The Ariston Comfort Challenge su DMAX

Società

Quattro mesi di scouting e ricerca per identificare la stazione polare più adatta, l’impiego di due tir, tre navi rompighiaccio, un peschereccio artico: questi alcuni dei numeri di “The Ariston Comfort Challenge”, una colossale missione tra i ghiacci artici raccontata in prima tv su DMAX, sabato 20 ottobre alle ore 23:15. Ogni anno ricercatori da tutto il mondo sfidano le condizioni più estreme del Circolo Polare Artico, per portare avanti sul campo le ricerche sull’ecosistema che impattano sui cambiamenti climatici.

“The Ariston Comfort Challenge” segue la spedizione polare di tre installatori, selezionati a livello internazionale, con l’obiettivo di costruire un avamposto confortevole e sicuro per un gruppo di ricercatori, guidato dal professor Morten Rasch, impegnati in Groenlandia dove le temperature minime oscillano tra i -19° e i -40° e le avverse condizioni climatiche non avevano mai consentito di eseguire gli studi fondamentali per il futuro del pianeta prima di questa epica impresa.

William, Andy e Oleg, provenienti da Italia, Cina e Russia, non si lasciano scoraggiare da nessun inconveniente – dalle bufere di neve, alle ore di ritardo accumulate dai voli a causa del maltempo, alla mancata consegna di parte del carico inizialmente spedito. A un passo dal raggiungimento dell’obiettivo e con l’aiuto degli abitanti della piccola cittadina di Qeqertarsuaq, sull’Isola di Disko, lì dove tutto sembrava impossibile, si è compiuta una missione senza precedenti.

Quattro mesi di scouting e ricerca per identificare la stazione polare più adatta, l’impiego di due tir, tre navi rompighiaccio, un peschereccio artico: questi alcuni dei numeri di “The Ariston Comfort Challenge”, una colossale missione tra i ghiacci artici raccontata in prima tv su DMAX, sabato 20 ottobre alle ore 23:15.

Le migliori offerte

hiddenCountTag: 2|||hiddenCountRequest: 0

1 Commento

  1. Randaccio William ha detto:

    Ottima descrizione.. lieto di avervi partecipato. William randaccio il tecnico italiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *