Masterchef Italia, oltre 1 milione di spettatori per la prima puntata della nuova edizione

CucinaSkySocietà

Il debutto della nuova edizione di “MasterChef Italia” con la giuria composta da Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli, in onda ieri dalle 21.15 su Sky Uno/+1 e anche on demand, è stato seguito da 1 milione 26 mila spettatori medi e 1 milione 455 mila spettatori unici.

La media delle prime due puntate del cooking show, prodotto da Endemol Shine Italy, è stata di 923 mila spettatori medi, con una share media del 3,4% su Sky Uno.

Molto alta la permanenza, a quota 71%, un dato che si è mantenuto costante per tutta la durata del programma.

Tantissimi anche quest’anno i concorrenti che hanno preso parte alle selezioni: davanti ai tre temutissimi giudici, gli aspiranti MasterChef di questa edizione hanno presentato i loro piatti di punta. Mentre tra tante emozioni e colpi di scena alcuni di loro hanno già conquistato il grembiule bianco, che li porta alla sfida finale, in 27, con il grembiule grigio, dovranno ancora dimostrare il loro talento nei test di abilità. I giudici hanno scommesso anche su Andrea, Elisa e Giulia, che avevano ricevuto un solo sì, apponendo la loro firma sul grembiule grigio, dando loro dunque una seconda possibilità. Tanti i momenti che hanno fatto ridere e sorridere i tre giudici, in particolare quello di Anna Maria, salentina, casalinga e mamma di tre figli. Anna Maria conquista subito i giudici con il suo carisma e la sua ironia: si presenta a MasterChef non solo per mettere alla prova se stessa ai fornelli ma anche per mettere alla prova i figli e il marito a cavarsela senza di lei!

Sui social network, ieri “MasterChef Italia” risulta essere il programma televisivo più commentato della serata generando 153.200 interazioni complessive, di cui l’83% su Instagram.

L’hashtag #MasterChefIt ha ottenuto 2.791 citazioni su Twitter ed è entrato nella classifica dei Trending Topic italiani rimanendo in tendenza fino alle prime ore di questa mattina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *