L’ultima parola, attualità tra TV e Web

SocietàTecnologia

L’attualità, la politica, il costume, la cronaca: un viaggio in Italia e nei suoi cambiamenti. Lo propone – da venerdì 15 gennaio in seconda serata su Raidue – “L’ultima parola.”, il nuovo programma di Gianluigi Paragone, realizzato dal Centro di Produzione Tv Rai di Milano negli studi di via Mecenate. Ogni settimana inchieste, servizi filmati, interviste e ospiti in studio per approfondire quanto accade nel nostro Paese, in un racconto che fornisce spunti di riflessione e qualche risposta.
Gianluigi Paragone
Ad aprire ogni “capitolo” di questo racconto – su una passerella formata da 12 schermi al plasma – sarà Gianluigi Paragone con un editoriale nel quale propone la propria chiave di lettura del tema del giorno, seguito poi dal dibattito in studio e dalle testimonianze di ospiti e protagonisti.

Sia nel corso dell’editoriale che durante la fase dedicata al dibattito, poi, il conduttore avrà anche la possibilità di utilizzare uno strumento di comunicazione interattiva di ultimissima generazione: un software che si basa sulla tecnologia touchscreen e permette col semplice tocco di un dito di visualizzare su uno schermo simboli, grafiche, filmati e servizi. E, alla fine della trasmissione, prima dei titoli di coda, Paragone si avvicinerà a questo “schermo magico” per lanciare il momento della hit parade con il meglio e il peggio della settimana televisiva e della carta stampata alle quali riserverà il commento finale, la sua “ultima parola”. Lo studio della trasmissione è caratterizzato, inoltre, da un grande ledwall per i collegamenti, da una zona pubblico che ospiterà un centinaio di persone, e da una passerella alta circa un metro con i 12 schermi al plasma.

“L’ultima parola.” sarà corredato da un innovativo progetto internet basato sull’interazione e pensato per sfruttare appieno tutte le possibilità dei Social Media e del Web 2.0. A fianco del sito istituzionale (www.lultimaparola.rai.it), dove si potranno trovare tutti i contenuti legati alle puntate in onda, particolarmente innovativa sarà la parallela esperienza legata all’utilizzo Twitter, il servizio di social network e microblog che permette di condividere informazioni in tempo reale, da pochissimo tradotto anche in lingua italiana. Il programma si presenterà così nel web con le nuove modalità di informazione del ventunesimo secolo, che prevedono il principio dell’aggregazione di utenti e contenuti su internet come la nuova frontiera della comunicazione interattiva. Una sfida che proietta “L’ultima parola.” direttamente nel futuro dell’informazione. Questa opportunità lega così il nuovo programma di Raidue ad altre esperienza che tanto hanno fatto parlare di Twitter recentemente, dal celebre tweet di David Letterman in diretta durante il suo Late Show al progetto del Sole 24 Ore, che ha aperto ben 14 account dedicati a news di attualità, finanza e costume. Il pubblico potrà dunque interagire da casa durante la messa in onda della trasmissione e rilanciare i temi della puntata sull’account twitter.com/lultimaparola.

hiddenCountTag: 1|||hiddenCountRequest: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *