle città di Milano, Napoli, Torino, Roma e Genova. Dal 2005 ad oggi la Fondazione ha sostenuto più di 5000 bambini che vivono in realtà di forte deprivazione socio-economica, attraverso numerosi progetti che offrono più di 20 differenti attività sportive. Per allargare il raggio di azione della Fondazione privati e aziende possono contribuire alla serata di gala attraverso sponsorship e partnership.

FONDAZIONE LAUREUS ITALIA ONLUS

“Lo sport ha il potere di cambiare il mondo” queste le parole pronunciate da Nelson Mandela, in occasione della prima edizione dei Laureus World Sports Awards, che si sono tenuti, a Montecarlo, nel 2000. Queste parole hanno ispirato il movimento Laureus.

Fondazione Laureus Italia Onlus utilizza lo sport come strumento educativo di apprendimento, operando principalmente nelle periferie delle città italiane.

L’obiettivo è aiutare bambini e ragazzi che vivono in condizioni di forte deprivazione economica e sociale al rispetto di se stessi e degli altri, a condividere e a rispettare le regole e le diversità culturali, ad integrarsi sviluppando il senso di appartenenza a una comunità. Il tutto attraverso una metodologia che utilizza la pratica sportiva come strumento formativo che accompagni i processi di crescita dei minori coinvolti riconoscendone le potenzialità di recupero e inclusione.

In questo senso, molteplici sono le attività che hanno preso piede nelle periferie di diverse città italiane tra cui Milano, Napoli, Roma e Torino, coinvolgendo oltre

5000 bambini in più di 20 differenti attività sportive, tra cui sport di squadra “classici” come calcio, basket e pallavolo e discipline quali surf, vela, capoeira e molte altre.

Nel corso degli anni la Fondazione ha collaborato con più di 70 organizzazioni territoriali (associazioni sportive, scuole, servizi sociali ed enti del terzo settore) e ha coinvolto oltre 20 Ambassador, campioni nello sport e non solo, che sostengono i progetti in Italia. Oltre al supporto ai minori, Fondazione Laureus Italia Onlus offre attività formative rivolte agli allenatori, insegnanti ed educatori coinvolti nei suoi progetti. L’obiettivo è sempre garantire un trasferimento di competenze specifiche e permettere alle organizzazioni territoriali coinvolte di applicare autonomamente le metodologie sportive/educative pianificate dalla Fondazione Laureus.

hiddenCountTag: 1|||hiddenCountRequest: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *