ONRUSH – Recensione

CodemastersGiochikoch media

Sviluppato da ex-membri di Evolution Studios (DriveClub), in collaborazione con Codemasters piomba sul mercato un racing arcade davvero particolare: ONRUSH, dove la prima posizione non conta. Non conta davvero nulla!

ONRUSH è un titolo di corse dal carattere decisamente arcade, dove l’unica cosa che conta davvero è abbattere ogni avversario che si permette di intromettersi nella vostra traiettoria di guida. Nel mondo di ONRUSH non esiste il concetto di “posizione in classifica”, di “traguardo”, né di “tempo sul giro”. Si parte e si scatena l’inferno: una folle corsa verso un orizzonte a caso, senza soluzione di continuità. Un interminabile fuoco d’artificio di scintille, lamiere contorte e bolidi di ogni sorta che piombano nel fango, volano su dossi, atterrano su moto in corsa. A tenere alto il senso di sfida, un unico obiettivo: raggiungere una precisa quantità di punti prima della squadra avversaria. Saranno le diverse modalità a dirvi come riuscire nell’impresa.

In ONRUSH non esistono armi per colpire le auto (e le moto) avversarie, si vive di sportellate ben assestate, di atterraggi strategici sul tettuccio (o sulla testa) di chi è davanti, allo scopo di rimetterlo dietro, una volta e per sempre. Le regole per conquistare la vittoria sono determinate dalle diverse regole delle modalità offerte: in “Countdown”, ad esempio, ogni percorso prevede dei “pannelli” luminosi da attraversare per ridare fiato al cronometro, prima che esso possa segnare lo zero (il classico concetto di “Checkpoint” che conosciamo fin dai tempi di OutRun, per intenderci). Nella modalità “Switch”, il fattore che più conta è quello di totalizzare il maggior numero di incidenti (a vostro favore), mentre in “Lockdown” viene chiesto ai giocatori di restare all’interno di una zona illuminata per più tempo possibile.

Il ritmo di gioco viene scandito da due elementi: il turbo, che com’è facile immaginare si riempie saltando o abbattendo i BOT avversari (che faranno sempre compagnia ai giocatori, anche nelle modalità online, come visto nello sparatutto Titanfall), e lo “Scatto” (Rush). Quando il giocatore ha finalmente la possibilità di scattare, a schermo esplode l’impossibile, una scarica di adrenalina inimmaginabile, dove abbattere ogni avversario si trasforma in un’operazione dannatamente divertente. Sì perché il gameplay è il punto forte di ONRUSH: sei vetture e due modelli di moto differenti a determinare un sistema di “Classi”. Le capacità di accelerazione, velocità di punta e resistenza agli scontri non giocano un ruolo chiave. Ad essere più importanti sono i bonus di attacco che ogni diverso guidatore offre: ad esempio, vi è la possibilità, quando si attiva lo scatto, di rallentare tutti coloro che sono alle vostre spalle, rilasciando particolari barriere. Oppure, vi sono anche bonus “passivi”, come quello che permette di ricaricare il turbo della propria squadra quando si utilizza lo scatto.

In ONRUSH, quindi, il racing arcade si fonde a delle caratteristiche che si rifanno esplicitamente a titoli pensati per il multiplayer: vi è solo una modalità Campagna, per quel che concerne l’offline, ma è quando si va online che il divertimento cresce a dismisura: come in uno Deathmatch a squadre di uno sparatutto qualsiasi, anche nel titolo Codemasters il bilanciamento delle classi scelte nella stessa squadra può fare la differenza tra la vittoria e lo sconfitta. Il modello di progressione del proprio pilota non riguarda alcun tipo di caratteristica tecnica: ogni partita permette di accumulare punti per sbloccare, esclusivamente, elementi grafici, come le fantastiche livree per auto e moto.

Il modello di guida di ONRUSH ci ha convinti: divertente ed “elastico” al punto giusto, come ogni Arcade che si rispetti. Le auto e le moto reagiscono in maniera eccezionale ad ogni più piccola asperità del terreno, ed il meteo dinamico, tra tempeste e tramonti infuocati, che sia di giorno, abbagliati dal sole, o di notte, incantati dalla luce delle stelle, vi stupirà grazie ad un motore grafico solido, con frame-rate (quasi sempre) inchiodato a 60fps, e con la possibilità di impostare la risoluzione in 4K (a patto di scendere a 30fps).

ONRUSH è il classico videogame che punta esclusivamente al divertimento: poche regole, corse folli, costantemente alla ricerca del prossimo avversario da asfaltare, in un mix di velocità e distruzione che ha pochi rivali in ambito videoludico. Per questa estate, riteniamo il titolo Codemasters possa essere interpretato come la massima espressione del concetto di “divertimento”. E non è cosa da poco!

VOTO: 8 / 10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *