Avventura e sport per l’estate di Courmayeur

Turismo

Courmayeur possiede un carattere internazionale, essendo terra di frontiera e cittadina alpina a forte vocazione turistica, ma al contempo conserva intatto un prezioso tesoro di tradizioni, storia e cultura locali, capace di regalare esperienze autentiche. Le feste rappresentano l’anima profonda di Courmayeur e dei suoi abitanti, il legame con le radici e il territorio che contraddistingue questo popolo di montagna. Gastronomia, musica, artigianato e religiosità popolare, sono questi gli ingredienti che rendono speciale un soggiorno ai piedi del Monte Bianco. Il calendario delle manifestazioni offre molteplici spunti per chi cerca, durante le vacanze, un contatto autentico con l’ospitale Courmayeur.

Un appuntamento sicuramente imperdibile è la Festa delle Guide Alpine, che come vuole la tradizione cade il 15 agosto, nel giorno dell’anniversario della prima vittoriosa ascensione del Monte Bianco, effettuata da Balmat e Paccard nel 1876. La storia della più antica Società delle Guide d’Italia, fondata nel 1850, è sempre stata profondamente legata alla memoria di Courmayeur e dei suoi abitanti.

A ferragosto il paese sarà pacificamente invaso dalle Guide in divisa storica, tutte con il tipico cappello a tesa larga, la corda arrotolata sulla spalla, piccozze e ramponi, accompagnate dalle note della Banda Musicale di Courmayeur-La Salle. Tra i momenti più intensi della giornata, la cerimonia di ricordo dei colleghi scomparsi, la consegna dei premi, la benedizione di corde e piccozze, strumenti che, anche nella loro versione moderna, accompagnano il quotidiano di uno dei mestieri più affascinanti del mondo.

Per la gioia degli appassionati di vintage e dei collezionisti, ma anche dei semplici curiosi, per quattro lunedì (30 luglio, 6 agosto, 20 agosto, 27 agosto) tornerà la Fiera di Santa Margherita, ad Entrèves. Si tratta di un vero e proprio viaggio nella memoria, da assaporare andando a caccia di ricordi, libri, giochi, suppellettili, oggetti della tradizione e dell’artigianato. Nata nel 1984 su iniziativa di alcuni operatori del villaggio, la Fiera è cresciuta nel tempo, conquistandosi un ruolo di primo piano tra le manifestazioni che caratterizzano l’estate ai piedi del Monte Bianco.

La storia di Courmayeur rivive anche attraverso le numerose feste patronali che, come in un ideale passaggio di testimone, si alternano nei vari villaggi. A dare l’avvio alla stagione delle manifestazioni tradizionali è, il 14 luglio, la Festa di San Benedetto a Dolonne. Eccezionalmente, in concomitanza con la patronale, si svolgerà anche, per tutto il giorno, la trentesima edizione della Foire de la Valdigne, mostra mercato dell’artigianato tipico di tradizione, la cui organizzazione quest’anno spetta proprio a Dolonne. Il 21 luglio ad Entrèves si festeggia Santa Margherita, protettrice del caratteristico villaggio che costituisce il punto di incontro tra la Val Veny e Val Ferret. Occhi puntati, alle 22,30, sul momento culminante della festa, il suggestivo spettacolo pirotecnico a cura di PyroEmotions, in collaborazione con Cva.

Il 27 luglio è la Festa di San Pantaleone, patrono estivo di Courmayeur, che si svolge nel caratteristico borgo. Ad aprire le danze, letteralmente, saranno il gruppo folkloristico “Les Badochys” di Courmayeur e la Banda musicale di Courmayeur-La Salle, mentre non mancheranno le degustazioni di prodotti tipici. Il divertimento prosegue fino a tardi: la novità di quest’anno è l’allestimento di un Dj Set a cura del CourmaClub, dalle 23h00 alle 01h00. La festa prosegue fino a tardi, nella spumeggiante cornice del CourmaClub a Dolonne. La settimana successiva, il 6 agosto, nel cuore della frazione del Villair è tempo di Lé Vercuino, una festa particolarmente gradita ai più piccoli, ai quali sono dedicati molti momenti di intrattenimento, animazioni, giochi e merende. Chiude la serie la Festa di La Saxe, a cura dei giovani della frazione, che hanno felicemente preso in mano le redini della manifestazione, portando in dote una forte carica di entusiasmo e molte idee.

La scoperta di un territorio non può non passare anche attraverso il gusto. “Lo Matson” è la fiera enogastronomica di Courmayeur che, come suggerisce il nome, che significa, in dialetto locale, “merenda”, propone nell’eccezionale cornice del centro formaggi, salumi, pani tipici, dolci e vini locali, ovvero i sani, semplici e genuini prodotti di una gustosa e secolare tradizione culinaria. Il 2 settembre, per tutto il giorno, le piazze e le strade del borgo ospiteranno bancarelle e stand ricchi di tentazioni per il palato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *