Quest’anno a Natale la vacanza degli italiani è una staycation

SkypeTelefoniaVoip

Il carovita, le preoccupazioni per la crisi economica incombente, i costi dei viaggi, o anche il tutto esaurito per i più fortunati … tutto sembra “congiurare” per spingere molti italiani a rimanere a casa durante il periodo delle prossime vacanze natalizie. Però oggi c’è la tecnologia che viene incontro al desiderio di rimanere comunque in contatto con le famiglie e gli amici lontani, in tempo reale e senza neanche dover spendere troppo!

Come infatti emerge da una ricerca che Skype ha commissionato a You Gov, società britannica di ricerche sociali e di mercato, sono sempre di più (32% degli intervistati) gli italiani che durante le feste natalizie “chatteranno” con gli amici utilizzando sistemi di Messaggistica Istantanea (Instant Messaging, in inglese), o che hanno pensato (25% del campione) di scambiarsi gli auguri grazie all’utilizzo di programmi di VoIP (Voice-Over­-IP, “voce su protocollo Internet”) che consentono di telefonare utilizzando Internet dal proprio PC.

Il sondaggio di You Gov, condotto su un campione di 1000 adulti – uomini e donne dai 18 anni in su – italiani residenti sul territorio, si poneva infatti l’obiettivo di scoprire come e dove passeranno le vacanze di fine anno gli europei in generale – tra cui anche gli italiani – se a casa o fuori, con la famiglia o con gli amici e quale mezzo useranno per tenersi in contatto con i propri cari.

La “Staycation” all’italiana
Sembra che quest’anno gli italiani abbiano scelto la modalità staycation (Stay-at-home-vacation) ovvero più semplicemente una “vacanza passata a casa”. Infatti ben il 36% degli intervistati pensa di trascorrere le feste di fine d’anno tra le mura domestiche, e il 21% ha dichiarato che non si sposterà dal luogo di residenza anche a causa della crisi economica; inoltre il 13% dichiara di aver ripiegato su una meta nazionale perchè ritenuta più economica di un viaggio all’estero.

Gli indecisi sono però ancora tanti: infatti un italiano su quattro non sa ancora dove trascorrerà le prossime feste. Sicuramente, molti opteranno all’ultimo minuto per una gita giornaliera fuori porta e poi magari, durante le giornate più fredde, si godranno la loro casa – possibilmente con l’aiuto di un PC e di un collegamento Skype – che permette di mantenere i contatti più importanti.

Dalla cartolina al VoIp
E visto che gli italiani in maggioranza rimarranno a casa, come si scambieranno gli auguri di Buona Natale e di Buon Anno? Il 70% degli intervistati preferiscono non abbandonare il “vecchio” telefono fisso, e, come era prevedibile, molto elevato (72%) è anche il numero degli italiani che si servirà del cellulare per il tradizionale scambio di auguri. Ma sempre di più sono gli italiani che per tenersi in contatto con i propri cari ricorreranno a nuove tecnologie: più del 30% prevede di utilizzare l’Instant Messaging e circa il 25% si servirà di un sistema VoIP, un dato molto significativo per l’Italia soprattutto se paragonato al 10% evidenziato dalla stessa ricerca effettuata in Gran Bretagna, come. Sempre a conferma di una maggiore dimestichezza con il web e la tecnologia, appare in crescita (13%). anche la percentuale di quelli che anche a Natale si mantengono in comunicazione con l’esterno dai siti di social networking. Pochi infine (10%) i “nostalgici” delle cartoline.

“Trascorrere le feste insieme ai propri familiari e ai propri amici rappresenta l’essenza stessa della tradizione del Natale all’italiana.”, afferma Mike Bartlett, portavoce di Skype. “È anche un’occasione per dimostrare ai nostri cari quanto teniamo a loro, anche se magari non sempre possiamo incontrarli di persona.”.

Gli oltre 27 milioni di italiani che ormai sono online regolarmente, hanno imparato che il luogo fisico non è un più ostacolo, anzi, grazie a tecnologie semplici efficaci e poco costose come quelle di Skype – di messaggistica e chat, da un lato, ma anche di chiamata e videochiamata, dall’altro – non è mai stato così facile rimanere in contatto anche quando si vive lontano dalle famiglie e dagli amici o anche se in certi periodi non ci si può permettere, per varie ragioni, di fare un vacanza lontano da casa.

Generazioni a confronto
Tra i più giovani ( tra 18 e 24 anni) ben il 42% degli intervistati temono che durante le Feste non riusciranno a incontrare i propri amici, mentre tra i più adulti prevale il desiderio di trascorrere le vacanze natalizie con le famiglie. Abbastanza sorprendente però il fatto che i più attaccati alle famiglie d’origine sembrano essere gli italiani tra 25 e 34 anni, infatti in questa fascia d’età il 39% esprime il timore di non poter festeggiare con la propria famiglia d’origine.

Tecnologia e differenze regionali
Degne di nota sono anche le statistiche relative alla percentuale di utilizzatori di sistemi VoIp nelle varie regioni italiane. La regione più tecnologica sembra essere la Valle d’Aosta, con un percentuale pari al 52%, seguita da Sardegna (49%) e Sicilia (37%), fino ad arrivare al Trentino Alto Adige e all’Abruzzo con il 10%.

Le migliori offerte

hiddenCountTag: 0|||hiddenCountRequest: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *