Assoluti d’Italia Enduro 2015: terza prova all’Isola d’Elba

Sport

Gli Assoluti d’Italia di Enduro sbarcano all’Isola d’Elba per la terza prova, che si è disputata in una sola giornata di gara e in cui i piloti del Team Beta Factory si sono ben difesi. Le tre prove speciali disegnate dal Motoclub Isola d’Elba sono state impegnative, difficili ed estremamente tecniche. I piloti hanno dimostrato di essere in ottima forma e di avere raggiunto il giusto ritmo di gara in previsione della prima trasferta mondiale che si disputerà in Cile nel mese di aprile.

Johnny Aubert è partito subito forte registrando il secondo miglior tempo assoluto nel primo cross test, poi un errore ha compromesso il risultato della prova in linea facendogli perdere diversi secondi. La gara è partita subito in salita, ma Johnny non si è arreso e ha recuperato fino a raggiungere la quinta posizione in classifica assoluta.

La gara di Luis Correia è stata altalenante con alcuni ottimi tempi nelle prove speciali enduro test e cross test, mentre nell’estrema ha sofferto maggiormente.

Un ottimo risultato è arrivato anche dal convalescente Giacomo Redondi che nonostante un forte stato febbrile ha chiuso al secondo posto della classe Junior, mentre il primo posto è stato conquistato da Davide Soreca in sella alla Beta RR 250 del Team Costa Ligure Boano.

JOHNNY AUBERT: “Dopo la gara anomala di Lignano Sabbiadoro corsa sulla sabbia, finalmente una gara di vero enduro e le tre speciali qui all’Isola d’Elba erano di grande livello e ideali per la preparazione al mondiale. Il risultato ottenuto, un quinto posto assoluto e terzo di classe, non è soddisfacente. Ora vediamo di rifarci a Spoleto e prepararci al meglio per la prima del mondiale in Cile”.

LUIS CORREIA: “Per quanto mi riguarda continua la preparazione in vista del mondiale e sono contento del feeling che sto instaurando con la mia moto. La gara dell’Isola d’Elba è stata fantastica ma molto dura e impegnativa”.

GIACOMO REDONDI: “Sono arrivato all’Isola d’Elba che non ero al 100% e nei giorni precedenti alla gara, dedicati a camminare ed a visionare le prove speciali, la situazione è peggiorata. Domenica mattina mi sono svegliato con la febbre, un forte mal di orecchio e una lieve perdita di equilibrio. Ho stretto i denti e alla fine ho cercato di portare a casa più punti possibili.”

hiddenCountTag: 1|||hiddenCountRequest: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *