Hyundai Veloster, prova su strada

Foto GalleryHyundaiMotoriTestVideo Gallery

Affascinante crossover che si distingue fra mille, la nuova Hyundai Veloster debutta sul mercato italiano nella sua configurazione definitiva – dopo l’anteprima europea di Ginevra del marzo scorso. Quest’originalissimo coupé 3+1 porte porta una ventata d’aria fresca sul mercato automobilistico nazionale, caratterizzato com’è dall’asimmetrica distribuzione delle portiere (due anteriori ed una posteriore), soluzione che garantisce una grande versatilità d’uso e che ben completa lo stile grintoso e filante della vettura. Pratica anche nella guida, Veloster risulta sempre maneggevole, brillante e per nulla impegnativa, grazie al propulsore 1.6 GDI benzina ad iniezione diretta da 140 cavalli. I due differenti volti della Veloster rappresentano la vera chiave di lettura di quest’innovativa “3+1 porte” dalla doppia anima, dinamica da una parte e pratica e funzionale dall’altra.
Hyundai Veloster
Infatti, la singola porta posteriore collocata sul lato del passeggero (ovvero del marciapiede…) consente di salire a bordo in tutta sicurezza in ogni condizione e sfruttare al meglio l’elevata abitabilità interna.

La lunghezza di 4.220 mm per 1.790 mm di larghezza e l’ampio passo di ben 2.650 mm sono infatti valori che permettono alla Veloster di rappresentare il nuovo riferimento della categoria anche in tema di abitabilità. Hyundai Motor Company Italy propone sul mercato nazionale quest’originale crossover in due versioni: Comfort e Sport, entrambe ricche negli allestimenti e che si differenziano nel posizionamento per raggiungere un potenziale cliente “trasversale”, in modo da continuare a sviluppare la positiva percezione del brand Hyundai in Italia ed in Europa. Si tratta di un processo consolidatosi nel 2011 grazie al successo arriso a prodotti come il C-SUV ix35 e la monovolume compatta ix20 (entrambe stabilmente presenti nella “Top 5” del proprio segmento di riferimento).

“Grazie ad un mix vincente di design, praticità e tecnologia Hi-Tech, Veloster sottolinea alla perfezione quel che abbiamo inteso comunicare con il nostro nuovo posizionamento di marca “New Thinking. New Possibilities.” spiega Fabrizio Longo, Managing Director di Hyundai Motor Company Italy. “Esplicita la crescita di Hyundai nel recente passato e l’area dove intendiamo posizionarci in futuro – sia in tema di prodotto che di brand”

La Veloster ha prezzi d’acquisto e gestione ragionevoli – grazie anche all’esclusiva garanzia “Tripla 5” con chilometraggio illimitato (5 anni di Garanzia, Assistenza Stradale e Controlli Gratuiti), un “pacchetto” che solo Hyundai è in grado d’offrire sul mercato. Peraltro, l’azienda crede così tanto nella superiore qualità delle proprie vetture da permettere, se insoddisfatti, di restituire entro un mese dall’acquisto la propria auto ed essere rimborsati al 100%, grazie alla rivoluzionaria operazione “Impegno Hyundai”. Come prima di lei in segmenti differenti sono state ix35, ix20 ed i40, anche Veloster é pronta a stupire quei nuovi clienti che entreranno negli showroom Hyundai, generando un’ulteriore diffusione e positiva percezione del marchio a livello nazionale.

Coupé non convenzionale
Lo stile della Veloster rappresenta la più moderna espressione dell’esclusivo linguaggio stilistico della “Scultura Fluida” – caratteristica che condivide con le più recenti Hyundai come il C-SUV ix35, la monovolume compatta ix20 e la wagon i40 – anch’essa in arrivo sul mercato a settembre. La personalità della Veloster si percepisce a prima vista: salta subito all’occhio il “family feeling” della griglia esagonale frontale: la “H” inserita nell’ovale del marchio è qui circondata da linee che appaiono fondamentali per comunicare la filosofia della “Scultura Fluida”, mentre il frontale è suggellato dalle prese d’aria sul cofano e dai gruppi ottici stilizzati (con fendinebbia inseriti sullo spoiler anteriore) che si protendono verso l’alto, per un’immagine decisamente grintosa. L’efficace spoilerino posteriore ed il doppio terminale di scarico cromato, posizionato al centro del retrotreno, completano degnamente l’opera.

Le linee convesse delle fiancate aiutano a creare una forma bilanciata ed emozionale, che permette un’efficace funzionalità aerodinamica. Il Cx di soli 0,32, il migliore della categoria, aiuta a contenere i consumi. L’asimmetria delle portiere conferisce un appeal unico alla Veloster che, a seconda del lato da cui la si osserva, brilla per il look filante (sinistra) o per il riuscito disegno delle portiere (destra). Il tema della fluidità si estende anche all’abitacolo, i cui rivestimenti sono di colore nero su tutte le versioni. Anche qui la determinazione della Veloster è evidente: vi sono particolari estremamente curati che richiamano lo stile esterno: come l’ elegantissima strumentazione o la console centrale, che accoglie il display 7” “touch-screen” (la cui dotazione può variare a seconda delle versioni).

Veloster è compatta fuori e spaziosa dentro – anche nel bagagliaio. I designers hanno ricavato tanto spazio interno a disposizione di guidatore e passeggeri, con l’intento di fornire un comfort di tutto rispetto per gli arti inferiori e per il busto di quattro persone, senza mai dimenticare una cospicua capacità di carico. Disponibile a richiesta un tettuccio panoramico con filtro anti-UV, che sovrasta interamente i sedili anteriori e posteriori. Nelle belle giornate, l’abitacolo viene così inondato di luce naturale, migliorando il comfort a bordo.
Hyundai Veloster
Abitabilità e Dotazioni di Serie Hi-Tech
Nonostante lo styling da coupé, l’abitabilità della Veloster può competere con le più affermate compatte del segmento C. Ad un altezza esterna di 1,39 metri corrisponde infatti quasi un metro (99cm) di spazio per la testa. A disposizione di gambe e spalle ci sono rispettivamente 1,11 ed 1,41 metri di spazio. Ma anche una giovane famiglia potrà trovare pratica la Veloster per i propri spostamenti: il divano ripiegabile (60:40) ed un valido comfort per tutti (passeggeri anteriori e posteriori) ben si sposano con l’ampio bagagliaio (320 litri), dove si può caricare di tutto.

La completa dotazione di serie della 1.6 Comfort comprende 6 airbag, ABS+EBD, TCS+ESP, poggiatesta anteriori attivi, sistemi HAC (assistenza alla partenza in salita) e VSM (gestione della stabilità), servosterzo con volante regolabile in altezza/profondità e rivestito in pelle, alzacristalli elettrici, 2 prese 12V, antifurto con telecomando e chiusura centralizzata, cerchi in lega leggera da 17”, pneumatici 215/45 con sensore di pressione (TPMS), climatizzatore automatico, fendinebbia, impianto stereo integrato con display 7” TFT touch-screen, lettore CD+MP3 con comandi al volante, presa AUX-USB e gli specchietti retrovisori esterni regolabili e riscaldabili elettricamente (con indicatori di direzione integrati).
Hyundai Veloster
Fra gli optional della Comfort (Advanced Pack) troviamo il sistema ISG (Stop &Go), che permette di contenere le emissioni a soli 137 g/km di CO2 (ciclo combinato), gli inserti della carrozzeria relativi al paraurti ed alla griglia frontale, l’accensione a pulsante con “smart card”, i sensori di parcheggio e di attivazione luci, sistema audio con subwoofer, connettività Bluetooth ed il navigatore satellitare con mappe europee.

La brillante Hyundai Veloster 1.6 Sport vanta un’estetica ancor più grintosa: si riconosce infatti per gli inserti colorati nei cerchi in lega da 18”, talvolta in contrasto con la colorazione principale (ad esempio, chi sceglie una Veloster Sport di colore bianco troverà inserti neri sui cerchi). In questa versione si aggiungono al precedente equipaggiamento Comfort anche gli pneumatici 215/40, la strumentazione ad alta leggibilità, la pedaliera sportiva in alluminio, i sedili rivestiti in pelle e stoffa (con quello del guidatore caratterizzato della regolazione lombare elettrica), connettività Bluetooth, sensore accensione/spegnimento luci e specchietti esterni ripiegabili elettricamente.

Nel “pacchetto” degli optional previsti per questo modello (Premium Pack) vi sono anche gli inserti della carrozzeria relativi al paraurti ed alla griglia frontale, l’accensione a pulsante con “smart card”, i sensori d’attivazione luci, sistema audio con subwoofer, la connettività Bluetooth ed il navigatore satellitare con mappe europee. Ma la vera punta di diamate di questo “pacchetto” sono comunque il tettuccio elettrico panoramico, con sensori di parcheggio e retrocamera: in questo caso, la telecamera posteriore (con lente grandangolare) invia allo schermo LCD da 7” un’ampia visione (130°) dell’area retrostante con annessi spazi di pericolo (verde, giallo, rosso), per facilitare la retromarcia od ogni altra manovra in spazi angusti.
Hyundai Veloster
La Veloster è equipaggiata con un motore benzina 1.6 litri “Gamma GDI” con iniezione diretta, 16 valvole bialbero (DOHC) in testa con fasatura variabile (CVVT). Blocco motore e testata dei cilindri sono realizzati interamente in alluminio per contenere il peso e massimizzare l’erogazione del propulsore, che eroga 140 cavalli a 6300 giri/minuto, con una robusta coppia di 167 Nm a 4850 giri/min. Per questa crossover è stato adottato un cambio manuale a 6 marce, per un equilibrio ideale fra prestazioni e consumi di carburante (soli 5,9l/100km nel ciclo combinato per la versione ISG). Dall’autunno 2011 sarà inoltre disponibile anche una versione con trasmissione DCT a 6 rapporti (cambio robotizzato a doppia frizione) con comandi al volante – una novità assoluta per l’intera gamma Hyundai.

Il nuovo DCT abbina i vantaggi di un cambio manuale, fra cui la guida sportiva ed un minor consumo complessivo, a quelli di una trasmissione automatica – il relax nella guida in città e la dolcezza della risposta. Altri benefit sostanziosi sono i miglioramenti in accelerazione (fra il 3% ed il 7%) e nel consumo (dal 5 al 6%). Ottima la tenuta di strada e la direzionalità in ogni condizione di guida, grazie alla presenza sull’anteriore di sospensioni indipendenti tipo MacPherson con barra stabilizzatrice.

Versione Blue Drive
Nella versione “Blue Drive” (modello Comfort), Veloster sfoggia un efficace sistema “Start & Stop” (ISG) che, abbinato ad un efficace gestione dell’alternatore, ai rivestimenti inferiori del vano motore ed agli pneumatici con ridotta resistenza al rotolamento, permette di contenere le emissioni di CO2 in soli 137 g/km e consumi nell’ordine dei 5,6 litri per 100 chilometri.
Hyundai Veloster
Rumorosità Contenuta
La rumorosità della vettura (NVH) è stata ulteriormente contenuta inserendo rivestimenti fonoassorbenti in gomma di maggior spessore rispetto al solito: riescono ad isolare efficacemente l’abitacolo dalle risonanze e dal rumore proveniente dalla superficie stradale, lasciando al guidatore il piacere di sentir “cantare” soltanto il motore.

I prezzi
La Hyundai Veloster 1.6 Comfort è in vendita a 21.900 euro, mentre la Sport è in listino a 23.500 euro (prezzi tutti “chiavi in mano”, IPT esclusa). Il cambio DCT è offerto come optional su tutte le versioni a 1490 euro. Dieci le colorazioni: metallizzate, monocromatiche (giallo, bianco) e perlate (arancio, azzurro, verde e l’aggressivo nero).

Le migliori offerte

hiddenCountTag: 0|||hiddenCountRequest: 0

1 Commento

  1. gianfranco ha detto:

    ho comprato la veloster sport ma il tettuccio apribile dopo i 130klh comincia a fare fruscio e sempre più forte a 150klh bisogna alzare la voce, spero che non entri acqua mandi dal friuli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *