1906-2006 C’era una volta…, il calendario Lancia celebra il suo centenario

LanciaMotori

“1906-2006: C’era una volta…”, questo il titolo del calendario con il quale Lancia apre le celebrazioni nell’anno del suo centenario.
1906-2006 C'era una volta...,  il calendario Lancia celebra il suo centenario
Ideata dall’Agenzia Armando Testa e firmato da Fulvio Bonavia, uno dei più famosi fotografi italiani e vincitore dei principali concorsi internazionali, ripercorre un secolo di creazioni automobilistiche Lancia abbinandole a “invenzioni fiabesche”.

Nasce così una straordinaria galleria di immagini dove l’affascinante Beta Torpedo sfida la bellezza di Biancaneve, l’Aurelia GT racconta il sogno di Cenerentola, l’Aurelia Spider affronta il lupo di Cappuccetto Rosso e la Fulvia vola tra uncini e Peter Pan. E ancora: la Delta Rally trova il bacio della vittoria come il principe Ranocchio e la Ypsilon entra nel regno di Alice e le sue meraviglie. Insomma, ad ogni pagina le magiche linee delle automobili Lancia sposano i personaggi e le atmosfere della fantasia, dove il racconto poetico ricco di paesaggi incantati s’intreccia con una storia leggendaria fatta di vetture e progettisti, corse e motori che hanno segnato il progresso tecnologico e le vicende sportive del Novecento.

Era il 1906 quando Vincenzo Lancia scriveva la prima pagina di questa straordinaria avventura che vedrà migliaia di persone – tecnici, operai, dirigenti – avvicendarsi, nel tempo, nelle fabbriche, negli uffici e sui campi di gara. E con loro i numerosi clienti Lancia: appassionati, esigenti, amanti della bellezza e, al tempo stesso, profondi conoscitori della tecnologia più sofisticata. Qui si trovano le radici di quell’inimitabile personalità che sulle strade di ogni giorno ci fa immediatamente riconoscere un’automobile Lancia da tutte le altre che incrociamo.

Oggi, l’immaginario delle fiabe e il mondo reale di Lancia s’incontrano negli scatti di Fulvio Bonavia che, con grande sensibilità artistica, mette in risalto la capacità di entrambi di aver fatto sognare generazioni intere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *