Lexus, premiere mondiale del Kinetic Seat Concept al Motor Show di Parigi

LexusMotori

Il rivoluzionario KINETIC SEAT CONCEPT di Lexus fa il suo debutto al Motor Show di Parigi; la sua esclusiva costruzione a rete rivoluziona i canoni di progettazione delle sedute per auto.

Negli esseri umani la spina dorsale aiuta a tener ferma la testa, consentendo al bacino e al torace di girare in direzione opposta anche durante una passeggiata oppure facendo jogging. Per poter ricreare questo movimento, la base e lo schienale del Lexus Kinetic Seat sono mobili e ruotano attorno a un perno collocato al centro dello schienale, all’altezza della scapola. Questa soluzione permette, appena seduti, di contenere il movimento della testa dovuto alla marcia della vettura, riducendo l’affaticamento ai danni degli occupanti e massimizzando i livelli di comfort.

La ‘tappezzeria’ del sedile è formata da una rete flessibile a tela di ragno i cui fili si estendono a raggiera dalla parte centrale dello schienale. La rete è sufficientemente flessibile da adattarsi al corpo degli occupanti e da disperdere i carichi per agevolare una permanenza a bordo più confortevole. La parte centrale dello schienale è posizionata all’altezza della scapola, consentendo un movimento rotatorio del torace attorno all’asse centrale del sedile. In questo modo la testa resta stabile e il sedile riesce a garantire il massimo supporto del corpo. Inoltre la struttura del sedile è stata resa particolarmente sottile al fine di ridurre il peso complessivo della vettura.

Le maglie dei sedili sono realizzate con un materiale eco-compatibile che riproduce la seta prodotta dai ragni* per tessere la propria tela. Questa soluzione va a sostituire i materiali solitamente utilizzati e derivati dal petrolio. La componente principale del QMNOS TM è una proteina, creata attraverso un processo di fermentazione microbica e successivamente lavorata per essere trasformata in un materiale di straordinaria resistenza ed elasticità.

Le migliori offerte

hiddenCountTag: 7|||hiddenCountRequest: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *