Come seguiranno il match decisivo oggi gli italiani?

SportSudafrica 2010Yahoo!

Questo pomeriggio gli Italiani seguiranno l’attesissima Slovacchia-Italia, ultima e decisiva partita del girone eliminatorio, durante l’orario di lavoro. Come si attrezzeranno? Radio, Tv o computer? Su quale mezzo seguiranno l’incontro? E come si attrezzano gli italiani durante la visione delle partite? Quali sono le nostre abitudini di tifosi durante i Mondiali? A tutte queste domande risponde una ricerca di Yahoo! su 3000 utenti europei (750 italiani).
Come seguiranno il match decisivo oggi gli italiani?
Oggi dove guarderanno la partita gli italiani? Nonostante il 40% degli italiani ritenga il proprio posto di lavoro molto o abbastanza flessibile riguardo alla visione della partita, ben il 25% degli intervistati confessa di aver preso delle ferie non programmate pur di godersi la partita in santa pace. E per quelli che resteranno in ufficio, il web sembra essere l’unica ancora di salvezza per seguire i risultati in diretta, come afferma il 15% degli intervistati.

Ma di solito dove si guardano i match dei Mondiali?

Gli italiani dichiarano di guardare le partite dei Mondiali preferibilmente in Tv e a casa propria (74%) o di amici (24%), quindi quella di oggi sarà sicuramente un’eccezione nelle abitudini dei tifosi “azzurri”. Abitudini ben differenti rispetto ai tedeschi, per esempio, che considerano più frequentemente l’opportunità di guardare i match al bar (20%) o in piazza sui maxischermi (27%).

Cosa fai durante la partita?

Sarà perché gli italiani hanno i propri riti scaramantici o perché sono soliti compiere delle azioni che non si addicono alla visione collettiva dell’evento come urlare davanti al televisore (più della metà della popolazione, il 54%, dichiara di farlo) e imprecare (23%) quando sono arrabbiati o, al contrario, applaudire (74%) alle azioni più belle e, in caso di gioia estrema e di gol da parte dell’Italia, abbracciare e baciare chiunque gli capiti intorno (33%).

In giro per l’Europa sorprendono le curiose abitudine dei tifosi. Gli “urlatori” più incalliti sono gli inglesi (lo dichiarano il 60% degli intervistati), mentre i più “irriverenti” sono i francesi (40%). Gli spagnoli si caratterizzano per il battito di mani (49%).

Cosa ti fa urlare davanti alla TV?

Gli italiani preferiscono sfogare la propria rabbia davanti al televisore con un urlo. A provocare questa reazione è soprattutto il gol della propria squadra (secondo il 78% degli intervistati), ma anche un errore dell’arbitro (72%) o un gol sbagliato (71%). Gli urlatori più accaniti contro l’arbitro sono gli spagnoli (81%) mentre il 52% degli inglesi urla per il goal della squadra avversaria.

Hai mai pianto per il calcio?

Campioni del Mondo in carica, il 70% degli italiani dichiarano di aver pianto per la vittoria dell’Italia al Mondiale, il 58% invece dice di aver pianto per la sconfitta degli Azzurri ai calci di rigore. I Mondiali del 2006 (vittoria ai rigori contro la Francia) e quelli del 1994 (sconfitta ai rigori contro il Brasile) sono evidentemente un ricordo ancora vivo nella mente degli italiani.

I generi di conforto durante la visione della partita

Per gli italiani, che dichiarano di guardare le fasi più concitate della partita seduti sul bordo del divano pronti per scattare in piedi, non c’è partita senza patatine (38%) e birra (37%). Ma avanza anche la percentuale di chi sorseggia bibite “light” (15%), così come il 13% dichiara di non riuscire a mangiare nulla a causa del nervosismo. Anche in questo caso il giro in Europa offre spunti interessanti. I tedeschi amano guardare le partite davanti ad una bistecca cotta al barbecue (26%) o dei dolcetti (32%), mentre in Inghilterra alla birra (36%) spesso si associano altri tipi di alcolici (23%).

Riti scaramantici

E se il 12% degli italiani dichiarano di pregare Dio durante la partita (nulla in confronto rispetto al 22% degli spagnoli), non prende piede l’abitudine di seguire la partita vestiti con la maglia della propria Nazionale. Solo il 5% degli italiani, infatti, si veste di azzurro a fronte del 17% dei tedeschi e del 14% degli inglesi.

Le migliori offerte

hiddenCountTag: 0|||hiddenCountRequest: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *