Tre vittorie per il Tony Kart Racing Team con Flavio Camponeschi a Suzuka

SportTony Kart

KF1 – Sin dalle prove libere i mezzi si sono mostrati competitivi ed i piloti hanno lavorato per ottimizzare al massimo il set-up. Grazie all’affidabilità e alla competitività dei materiali Carlos Gil, Teemu Petjoi ed Armand Philo si sono potuti dedicare alla conoscenza approfondita dei 1.264 metri del Suzuka Circuit. Nella prima sessione di qualifica, svoltasi sabato 19 Maggio, Camponeschi ha siglato il quarto tempo con 47.470. E’ stata ottima anche la performance di Armand Philo, entrato nella top ten con il nono tempo. La pole position se l’è aggiudicata Daiki Sasaki, pilota del team a noi vicino Kosmic Kart Racing Department.

Nelle manche Camponeschi ha subito fatto valere il suo potenziale e quello del suo mezzo, mettendo a segno zero penalità, con due vittorie.

In gara-1 e gara-2 la supremazia già evidenziata da Camponeschi-Tony Kart-Vortex è esplosa positivamente ed il portacolori ha condotto due finali perfette, è scattato dalla prima posizione ed ha staccato il gruppo con apparente facilità. In entrambe le gare Camponeschi ha preceduto Daiki Sasaki.

La seconda gara ha visto tra i suoi protagonisti anche il pilota giapponese Takashi Kasai, autore di una rimonta conclusa in zona punti, con il settimo posto e con tanto di best lap.

Nella seconda giornata di gare i colori Tony Kart e Vortex sono stati ancora protagonisti assoluti con Camponeschi e gli altri piloti ufficiali Petjoi e Gil, questi ultimi due si sono inseriti nella lotta per conquistare punti importanti nella classifica.

Gara-3 è stata emozionante e sotto la bandiera a scacchi il successo è andato a Sasaki che ha preceduto Camponeschi. Una penalizzazione inflitta al pilota del Kosmic Kart Racing Department ha consegnato a Camponeschi il terzo successo iridato del week-end.

La gara conclusiva dell’appuntamento iridato è partita in modo poco fortunato e nel corso del primo giro Camponeschi, in testa alla corsa, ha avuto una digressione sul cordolo. Nello sfortunato episodio, causato dall’accesa bagarre delle prime fasi di gara, Camponeschi ha perso numerose posizioni (12°).

L’episodio, che ha visto Camponeschi perdere il contatto con i primi, ha esaltato le prestazioni velocistiche del pilota e del suo mezzo, evidenziando il perfetto set-up del RACER EVRR e la “delicatezza” con cui il telaio sfrutta al massimo le coperture. Sotto la bandiera a scacchi la rimonta si è completata e Camponeschi è salito sul podio coronando un’altra prestazione maiuscola.

Le due gare della domenica hanno permesso a Carlos Gil e Teemu Petjoi, al debutto iridato, di assimilare al meglio i meccanismi dell’evento su quattro gare. Entrambi hanno così concluso la finale-4 nelle prime posizioni, Gil è arrivato settimo e Petjoi ottavo.

Al termine del primo dei due appuntamenti che assegneranno il mondiale la classifica vede Flavio Camponeschi primeggiare con ben 75 punti e 15 lunghezze di margine su Sasaki. Nella top ten iridata, in nona posizione, c’è anche l’altro pilota ufficiale Armand Philo, nono, e concreto nel corso di tutto il week-end.

KF2 – I successi iridati di KF1 sono stati ben supportati dai risultati ottenuti nell’Asia Pacific di KF2, categoria in cui i nostri piloti Damiano Fioravanti e Federico Panetta hanno conteso il successo al Kosmic Kart-Vortex di Nicklas Nielsen. Panetta ha ottenuto in qualifica un formidabile 48.701, tempo che lo ha posto in terza posizione, ad un soffio dalla pole. Nelle manche Panetta ha centrato due secondi posti, conquistando la terza fila e Fioravanti ha preso la decima posizione.

In finale a spuntarla è stato il bravo Nielsen, ma ad insidiare il nuovo campione Asia Pacific è stato Damiano Fioravanti.

Federico Panetta ha suggellato un week-end certamente positivo, salendo per la prima volta sul podio di una gara CIK-FIA e togliendosi anche la soddisfazione di siglare il miglior crono della finalissima, con 49.038.

Tra le tante note positive dell’appuntamento sul Suzuka Circuit va annotato anche un importantissimo risultato. Le prime sette posizioni dell’Asia Pacific vede telai prodotti nella factory di Prevalle, infatti troviamo quattro Kosmic Kart e tre Tony Kart. Un risultato che enfatizza la qualità dei prodotti, sempre competitivi, che siano impiegati da team ufficiali, o che siano a disposizione di ottimi team privati.

Nelle primissime posizioni della classifica si trova Ryota Kiyhoara, pilota che ha vinto il Rok Talent Award 2011, e che riceverà in premio dalla Vortex la possibilità di gareggiare con i colori Tony Kart ufficiali durante il Campionato Europeo e la Coppa del Mondo di KF2.

Flavio Camponeschi – Pilota Tony Kart Racing Team e vincitore delle prime tre gare del Campionato del Mondo CIK-FIA KF1 2012. “Sono felice e non potrebbe essere diverso. Se prima della partenza per Suzuka mi avessero detto che il risultato finale sarebbe stato questo, avrei stentato a crederci. Tutto funziona magnificamente, il materiale tecnico ed il team mi hanno permesso di raggiungere questo primo obiettivo.Nella prima giornata ho corso con una certa scioltezza, sono sempre stato veloce e non ho fatto fatica a scappare al comando e vincere. Nella prima gara di domenica la fortuna mi ha dato un aiuto, con la penalizzazione di Sasaki. Non sono stato molto fortunato, invece, nell’ultima gara, dopo essere rimasto attardato nel primo giro ho fatto una rimonta ottima e se non fossi stato costretto ad inseguire avrei potuto dire la mia per la vittoria.”

hiddenCountTag: 1|||hiddenCountRequest: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *