Suzuki Ignis Hybrid, prova su strada

MotoriSuzukiTest

È comoda. È ibrida. È inconfondibile. È il primo SUV ultra-compatto. Suzuki Ignis coniuga forme inconfondibili con un’eccellente funzionalità in soli 370 centimetri di lunghezza. Il suo design, semplice, trae ispirazione da elementi stilistici della tradizione Suzuki, declinandoli in una personalità unica e innovativa.

Abbiamo provato la versione Hybrid 1.2 e le sensazioni regalate dalla vettura sono state più che positive. Il merito è soprattutto della nuova piattaforma che si distingue per leggerezza e rigidità e che grazie a sospensioni di nuova progettazione, restituisce un handling eccellente.

La versione Hybrid, introduce l’innovativo sistema SHVS (Smart Hybrid Vehicle by Suzuki) composto da un dispositivo ISG (Integrated Starter Generator) che integra tre componenti (generatore di corrente, motorino di avviamento e motore elettrico) in un solo elemento. Il sistema è completato da un pacco batterie agli ioni di litio posizionato sotto il sedile del guidatore. L’insieme dà tutti i vantaggi dell’Ibrido con un peso contenuto in soli 6kg.

L’ibrido SHVS è un sistema ideale studiato per modelli compatti che, in combinazione con la piattaforma di nuova generazione e l’efficiente motore benzina 1.2 DUALJET da 90 CV, permette a Suzuki Ignis di limitare i consumi a 4,3 l/100 km nel ciclo combinato e le emissioni di CO2 in 97 g/km (versione 2WD), con un vantaggio del 12% rispetto alla versione standard.

Ignis è disponibile in tre allestimenti che offrono sin dalla versione d’ingresso una dotazione completa, come da filosofia Suzuki “tutto di serie senza sorprese”: iCOOL, iTOP e iADVENTURE. Già dall’allestimento iCOOL, infatti, sono di serie cerchi in lega BLACK da 16″, vetri oscurati e interni BiColor, cui si aggiungono dotazioni funzionali come climatizzatore, sedili anteriori riscaldabili, fari automatici, retrocamera di parcheggio, sistema “accompagnami” (guide me light), sedili posteriori indipendenti, scorrevoli e frazionabili 50:50 e specchietti elettrici e riscaldabili.

Suzuki Ignis iCOOL, inoltre, ha una connettività completa grazie al sistema multimediale touch screen da 7″ con USB e Bluetooth, che supporta le piattaforme Android Auto di Google, Apple CarPlay e MirrorLink. A questa ricca dotazione, l’allestimento iTOP (presente sulla vettura del nostro test) aggiunge contenuti esclusivi come fari Full LED con DRL, climatizzatore automatico, cruise control con limitatore di velocità, volante in pelle multifunzione, navigatore satellitare, fendinebbia, Hill Hold control, alzacristalli elettrici posteriori e sistema “chiavintasca” (keyless).

Suzuki Ignis iTOP eccelle anche nella sicurezza attiva, grazie al sistema “attentofrena” (dual camera brake support) con due telecamere in grado di monitorare la distanza tra l’auto e gli elementi circostanti che fanno da base a funzioni tecnologiche d’eccellenza nel segmento: il dispositivo “restasveglio” (weaving alert function) che avvisa il guidatore nel caso di guida “ondeggiante” e il dispositivo “guidadritto” (lane departure warning), che avverte il guidatore tramite segnali acustici, luminosi e con una leggera vibrazione del volante in caso di abbandono della corsia.

Su Suzuki Ignis la tecnologia ibrida SHVS è disponibile sia nella versione a trazione anteriore, che in quella dotata del 4WD ALLGRIP e in associazione agli allestimenti iTOP e iADVENTURE. Indipendentemente dalla trazione scelta, Suzuki Ignis con sistema SHVS costa solo € 1.000 in più rispetto alla versione equivalente priva dell’ibrido, un segno dell’impegno di Suzuki nel diffondere la tecnologia ibrida rendendola davvero sostenibile per l’ambiente e i Clienti.

Indipendentemente dalla trazione scelta, Suzuki Ignis con sistema SHVS costa solo € 1.000 in più rispetto alla versione equivalente priva dell’ibrido, un segno dell’impegno di Suzuki nel diffondere la tecnologia ibrida rendendola davvero sostenibile per l’ambiente e i Clienti. La Hybrid iTop (senza la trazione 4×4) costa 16.900 euro. Rinunciando anche al sistema ibrido, per la 1.2 DualJet iTop si spendono 15.800 euro, e 14.050 per la iCool, priva del navigatore e dei dispositivi di sicurezza delle altre.

hiddenCountTag: 2|||hiddenCountRequest: 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Come prescritto dai decreti legislativi 69/2012 e 70/2012 e dal comma 2 dell’art. 122 del Codice della Privacy, ovvero il recepimento italiano della cosiddetta Legge Europea 'Cookie Law', in questa pagina si spiegano le modalità con le quali questo sito utilizza i cookies.
Per ogni informazione sui cookies e il loro funzionamento si veda: www.allaboutcookies.org

Questo sito utilizza alcuni cookies per il funzionamento del sito stesso (cookies del tipo cosiddetto 'tecnico') e per migliorare la navigazione.
Noi non raccogliamo alcuna informazione personale con questo tipo di funzionalità e l'utilizzo dei cookies in questi casi è semplicemente necessario per il funzionamento del sito stesso.
Qualora non si sia d'accordo con l'utlizzo di questi cookies vi invitiamo a lasciare la navigazione su questo sito. Viceversa, il proseguimento della navigazione sul nostro sito è considerata alla stregua di un assenso. In alternativa, per limitare il ricevimento di cookie tramite il browser visita i seguenti siti per comprendere come impedire al tuo dispositivo di ricevere i cookie (a seconda del browser che adoperi): FirefoxInternet ExplorerGoogle Chrome e Safari. Naturalmente, in questo secondo caso non garantiamo il corretto funzionamento di tutte le parti del sito.

Interazione con piattaforme esterne
Questi servizi permettono di effettuare interazioni con i social network, o con altre piattaforme esterne, direttamente dalle pagine di questa Applicazione. Le interazioni e le informazioni acquisite da questa Applicazione sono in ogni caso soggette alle impostazioni privacy dell’Utente relative ad ogni social network e/o piattaforma esterna. Nel caso in cui sia installato un servizio di interazione con i social network e/o piattaforma esterna è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.

Chiudi