Prima giornata di apertura per My Special Car Show

MotoriMy Special Car Show

Una splendida giornata primaverile ha salutato la prima giornata di apertura di My Special Car Show, il Salone dell’Auto Speciale e Sportiva che rimarrà aperto fino a domenica a Rimini Fiera.
My Special Car Show
Il presidente di Promotor International Alfredo Cazzola ha aperto il convegno inaugurale che si è svolto in mattinata, dal titolo “Componenti per auto in aftermarket. Aspetti di mercato e normativi”, sottolineando l’esclusività di My Special Car Show, unica manifestazione dedicata alla personalizzazione dell’automobile che comprende sia spazi espositivi sia aree dedicate ai raduni.

Gian Primo Quagliano, direttore del Centro Studi Promotor, ha proseguito affermando che nel primo trimestre di quest’anno, anche per effetto del positivo andamento del mercato automobilistico complessivo, il settore della personalizzazione dell’auto ha realizzato un giro d’affari di 408 milioni di euro con un incremento sullo stesso periodo dell’anno precedente del 13%. Questa forte crescita è dovuta soprattutto al più dinamico tra i tre comparti presenti a Rimini: quello del car audio e video/car entertainment, che ha realizzato nel trimestre un fatturato di 144 milioni di euro con una crescita del 30%, dovuta soprattutto al forte sviluppo delle vendite di navigatori in aftermarket. Meno dinamico, ma comunque in crescita nel primo trimestre, il settore delle gomme e dei cerchi con 146 milioni di giro d’affari e un incremento sul primo trimestre del 2005 del 5%. Soddisfacenti anche i risultati del settore del tuning, che, con 118 milioni di giro d’affari nel primo trimestre, cresce del 7%. Marco Mauri, Direttore automotive TÜV Italia, ha poi esposto il quadro della normativa sulle omologazioni che – ha successivamente affermato il presidente dell’ASCAR (Associazione Produttori e Distributori di Accessori e Componenti per Autoveicoli) Renato Gallo – condiziona fortemente lo sviluppo della personalizzazione dell’auto in Italia. Infatti le norme attualmente in vigore non tengono conto dello sviluppo che la normativa sulla personalizzazione dell’auto ha avuto in Europa e soprattutto non considerano le esigenze del mercato, che conferma invece – e i numeri in crescita di My Special Car Show ne sono la dimostrazione – di essere in positiva evoluzione. Ha poi concluso i lavori l’Onorevole Mauro Del Bue, sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, che ha dichiarato la disponibilità e l’impegno del suo Ministero a risolvere il problema della modifica della normativa sulla personalizzazione delle autovetture intervenendo sull’articolo 72 del codice della strada con l’introduzione di un nuovo comma 7 bis.

Il pomeriggio è proseguito con l’arrivo a My Special Car Show dei giornalisti partecipanti al Rally della Stampa – Memorial Raffaella Govoni, che hanno visitato il Salone.

Si è poi aperta la tavola rotonda organizzata da Quattroruote, Car Emotion e dal Centro Studi Promotor, moderata da Mauro Tedeschini (direttore di Quattroruote) sul tema “Le serie speciali presenti nei listini delle Case Automobilistiche”. Il Centro Studi Promotor ha aperto l’incontro introducendo i risultati della ricerca dal titolo “Le serie speciali: problema o opportunità?” condotta presso un campione di 400 concessionari, dalla quale è emerso come nonostante l’ormai straordinaria offerta di modelli e di versioni proposte dalle Case quasi il 50% degli acquirenti ordini vetture dotate di almeno un optional e il 14% provveda a far montare ulteriori accessori in un secondo tempo. Particolare efficacia – secondo i concessionari – hanno i modelli che nascono dagli abbinamenti con marchi di moda e design, che consentono di migliorare l’immagine del prodotto e di comunicare con efficacia in particolare con il pubblico giovane e femminile. Queste tesi sono state condivise dai partecipanti alla tavola rotonda (Massimo Borio, Direttore Marketing Citroen Italia – Pietro Negra, Amministratore Delegato Pinko – Marco Mescolino Consulente creativo Pinko – Giovanni Accongiagioco, Responsabile Marketing BTL del Brand Fiat – Massimo Bortott, Responsabile licensing di Alessi – Luciano Iengo, Brand Manager Renault Modus – Angelo Bencivenga, Advertising Manager Renault Italia – Sergio Perego, Direttore Marketing Peugeot Italia) che hanno sottolineato come oggi le serie speciali non vengano più utilizzate come un tempo per rivitalizzare modelli ormai a fine carriera, ma siano concepite sin dal lancio come parte integrante della strategia di comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *