Vespa 946 a Parigi per la mostra “Le sette ossessioni del design italiano”

MotoriPiaggio

Dal 1946 Vespa si è affermata, ancor prima che come mezzo di mobilità individuale, come puro oggetto di design accompagnando in giro per il mondo l’eccellenza del genio italiano. Oggi – grazie a una mostra allestita nelle magnifiche sale settecentesche dell’Hotel Rochefoucauld-Deaudeville, sede dell’ambasciata italiana di Francia – Vespa 946 rende omaggio al prototipo MP6 da cui, nel clima turbolento e creativo del dopoguerra, prese vita lo scooter più famoso del mondo.

Dal 30 maggio al 4 giugno “Le sette ossessioni del design italiano”, organizzata nel più ampio quadro dei “Designer’s Days”, guiderà il visitatore in un percorso alla scoperta del design italiano più significativo, caratterizzato da uno stile sempre sospeso tra le linee della tradizione e una profonda innovazione tecnologica.

Il prototipo Vespa 946 incarna esattamente la migliore sintesi di questo concetto, unendo le linee classiche e inconfondibili del mezzo che da oltre sessantacinque anni è il veicolo più famoso e diffuso al mondo, a una profonda innovazione tecnologica. Vespa 946 accoglie infatti nelle sue linee eleganti e modernissime, che anticipano il futuro stilistico di Vespa, il nuovo propulsore a 3 valvole frutto della ricerca del Gruppo Piaggio. Un motore che garantisce bassi consumi e un sensibile abbattimento delle emissioni gassose e sonore.

A far da cornice e rendere ancora più suggestivo l’ideale percorso dell’esposizione “Le sette ossessioni del design italiano”, suddiviso in I Grandi Semplici; I Grandi Borghesi e la Sacralità del Lusso; La Democrazia Impilabile; La Dinamicità; La Luce dello Spirito; Il Super Comfort e Il Teatro Animista, si aggiunge il lavoro di sette prestigiose firme del cinema italiano che hanno interpretato per l’occasione le ossessioni del design. Tra le firme anche quella del regista Ermanno Olmi.

hiddenCountTag: 1|||hiddenCountRequest: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *