Saab 9-5 BioPower, proposta unica nel segmento

MotoriSaab

Proponendo su automobili di classe superiore come le nuove Saab 9-5 Berlina e Wagon il motore 2.0t BioPower alimentato ad etanolo, la Casa svedese del gruppo General Motors apre la strada ad una fonte d’energia rinnovabile, che riduce le emissioni di biossido di carbonio (CO2).
Saab 9-5 BioPower
Questo propulsore non ha solo un minore impatto sull’ambiente, ma eroga anche maggiore potenza e garantisce prestazioni superiori rispetto ad un analogo motore a benzina.

Qualora poi l’etanolo non fosse reperibile, è in grado di funzionare anche a benzina in qualsiasi proporzione senza che il guidatore debba apportare alcuna regolazione. Il suo utilizzo non sottrae spazio al bagagliaio della vettura in quanto si utilizza il normale serbatoio della vettura.

L’etanolo per uso commerciale è ricavato dai raccolti agricoli oppure dai residui boschivi. Diversamente dalla benzina, che deriva dal petrolio, il suo consumo non fa aumentare nell’atmosfera i livelli di biossido di carbonio (CO2), gas che, come noto, è responsabile dell’effetto serra. La quantità di CO2 emessa nella guida è esattamente uguale a quella assorbita dall’atmosfera durante la crescita dei prodotti che poi saranno utilizzati per essere convertiti in etanolo.

Quando funziona con il carburante E85 (una miscela formata da un 85% di etanolo e da un 15% benzina), il motore 2.0t BioPower di Saab 9-5 sviluppa 180 CV (132 kW) e ha una coppia massima di 28,5 kgm (280 Nm). Se invece è alimentato a benzina la potenza è di 150 CV (110 kW) e la coppia di 24,5 kgm (240 Nm). La maggiore potenza (+20%) e coppia motrice (+16%) si traducono in prestazioni ancora più sportive. Ciò consente a Saab 9-5 Berlina di raggiungere i 100 km/h in appena 8.5 secondi e di riprendere in quinta marcia da 80 a 120 km/h in 12.6 secondi (rispettivamente 9.8 e 14.9 secondi se alimentata a benzina). Il carburante E85 ha un numero di ottano (104 RON) che è molto superiore a quello della benzina e si adatta perfettamente ai motori turbo.

La flessibilità tipica della centralina elettronica Trionic che gestisce i motori Saab ha permesso una facile riprogrammazione, tenendo conto delle differenti esigenze del carburante E85 per quanto riguarda la fasatura di accensione e la miscela aria/carburante. Trionic tiene continuamente sotto controllo il motore, individua eventuali correttivi ed apporta le modifiche necessarie perché possa utilizzare l’E85 oppure la benzina in qualsiasi combinazione.

Ordini superiori alle attese
Inizialmente disponibile solo sulla nuova Saab 9-5 Berlina e Wagon, il motore BioPower è stato lanciato con successo in Svezia dove le infrastrutture per la distribuzione del carburante E85 sono in rapido sviluppo. Si prevede che ciò avverrà anche su altri mercati internazionali. Fino a questo momento le vendite della nuova Saab 9-5 BioPower stanno superando le aspettative della Casa svedese.

Ad Agosto sono iniziate le consegne dei primi esemplari di Saab 9-5 2.0t BioPower (versione attualmente riservata al mercato svedese) ed oggi circolano già 800 automobili di questo tipo. Finora i concessionari hanno raccolto oltre 2.000 prenotazioni ed i tempi di consegna si aggirano attorno ai due mesi. Al momento attuale le versioni BioPower rappresentano il 50% delle vendite di Saab 9-5 in Svezia, una percentuale che è destinata ad aumentare ulteriormente il prossimo anno quando, a partire da Gennaio, sarà disponibile anche la versione con cambio automatico. Particolarmente sostenuta da parte degli autoparchi aziendali e delle società di autonoleggio (Avis ha ordinato recentemente 400 vetture di questo tipo). L’impiego di Saab BioPower permetterà anche a molte società ed enti pubblici di rientrare nei limiti della normativa ISO 14001 sulle emissioni.

Iniziativa paneuropea
L’Unione Europea è impegnata a ridurre le emissioni di gas che possono aumentare l’effetto serra, incoraggiando un maggior uso di bio-carburanti per autotrazione. Autovetture Saab 9-5 BioPower saranno impegnate in dimostrazioni in sei Paesi europei: Olanda, Gran Bretagna, Italia, Irlanda, Spagna e Svezia.
Questa iniziativa denominata BEST (BioEthanol for Sustainable Transport ovvero bio-etanolo per un trasporto sostenibile) partirà alla fine di quest’anno e vedrà coinvolte Saab, Scania e Ford Europe, produttori di etanolo e centri ricerche universitari. Enti pubblici e grandi aziende avranno così l’opportunità di provare e di valutare direttamente come si comportano su strada i veicoli a bio-etanolo.

Una direttiva dell’Unione Europea sulla tassazione dell’energia consente agli Stati membri di apportare riduzioni fiscali od esenzioni totali al fine di incoraggiare l’uso di bio-carburanti allo stato puro oppure miscelati con altri. In Svezia questa procedura è già in vigore. Oltre a poter contare su il prezzo, che nel caso di E85 è inferiore del 25% rispetto a quello della benzina, gli utenti di Saab 9-5 BioPower sono esentati dal pagamento del parcheggio nel centro città e possono beneficiare di una riduzione del carico fiscale se guidano una vettura aziendale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *