Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Motori

La rinascita di un icona: la Nuova Alfa Romeo 33 Stradale

L’Alfa Romeo ha annunciato con orgoglio la rinascita della leggendaria “fuoriserie” 33 Stradale, un’auto che rappresenta il perfetto connubio tra l’eredità gloriosa del marchio italiano e l’avanguardia delle esperienze di guida del futuro. In un esclusivo lotto di soli 33 esemplari, questa coupé “due posti secchi” incarna l’arte artigianale italiana e si pone come un vero e proprio “manifesto” dell’essenza stessa di Alfa Romeo, quella nobile sportività italiana che fa battere il cuore degli appassionati di automobili di tutto il mondo.

Il processo creativo di questa nuova 33 Stradale ha avuto origine nel cuore del Centro Stile Alfa Romeo, dove il modello storico del 1967 è stato rielaborato con elementi del linguaggio stilistico contemporaneo del marchio. Il risultato è una vettura che combina in modo magistrale il passato e il futuro. Gli esterni di questa opera d’arte meccanica incarnano l’epitome della “bellezza necessaria” di Alfa Romeo, un equilibrio perfetto tra proporzioni, volumi e superfici curate nei minimi dettagli. La parte anteriore si presenta muscolosa e possente, con l’iconico scudetto Alfa Romeo e gruppi ottici dalla forma ellittica. La linea laterale è dinamica e slanciata, con porte ad apertura “elitra” che aggiungono un tocco di esclusività. L’intera carrozzeria sembra proiettata in avanti, seguendo i canoni estetici tipici del marchio. Inoltre, grazie alle porte e alla vetratura del tetto, il conducente gode di una vista panoramica, un’esperienza paragonabile a quella di un pilota di jet. L’apertura spettacolare dei cofani e delle porte contribuisce a rendere questa vettura un’opera d’arte in movimento. Il posteriore, elegante e muscoloso, bilancia alla perfezione l’andamento sinuoso del frontale, e l’altezza massima si posiziona al centro del tetto, una caratteristica unica che conferisce alla vettura un aspetto straordinariamente distintivo.

L’efficienza aerodinamica è stata portata al massimo, con un coefficiente di resistenza aerodinamica (Cx) di 0.375, il risultato di un approccio che ha evitato l’uso di sistemi attivi per la gestione del downforce (Cz).

La filosofia di design minimalista si riflette anche nell’abitacolo della 33 Stradale. Ogni elemento è stato concepito per massimizzare l’esperienza di guida, eliminando ogni distrazione per il conducente. La console centrale ospita solo i comandi essenziali, lasciando spazio a un display davanti al pilota che coinvolge il guidatore in modo unico, grazie alla tridimensionalità del suo design. Il volante, privo dei tradizionali comandi, mette in risalto il puro piacere di guida. Come in un aereo, i comandi sono posizionati su livelli differenti, garantendo un’ergonomia senza paragoni. Gli interni sono proposti in due allestimenti: “Tributo” e “Alfa Corse”. Materiali pregiati come alluminio, fibra di carbonio, pelle e Alcantara dominano la plancia e il tunnel centrale, richiamando l’atmosfera dell’aviazione. I sedili avvolgenti, rivestiti in pelle Poltrona Frau, sono un omaggio alla progenitrice della 33 Stradale, offrendo comfort e supporto in curva.

La nuova 33 Stradale non delude nemmeno sotto il cofano. È disponibile con un possente motore biturbo V6 da oltre 620 CV o in una configurazione BEV con oltre 750 CV. Entrambe le versioni offrono prestazioni eccezionali, con una velocità massima di 333 km/h e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in meno di 3 secondi. Le sospensioni a doppio braccio con ammortizzatori attivi e il sollevatore dell’avantreno garantiscono un’eccezionale maneggevolezza e comfort. Il sistema frenante Alfa Romeo Brake-By-Wire e i freni carbo-ceramici di Brembo completano il pacchetto, offrendo prestazioni di alto livello.

La 33 Stradale è ancorata a un telaio ad H in alluminio e una monoscocca in fibra di carbonio, garantendo rigidità e leggerezza. La struttura del tetto in fibra di carbonio e alluminio, con le cerniere per le porte a farfalla, è stata ingegnerizzata per garantire rigidità e sicurezza ottimali. Anche le cornici dei vetri sono in carbonio, mentre il lunotto posteriore è in policarbonato.

Per perfezionare la messa a punto della vettura, Alfa Romeo ha coinvolto il pilota di Formula 1 Valtteri Bottas sulla leggendaria pista di Balocco.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Notice: Undefined variable: paged in /var/www/vhosts/kind-greider.95-110-134-48.plesk.page/megamodo.com/wp-content/plugins/zoxpress-plugin/widgets/widget-side-tab.php on line 161
Advertisement

Ti potrebbe interessare

Motori

Range Rover Electric apre la strada alla propulsione elettrica, alla raffinatezza e ai viaggi di lusso con i prototipi ora sottoposti ad alcuni dei testing...

Motori

Hankook Tire Italia è sponsor della prima Milano Hypermile Challenge. La manifestazione, promossa e gestita da Tesla Owners Italia (TOI), un’associazione di possessori di...

Tecnologia

Subaru Corporation ha annunciato una collaborazione con AMD per progettare circuiti per un System-on-Chip (SoC – sistema su circuito integrato) che integri l’elaborazione del...

Motori

Automobili Lamborghini presenta una serie speciale Ad Personam in edizione limitata “All Terrain” di Huracán Sterrato alla Milano Design Week. Le 12 vetture, con...