Ford all’avanguardia in Europa con le vetture alimentate al bio-etanolo

FordMotori

Ford presenta la nuova generazione Focus Flexi-Fuel e una versione Flexi-Fuel di Ford Focus C-MAX, confermando la sua leadership come costruttore di veicoli alimentati ad etanolo in Europa. Le vetture sono oggi disponibili anche per il mercato italiano.

Garantendo una riduzione fino al 70% delle emissioni complessive di CO2 (biossido di carbonio), le nuove Focus e Focus C-MAX Flexi-Fuel giocano un ruolo fondamentale nel vasto approccio e nei molteplici sforzi che Ford dedica alla mobilità sostenibile.

Tecnologia facile da usare
I nuovi modelli Focus e Focus C-MAX Flexi-Fuel, disponibili per il mercato europeo, sono capaci di funzionare sia con bio-etanolo (E85) che con benzina o miscelando entrambi in un solo serbatoio carburante, rendendoli veramente flessibili, sia in termini di tecnologia, sia come utilizzo da parte del cliente. Poiché il bio-etanolo è un combustibile rinnovabile, derivato da piante (cereali, barbabietole, ecc…) o biomassa (scarti di legno), il fondamentale beneficio ambientale è la riduzione delle emissioni di CO2 – il principale gas effetto-serra responsabile del riscaldamento terrestre.
Quando si usa questa biomassa o materiali derivati dalle piante, per ricavare bioetanolo combustibile, il circuito della CO2 può essere in larga parte di tipo chiuso. Nel processo di fotosintesi il biossido di carbonio viene assorbito dalle piante, durante la loro crescita per essere rilasciato solo quando il bio-etanolo viene usato come combustibile. In tal modo l’uso di bioetanolo come carburante può portare a una riduzione del 70% nelle emissioni totali di CO2 rispetto a un normale motore alimentato solo con benzina.
Oltre a portare benefici, in termini di ridotte emissioni di CO2 nell’aria, Focus Flexi-Fuel ha livelli di emissioni, come il Nox, più bassi, rispetto a molti veicoli tradizionali a benzina.

Dov’è la differenza?

La tecnologia per raggiungere livelli ridotti di CO2 non è poi così differente dai normali modelli Focus benzina. Sostanzialmente, sono tre le modifiche apportate rispetto al modello standard.
In primo luogo, le valvole e le sedi valvole del motore 1.8, 16 valvole benzina sono realizzate con un materiale speciale indurito.
Secondo, c’è una mappatura variabile per l’accensione, che si adatta al rispettivo rapporto di bio-etanolo e benzina presente nel serbatoio carburante. Ciò viene fatto automaticamente, senza che il guidatore debba procedere ad alcuna regolazione.
Per finire, poiché il bio-etanolo combustibile ha caratteristiche di avviamento a freddo meno positive rispetto alla benzina, il monoblocco ha un preriscaldamento particolarmente efficace una volta che la temperatura scende al di sotto di -15°C.
Massimo Pasanisi, Presidente e Amministratore Delegato di Ford Italia, “La parola chiave per Ford è sempre stata INNOVAZIONE, dal Modello ” T ” alla linea di assemblaggio, dalle cinture di sicurezza agli airbag laterali per il passeggero. Ora l’innovazione Ford si rivolge alle nuove tecnologie e siamo di nuovo i primi a proporre una vettura europea “flexi-fuel”. Ford ha raccolto la sfida per una mobilità rispettosa dell’ambiente”.

Le migliori offerte

hiddenCountTag: 0|||hiddenCountRequest: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *