Nissan Serena e-POWER al Tokyo Motor Show

MotoriNissan

In occasione del Tokyo Motor Show 2017, Nissan Motor Co., Ltd. presenta Serena e-POWER, una nuova versione del minivan con l’esclusivo sistema elettrico e-POWER.

Serena e-POWER sarà il secondo modello Nissan a integrare questa tecnologia. È un ulteriore passo avanti nel percorso dell’azienda impegnata a introdurre modelli sempre più elettrificati secondo il pilastro Nissan Intelligent Power, uno degli aspetti della Nissan Intelligent Mobility, la roadmap tecnologica di Nissan per il futuro della mobilità che ridefinisce il modo in cui i veicoli vengono guidati, alimentati e integrati nella società.

e-POWER è stato introdotto per la prima volta a novembre 2016 in Giappone con il lancio di Nissan Note e-POWER. Il sistema elettrico si ispira alle tecnologie di Nissan LEAF, il veicolo elettrico più venduto al mondo, che include anche un piccolo motore a benzina per ricaricare, quando occorre, le batterie ad alta capacità, eliminando così il bisogno di un caricatore esterno e garantendo la stessa erogazione di potenza.

Serena è già nota per il suo abitacolo spazioso e la marcia fluida, ma con e-POWER offrirà ora anche l’accelerazione potente e reattiva di un veicolo elettrico, unita a una silenziosità impareggiabile e un’eccellente efficienza dei consumi.

Inoltre Serena e-POWER sarà equipaggiata con l’ultima versione di ProPILOT, la tecnologia di guida autonoma su corsia singola messa a punto da Nissan per gli spostamenti in autostrada.

Serena e-POWER presenta le caratteristiche finiture blu sulla griglia, oltre a luci di coda a LED personalizzate e cerchi in alluminio dal design aerodinamico. Questi e altri accorgimenti visivi trasmettono i concetti di performance entusiasmante e stile all’avanguardia alla base del veicolo. All’interno, i passeggeri della fila posteriore potranno usufruire di sedili separati, anch’essi caratterizzati da finiture blu sui tessuti, per un comfort e una praticità ai massimi livelli.

Le vendite di Serena e-POWER inizieranno in Giappone nella primavera del 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *