E’ di Filippo Guerra il Premio Bagutta Opera Prima 2010

Società

‘Come ho perso la guerra’ di Filippo Bologna è il vincitore del Premio Bagutta Opera Prima 2010. La giuria, presieduta da Isabella Bossi Fedrigotti e composta da Rosellina Archinto, Stefano Agosti, Eva Cantarella, Pietro Cheli, Dario Del Corno, Elio Franzini, Umberto Galimberti, Piero Gelli, Andrea Kerbaker, Nico Naldini, Giovanni Orelli, Elena Pontiggia, Mario Santagostini e Orio Vergani, anche quest’anno caratterizzati dallo spirito di affettuosa convivialità che è nel DNA del premio, ha inteso premiare Come ho perso la guerra, esordio narrativo del trentaduenne toscano Filippo Bologna: “un romanzo sapido e arguto, avventuroso e grottesco, che ha convinto all’unanimità i giurati per la sua freschezza”.
premio Bagutta
Bologna aveva già ottenuto, sempre con questo libro, l’importante riconoscimento del Premio Fiesole 2009. Per la cronaca, il vincitore del Premio Bagutta 2010 è invece ‘Corrado Stajano’ con ‘La città degli untori’ (editore Garzanti). La cerimonia di premiazione avrà luogo domenica 31 gennaio durante la consueta cena al Ristorante Bagutta.

Per Filippo Bologna è un ulteriore riconoscimento che viene a confermare quanto espresso sinora dalla critica di settore: per Alberto Asor Rosa è “una boccata d’aria pura, il divertimento assicurato, la lingua che si srotola e si dipana con meravigliosa facilità, un bel racconto di formazione, un’epica familiare inconsueta, una microstoria nazionale italiana ben veritiera, anzi, dirò di più, assolutamente verosimile”; per Edoardo Nesi, “Un’opera prima di quelle rare, preziose, che ci piacerà rileggere anche tra 10 anni quando Bologna sarà una maledetta star.”

hiddenCountTag: 1|||hiddenCountRequest: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *