Suzuki Swift 1.0 Hybrid, prova su strada

MotoriSuzukiTest

Dopo averla vista sotto i riflettori del salone di Ginevra 2017, abbiamo provato la nuova Swift, piccola di casa Suzuki che mostra un progetto tutto nuovo. Da cima a fondo. Il nuovo modello è ora incline alla guida più sportiva, senza però tralasciare la tradizionale praticità che lo ha da sempre contraddistinto, soprattutto in città.

Cambia tutto sulla nuova Swift: le dimensioni, il peso (meno 120 kg rispetto alla precedente generazione), i contenuti e le motorizzazioni grazie all’arrivo dell’ibrido. Basata sulla piattaforma di nuova generazione Heartect, che condivide con la Baleno, la Swift 2017 misura 3,84 metri di lunghezza perdendo un centimetro rispetto al modello uscente e due in altezza che arriva a 149,5 cm, guadagnandone invece ben 4 in larghezza, che tocca i 1735 mm. Anche il passo, 245 cm, diventa più lungo di 2 centimetri. la novità più evidente è al frontale dove la calandra è molto più ampia e i fari a led hanno un taglio più sottile.

Gli interni sono sobri. C’è tutto ma senza fronzoli (come da sempre nella filosofia del Marchio giapponese). L’abitacolo è ampio e il bagagliaio da 267 litri ha una buona capienza anche se il carico non è facilissimo per il dislivello tra soglia di carico e pianale. Nella plancia spiccano altri elementi circolari come i comandi del condizionatore e le bocchette di aerazione, separati dallo schermo touch da 7 pollici da dove si può gestire il sistema di infotainment con connettività Bluetooth e USB, supporto Apple CarPlay, Android Auto e MirrorLink e slot per SD card, sistema DAB+.

Noi abbiamo provato la versione 2WD 1.0 BOOSTERJET HYBRID da 112 cv, in allestimento S. Su strada il Boostejet ibrido a tre cilindri rende la Swift maneggevole e scattante. Si tratta di un ibrido a tutti gli effetti, che usufruisce delle agevolazioni previste dalle normative nazionali e locali in fatto di bollo, pagamento del parcheggio e accesso alle Ztl. La parte elettrica supporta il motore a benzina in fase di accelerazione e ripresa, sfruttando l’energia prodotta in fase di frenata e accumulata in una batteria agli ioni di litio da 12 V, contribuendo a ridurre i consumi.

La nuova Suzuki Swift è disponibile in quattro allestimenti, Easy, Cool, Top ed S. Easy dispone già di serie, di una dotazione di accessori, completa, che comprende l’impianto audio con lettore CD/MP3, il clima manuale, i cerchi in lega da 15 pollici, le luci diurne a LED. Nella versione Cool, si aggiungono anche i cerchi in lega da 16 pollici, i vetri posteriori oscurati ed il sistema multimediale con display touch screen da 7 pollici.

Oltre a tutto questo, la Top offre i cerchi in lega da 16 pollici bi-color, fari anteriori e posteriori FULL LED, il navigatore satellitare con mappe 3D, il pacchetto ADAS (Adaptive Cruise Control, sistema attento frena, guidadritto, restasveglio e chiaviintasca). Infine la S aggiunge all’allestimento TOP Hybrid la griglia anteriore sportiva a nido d’ape con listello rosso. Sul fronte della sicurezza sono presenti tutti i sistemi di ausilio alla guida più moderni come la frenata assistita con il sistema “Attentofrena”, lane departure warning “Guidadritto”, monitoraggio della stanchezza “Restasveglio”, abbaglianti automatici e cruise control adattivo.

I prezzi partono dai 13.990 euro per la versione equipaggiata con motore a benzina 1.2 DualJet da 90 CV, fino ad arrivare ai 19.190 euro per la versione 1.2 Hybrid da 90 cavalli con trazione integrale, abbinata al cambio manuale a 5 rapporti.

Le migliori offerte

hiddenCountTag: 3|||hiddenCountRequest: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *